ALLUVIONE SANNIO - CARITAS TARVISINA

ALLUVIONE SANNIO

#FUORIDALFANGO

Il territorio del Sannio è stato duramente colpito dall’Alluvione del 15 ottobre scorso. Il censimento delle famiglie e delle aziende colpite è ancora in atto, ma già i numeri provvisori ci restituiscono un quadro allarmante della realtà.

Solo il censimento tecnico operato dalla nostra Caritas su 90 famiglie e piccole aziende particolarmente vulnerabili ( con il validissimo contributo di architetti, ingegneri e periti auto) ha stimato danni per oltre 4 milioni di euro in diversi comuni del territorio Sannita.

La risposta generosa e fraterna delle persone, delle associazioni, delle aziende, delle Diocesi è stata davvero straordinaria e superiore ai nostri auspici, ma risulta comunque non bastevole per i bisogni della popolazione colpita. Lo stato di emergenza dichiarato dal Governo Italiano, con lo stanziamento di una prima tranche di 38 milioni di euro per tutta la Provincia di Benevento, sarà un aiuto importante, ma non decisivo né tempestivo per tutte quelle famiglie vulnerabili che oggi stentano a ripartire e che non possono aspettare i tempi della burocrazia per poter ritornare a normali condizioni di vita. Nei prossimi 6 mesi una decina di piccole aziende potrebbero chiudere definitivamente.

Le 290 famiglie prese in carico dalla Caritas Diocesana di Benevento in seguito all’alluvione sono andate ad ingrossare le fila delle oltre 2200 famiglie già seguita annualmente dalla stessa Caritas.

Lo spettro della disoccupazione, per gli operai delle grandi industrie colpite, è ancora molto presente. Nonostante la grande speranza che nutriamo, i tempi della ripresa potrebbero essere fatali per l’economia sannita e traumatizzanti per le famiglie.

Per queste ragioni, abbiamo come Caritas fatto ciò che si poteva fare nell’urgenza, chiedo ancora uno sforzo straordinario di vicinanza al popolo beneventano, con l’invio di un contributo importante teso a rispondere con tempestività almeno alle situazioni più vulnerabili delle nostre zone.

Vi allego, con gioia per quanto bene è stato operato ma anche con viva preoccupazione per quanto ancora abbiamo da fare, il report che come Caritas Diocesana di Benevento abbiamo preparato al termine del primo mese di emergenza. La stesura del report è il frutto del lavoro di tantissimi volontari ed associazioni che hanno risposto con grande sollecitudine ai bisogni dei fratelli e delle sorelle colpite.

Benevento 17 Novembre 2015

                                                                                             Sac. Nicola De Blasio

                                                                                                         Direttore Caritas Benevento

Leggi il report del primo mese

Lascia un commento


Ultime notizie

Un pranzo speciale con il Vescovo

Un pranzo speciale con il Vescovo Domenica 14 novembre, quinta Giornata mondiale dei poveri, è stata una giornata speciale per un gruppo di 37 persone senza fissa dimora seguiti dalla Caritas diocesana. Il Vescovo Michele e il direttore don Davide Schiavon li hanno voluti alla stessa tavola, condividendo un vero pranzo di fraternità. Nella sala

Europa, rotte migratorie: agire subito per salvare vite umane

“La costruzione di muri e il ritorno dei migranti in luoghi non sicuri appaiono come l’unica soluzione di cui i governi siano capaci per gestire la mobilità umana”. Così papa Francesco ha stigmatizzato “nazionalismi e populismi si riaffacciano a diverse latitudini”. Anche in Europa. Dalla Bosnia, alla Serbia, alla Polonia, alla Bielorussia, passando per la

V Giornata mondiale dei poveri – Non calpestare il povero

«I poveri li avete sempre con voi» (Mc 14,7) Come gli anni scorsi, Papa Francesco si è augurato che la Giornata Mondiale dei Poveri, giunta ormai alla sua quinta celebrazione, si radichi sempre più nelle nostre Chiese locali e così si apra a un movimento di evangelizzazione che incontri in prima istanza i poveri là

Cibo per l’anima – dona un libro

“Cibo per l’anima”: proposta per tutti Nel mese di novembre acquista un libro da donare alle persone indigenti seguite dalla Caritas diocesana di Treviso. Verrà creata una piccola biblioteca in Casa della Carità, dove ospitiamo uomini e donne di diverse nazionalità e culture 365 giorni all’anno. Ma una persona che è nella marginalità ha davvero