La Caritas dentro le sfide attuali - CARITAS TARVISINA

La Caritas dentro le sfide attuali

Il tempo che stiamo vivendo è certamente contrassegnato da difficoltà e problematiche che stanno fortemente indebolendo il tessuto sociale e che stanno facendo precipitare molte persone nel baratro della disperazione. La povertà, nel suo aspetto multidimensionale, ci sta dicendo che ogni uomo, prima o poi, deve fare i conti con la propria debolezza e fragilità. Inoltre ci aiuta a comprendere che andando avanti da soli rischiamo di rimanere schiacciati dal vortice delle difficoltà. È necessario quindi riscoprire l’importanza delle relazioni e della solidarietà, che vadano oltre il forte individualismo.

Nell’attuale contesto la Caritas Diocesana avverte la responsabilità di non fermarsi all’analisi, a volte drammatica della povertà, ma percepisce l’appello forte che viene dal Vangelo a vivere il processo di incarnazione nella storia di oggi, imparando a guardarla con gli occhi e il cuore di Dio. La sfida è quella di non cadere nell’illusione frustrante di voler risolvere tutti i problemi, ma è quella di assumerli, imparando a promuovere la vita di ogni persona, onorandola nella sua sacralità e unicità. In modo molto chiaro la povertà, con le sue nuove sfaccettature, ci provoca alla conversione, alla revisione del nostro stile di vita e della modalità con cui viviamo anche la fede.

Oggi, più che mai Caritas è chiamata a rispondere con forza alla sua missione educativa e pedagogica attraverso opere concrete che aiutino le persone e la società a farsi le domande giuste. È importante che si riscopra la centralità della persona e che ad ognuno venga offerta la possibilità di riattivare le proprie risorse. Dinanzi alle difficoltà crescenti che stanno mettendo in difficoltà molte famiglie e alla solitudine che imprigiona la voglia di vivere di molti uomini e donne, come Caritas dobbiamo riconoscere il nostro limite e la nostra impotenza. Non è possibile rispondere alle difficoltà attuali con una logica basata ancora una volta sulla forza delle risorse di cui si dispone. È necessario incidere strutturalmente sugli stili di vita, sulle scelte politiche delle istituzioni e anche della Chiesa, superando la logica dell’elemosina e dell’opera di carità fatta una tantum. Si tratta di attivare percorsi di condivisione e di prossimità, in cui non ci si limita a dare il superfluo, ma ci si assume la responsabilità di disegnare percorsi di equità e giustizia.

In un determinato periodo della sua storia la Caritas ha attivato molti servizi che hanno intercettato il bisogno di molti poveri e che sono arrivati al cuore della società come parole forti che hanno smosso la coscienza e portato ad emersione molte domande scomode. Oggi, pur mantenendo un impegno concreto nel servizio alle persone, Caritas avverte la necessità di stimolare le istituzioni e le comunità cristiane a considerare i poveri come risorsa e parte integrante della società. Si tratta di maturare la consapevolezza che la situazione degli altri, soprattutto dei più poveri ci riguarda, ci appartiene. È necessario maturare un senso di responsabilità che ci aiuti a custodire e promuovere la dignità di ogni persona. Le scelte sociali, economiche, politiche, religiose devono avere come criterio non quello dell’interesse, ma il bene della persona e quindi della comunità. Si tratta allora di affermare con coraggio che la lotta alla povertà è un capitolo che deve restare sempre al centro e che chiede la lungimiranza di strutturare delle attenzioni e dei servizi per promuovere un mondo migliore. Come ci invita papa Francesco nell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium siamo chiamati ad aver cura della fragilità : “Gesù, l’evangelizzatore per eccellenza e il Vangelo in persona, si identifica specialmente con i più piccoli (cfr Mt 25,40). Questo ci ricorda che tutti noi cristiani siamo chiamati a prenderci cura dei più fragili della Terra. Ma nel vigente modello “di successo” e “privatistico”, non sembra abbia senso investire affinché quelli che rimangono indietro, i deboli o i meno dotati possano farsi strada nella vita. È indispensabile prestare attenzione per essere vicini a nuove forme di povertà e di fragilità in cui siamo chiamati a riconoscere Cristo sofferente, anche se questo apparentemente non ci porta vantaggi tangibili e immediati: i senza tetto, i tossicodipendenti, i rifugiati, i popoli indigeni, gli anziani sempre più soli e abbandonati, ecc. I migranti mi pongono una particolare sfida perché sono Pastore di una Chiesa senza frontiere che si sente madre di tutti. Perciò esorto i Paesi ad una generosa apertura, che invece di temere la distruzione dell’identità locale sia capace di creare nuove sintesi culturali. Come sono belle le città che superano la sfiducia malsana e integrano i differenti, e che fanno di tale integrazione un nuovo fattore di sviluppo! Come sono belle le città che, anche nel loro disegno architettonico, sono piene di spazi che collegano, mettono in relazione, favoriscono il riconoscimento dell’altro! Piccoli ma forti nell’amore di Dio, come san Francesco d’Assisi, tutti i cristiani siamo chiamati a prenderci cura della fragilità del popolo e del mondo in cui viviamo”.

La Caritas avverte la necessità di annunciare attraverso le sue scelte l’annuncio evangelico che ha come conseguenza la scelta preferenziale dei poveri. È stato percorso un tratto di strada molto importante, ma il cammino che ci sta davanti ci invita a lavorare in rete per costruire ponti di comunione e di solidarietà dove siano salvaguardati la dignità e i diritti di ciascuno. L’attenzione al povero e la carità devono diventare sempre più il cuore che orienta le scelte e le linee della società e della Chiesa.


Ultime notizie

Divenire brecce di speranza e di amore

“Siamo invitati a non scoraggiarci dinanzi alle difficoltà che incontriamo. Siamo chiamati a guardare oltre l’ostacolo” Tutti stiamo sperimentando, in maniera diretta o indiretta, la fatica di questo tempo che si protrae da quasi due anni. Alcuni di noi sono stati visitati più da vicino dal dolore, ma tutti stiamo soffrendo – a livello fisico

Tenere vivo il fuoco del desiderio

“La pandemia ci ha fatto toccare con mano le ferite laceranti che inchiodano i più deboli ad una vita disumana e i più ricchi alla bramosia e alla superbia del potere, che riempie di cose l’esistenza, ma lascia nel cuore un tragico vuoto di senso” La furia della tempesta si è smorzata, ma le onde

Buon Natale 2021

“La vita di ognuno è un’attesa. Il presente non basta a nessuno. In un primo momento, pare che ci manchi qualcosa. Più tardi ci si accorge che ci manca Qualcuno. E Lo attendiamo“ (don Primo Mazzolari)   Carissimi, come è consuetudine, vi scrivo per tenere sempre viva la memoria dell’amore di Dio che nella sua

In cammino verso Natale

“In questo Avvento non avrei voluto parlarti di poveri, di profughi e di migranti, ma tu, o Dio, in questi tempi ci sei venuto pesantemente dinanzi nei volti esamini di migliaia di persone che, annegate nell’indifferenza globale, pesano sulle nostre coscienze epulone”   Siamo in cammino verso la celebrazione del Santo Natale. Siamo chiamati a