Basta ipocrisie e menzogne !! - CARITAS TARVISINA

Basta ipocrisie e menzogne !!

L’umanità sta attraversando un momento molto difficile. La deriva verso i lidi agognati del benessere ha comportato lo smarrimento della rotta verso il bene, con la conseguenza che si è acuito sempre più il divario tra ricchi e poveri. E, al di là degli slogan ad effetto, ciò che impressiona di più è che, nella totale indifferenza, si consumano pagine drammatiche di storia che strappano dal cuore dell’umanità il germoglio della vita e della speranza. Credo sia più che mai opportuno levare la nostra voce di credenti per dire basta al compromesso con queste logiche di ingiustizia e di iniquità.

Non è più possibile accettare come dato strutturale l’ingiustizia sociale che continua a gravare sui più deboli. Non è più possibile accettare che, soprattutto da amministratori e politici, il bene individuale o di una parte venga anteposto alla ricerca del bene comune. Dinanzi ai problemi che toccano la vita concrete delle persone (tutte !!) non è più possibile accettare la logica della delega in bianco, dello scaricabarile da parte delle istituzioni. Non si può più accettare che dinanzi al dramma di migliaia di uomini si continui a spostare l’attenzione altrove, ci si nasconda dietro a falsi problemi e non si trovi il coraggio di progettare la custodia e la promozione della vita. Non è più possibile accettare che il mondo politico e amministrativo non sia disposto a sacrificare qualche consenso elettorale al fine di promuovere la vita, la giustizia e la pace, e che rimanga imperante la logica di Ponzio Pilato, di lavarsene le mani. Non si può rimanere indifferenti quando il pregiudizio e la cattiva informazione trasformano questioni di senso in fenomeni da baraccone giocando sull’emotività e la non conoscenza della gente. Dinanzi a tutto questo è ora che diamo voce a chi non ce l’ha e soprattutto alla nostra coscienza e che diciamo: BASTA !! Basta con le ipocrisie, le ingiustizie, i compromessi, vogliamo respirare aria pura, vivere con dignità e in pace con gli altri e godere della nostra libertà … il resto non ci interessa. Il mondo non ha bisogno di furbi che calpestano gli altri, ma di persone solide, di spessore morale, di altro profilo, cioè di uomini veri.

 Ogni giorno tv e giornali ci presentano pillole di drammi umanitari di cui non siamo in grado di percepire neanche una sola minima parte. Le guerre assurde (in verità lo sono tutte) come quelle in Siria e nella Repubblica Centrafricana, il dramma dei profughi, l’apocalisse della carestia nelle regioni del Corno d’Africa, la crisi economica che attanaglia il mondo intero hanno un prezzo altissimo: la vita. Non possiamo girarci dall’altra parte, facendo finta di niente e pensando che queste realtà non ci riguardino. È ora di smetterla di recitare il copione, mai abbandonato, di Ponzio Pilato. È il momento di assumerci la responsabilità di quello che siamo: cittadini e cristiani, uomini e donne che sono nel mondo, ma non del mondo.

Credo sia opportuno che dinanzi all’uomo calpestato nella sua dignità, annientato nella sua capacità di sognare un mondo migliore, sofferente per la povertà che lo attanaglia impariamo a fare nostra la logica del Buon Samaritano. Ognuno ha sempre tante cose da fare e la tentazione di tirare dritto, come il sacerdote e il levita della parabola, è sempre accovacciata alla porta del nostro cuore. Troppo spesso spacchiamo a metà la realtà, vedendo solo bianco e nero, ciò che fa comodo a noi e ciò che non ci aggrada. L’ipocrisia si è annidata del nostro cuore e stiamo davanti all’umanità sofferente con la colpevole indifferenza di chi si è auto convinto che è solo un brutto incubo da cui risvegliarsi presto.

I fermenti di vita nuova, sparsi ad ogni latitudine e longitudine del globo, che stanno infiammando di speranza il cuore di molti uomini e donne ci invitano a fare un salto nell’assunzione di responsabilità e nella promozione della solidarietà. Il futuro dell’umanità e la soluzione dei problemi attuali dipende molto anche dalle scelte personali di ciascuno, dal modo con cui ciascuno si impegna ad essere uomo. Assumersi la responsabilità di custodire e promuovere la vita, significa vivere ogni istante della propria esistenza nella carità e nella verità. La solidarietà infine non è una tassa da pagare, ma un dovere da vivere. Dentro una cultura individualista, basata sulla soddisfazione dei desideri del proprio ombelico, siamo chiamati a stingere la mano di chi ci sta accanto, riconoscendolo come fratello unico che ci è stato donato ed affidato. La solidarietà è la strada maestra per ridurre il divario e la lontananza tra gli uomini. È un dovere a cui non ci possiamo sottrarre e da cui dipende il futuro dell’umanità.


Ultime notizie

Divenire brecce di speranza e di amore

“Siamo invitati a non scoraggiarci dinanzi alle difficoltà che incontriamo. Siamo chiamati a guardare oltre l’ostacolo” Tutti stiamo sperimentando, in maniera diretta o indiretta, la fatica di questo tempo che si protrae da quasi due anni. Alcuni di noi sono stati visitati più da vicino dal dolore, ma tutti stiamo soffrendo – a livello fisico

Tenere vivo il fuoco del desiderio

“La pandemia ci ha fatto toccare con mano le ferite laceranti che inchiodano i più deboli ad una vita disumana e i più ricchi alla bramosia e alla superbia del potere, che riempie di cose l’esistenza, ma lascia nel cuore un tragico vuoto di senso” La furia della tempesta si è smorzata, ma le onde

Buon Natale 2021

“La vita di ognuno è un’attesa. Il presente non basta a nessuno. In un primo momento, pare che ci manchi qualcosa. Più tardi ci si accorge che ci manca Qualcuno. E Lo attendiamo“ (don Primo Mazzolari)   Carissimi, come è consuetudine, vi scrivo per tenere sempre viva la memoria dell’amore di Dio che nella sua

In cammino verso Natale

“In questo Avvento non avrei voluto parlarti di poveri, di profughi e di migranti, ma tu, o Dio, in questi tempi ci sei venuto pesantemente dinanzi nei volti esamini di migliaia di persone che, annegate nell’indifferenza globale, pesano sulle nostre coscienze epulone”   Siamo in cammino verso la celebrazione del Santo Natale. Siamo chiamati a