"Domandiamo al Signore la grazia di piangere sulla nostra indifferenza" - CARITAS TARVISINA

“Domandiamo al Signore la grazia di piangere sulla nostra indifferenza”

ASCOLTIAMO IL SILENZIO 2018

Venerdì 5 ottobre alle 20.45, in Casa della Carità, si è tenuta l’edizione 2018 di Ascoltiamo il Silenzio, evento spiegato dalle parole introduttive di don Davide Schiavon, direttore di Caritas Tarvisina: “Ci ritroviamo ancora una volta insieme per pregare per i nostri fratelli che nei loro viaggi della speranza hanno incontrato la morte. Preghiamo per tutti coloro che sono schiacciati dalla sofferenza e soffocati dalla disperazione. Ci mettiamo davanti al Signore deponendo le nostre pungenti parole che alimentano muri di divisone, per restare in ascolto della Parola che fa germogliare comunione e ci rende desiderosi di costruire ponti di giustizia e pace a beneficio di ogni uomo.

Al momento di preghiera hanno partecipato circa 300 persone, confermando l’importanza di questo evento per la nostra diocesi.

La serata si è articolata in 3 momenti rappresentati da tre “silenzi”: quello dell’indifferenza, quello della morte e quello della speranza.

Attraverso il silenzio dell’indifferenza si è voluto sottolineare un atteggiamento dilagante che investe tutti, seppur in diversa misura, segnato da facili giudizi, egoismo e parole di condanna. Il testo di Don Tonino Bello “Non passa lo straniero”, nel quale viene scritta una lettera a Rut, “unica straniera nell’albero della genealogia ebraica di Gesù”,  ha contribuito a dare una preziosa chiave di lettura a questo silenzio.

Attraverso il Silenzio della morte si è voluto vivere un momento particolare per ascoltare nel silenzio, nell’oscurità, nel freddo il bruciante grido disperato di tanti fratelli che tra le gelide acque del mare, l’infuocata sabbia del deserto, i ruvidi ed aspri pendii dei Balcani hanno incontrato la morte.

Le parole del Vescovo Gianfranco Agostino, hanno contribuito ad accompagnare la riflessione. Il vescovo ha esordito sottolineando l’importanza dell’appuntamento che “ci aiuta a non perdere la memoria, a non permettere che il tempo cancelli velocemente il ricordo del terribile naufragio del 3 ottobre 2013.

In verità quella sciagura è diventata una sorta di simbolo, di  evento emblematico che racchiude la moltitudine di fratelli e sorelle la cui ricerca di libertà di sopravvivenza di minimo benessere,  benessere che è stato stroncato in questi anni dalla morte tragicamente intervenuta a metter fine alle loro attese di un futuro migliore.”.

Il vescovo, nel ricordare l’omelia di Papa Francesco a Lampedusa del 18 luglio 2013 si chiede “chi di noi ha pianto per questo fatto e per fatti come questi? Chi ha pianto per la morte di questi fratelli e sorelle? Chi ha pianto per le giovani mamme che portavano i loro bambini, di questi uomini che desideravano qualcosa per sostenere le proprie famiglie. Siamo una società che ha dimenticato l’esperienza del piangere, del patire con.” Prosegue poi la riflessione “la globalizzazione dell’indifferenza ci ha tolto la capacità di piangere.

Domandiamo al Signore la grazia di piangere sulla nostra indifferenza, di piangere sulla crudeltà che  c’è nel mondo, in noi, anche in coloro che nell’anonimato prendono decisioni socioeconomiche che aprono la strada ai drammi come questo.

Il momento di preghiera si è poi concluso con “il silenzio della speranza” durante il quale alcuni bambini, figli di migranti o arrivati essi stessi attraversando il mare dell’indifferenza e dello scarto, hanno portato una lampada accesa,  segno di una vita che riprende, di un nuovo inizio.


articoli correlati

Mosaico di Vita

Anche l’anno 2018 è stato per la Caritas un anno molto intenso che ci ha stimolato a crescere nella capacità di mettere al centro il povero, imparando a scoprirlo, sempre più, come sacramento del Signore, tabernacolo vivente della presenza di Dio Amore. Accanto a questo abbiamo sperimentato l’urgenza, ma soprattutto la bellezza di essere chiesa

Migranti: un’altra storia

  In merito alla scelta di non partecipare al bando per l’accoglienza dei migranti, in questi giorni si sono dette e scritte molte cose. La caritas e la diocesi sono state attaccate con grande forza. Si è scomodato persino il ministro dell’interno che ha sentenziato, con la sua proverbiale acutezza, che la mangiatoia è finita

UN NO CHE GENERA ACCOGLIENZA E DIGNITÀ

  La nostra Chiesa diocesana da sempre attraverso l’operato della Caritas e soprattutto quello silenzioso, ma molto prezioso delle comunità parrocchiali, si è spesa per l’accoglienza e il sostegno alle persone in difficoltà. In modo particolare dal 2011 si è spesa con notevole impegno anche per l’accoglienza dei migranti, prima con l’Emergenza Nord Africa e

Pasqua 2019

Carissimi amici, siamo giunti anche quest’anno alla grande festa di Pasqua, il centro della nostra vita di cristiani, di discepoli del Signore Gesù. Colgo questa preziosa opportunità per fermarmi e rimanere in silenzio davanti al Crocifisso, dinanzi all’Amore di Dio che nella sua totalità si consegna alle nostre mani. Desidero rimanere in ginocchio e in