Dove sono i Cassonetti Gialli? - CARITAS TARVISINA

Dove sono i Cassonetti Gialli?

hSn-C1m9kZJkm2sB26q6ZusOVormy1ECU-2WqovTQes,8QG0rELcU68ZIE5BJbXFX9a58iS110T7R5VaIbf0GKk“Dove sono i cassonetti gialli della Caritas?” È la domanda che si sono fatti molti trevigiani che stanno facendo il cambio di stagione e vorrebbero che i loro vecchi indumenti finissero nelle mani di chi ne ha bisogno.

I cassonetti non sono spariti; sono solo stati spostati. Molti comuni della Marca infatti, con il passaggio al sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta, hanno preso la decisione di eliminare dal suolo pubblico anche i cassonetti gialli.

Per continuare comunque ad offrire questo servizio al cittadino e garantire un’importante fonte di sostentamento per la Caritas, molti di questi cassonetti sono stati ricollocati o presso i CERD o presso gli spazi delle parrocchie del territorio. Nell’elenco presente su questa pagina, è possibile trovare le nuove posizioni dei cassonetti gialli dei comuni che li hanno rimossi dal suolo pubblico.

 

Il Ciclo degli indumenti usati.

 

Ogni persona che volesse fare del bene donando un vestito usato in buono stato, può decidere di farlo in due modi: portandolo ad un centro di raccolta e distribuzione vestiti Caritas, o depositandolo nel cassonetto giallo.

I due percorsi che seguono gli indumenti sono completamente differenti: nel primo caso, con la donazione ad un centro di raccolta Caritas, il vestito viene smistato, ordinato e consegnato ad una persona bisognosa che si rivolga alla Caritas Parrocchiale.

Il vestito che invece venga conferito nel cassonetto giallo, segue di fatto un’altra strada perché diventa legalmente “rifiuto”. Ciò non vuol dire che venga eliminato o che non contribuisca al sostegno di Caritas ma, a differenza di quanto credono in molti, non viene consegnato direttamente alle persone in bisogno.

Gli indumenti depositati nei cassonetti vengono periodicamente raccolti da cooperative sociali della zona che impiegano persone svantaggiate (nella diocesi di Treviso dalla Cooperativa Alternativa e il Grillo) per poi essere sottoposti ad una prima selezione: da un lato i vestiti in buono stato, dall’alto i tessuti più logori.

I tessuti non riutilizzabili vengono acquistati da aziende che trasformano in filati con i quali vengono poi realizzati nuovi vestiti.

Gli indumenti in buono stato, invece, vengono mandati ad aziende specializzate che si occupano dell’igienizzazione, selezione e invio a mercati di terzo livello (concentrati soprattutto in nord Africa o in Estremo Oriente) per essere rivenduti.

Questo sistema ha dei costi legati alla raccolta e smistamento degli indumenti ma genera nel contempo dei guadagni; parte di questi vengono destinati al sostegno delle attività di Caritas, attraverso una donazione annuale di denaro da parte del Consorzio dei Comuni dove si trovano i cassonetti gialli, o dalle aziende deputate della gestione dei rifiuti.

 

LE NUOVE POSIZIONI DEI CASSONETTI GIALLI

Altivole               

Card, Via Cimitero

Via Redentore, C/o Chiesa

San Vito di Altivole, Piazza San Vito, C/o Chiesa

Caselle di Altivole, Via Sant’Apollonia, C/o Chiesa

 

Breda

Via Roma, C/o Chiesa

Cerd, Via Levada

Pero, Via Chiesa, C/o Chiesa

Saletto, Via Chiesa, interno proprietà parrocchiale

 

Castelfranco

Card, Via dell’Impresa

Borgo Pieve, C/o Chiesa

Villarazzo Via Chiesa, C/o Chiesa

Treville, Piazza Papa Luciani, C/o Canonica

Treville, Card, Via Montebelluna

Campigo, Via Interna, C/o Park Chiesa

 

Maser

Via Giacomelli, c/o Chiesa

Madonna della Salute, Via de Gasperi, c/o Chiesa

Crespignaga, Via Chiesa, C/o Chiesa

Coste, Via Bassanese, c/o impianti sportivi

Coste, Card, Via Roccoler

 

Morgano

Via Chiesa, C/o Chiesa

C/o Card, Via Molin Cappello Sud

Badoere, Via Roma, C/o Chiesa

 

Paese

Cerd, Via Baldrocco

Via degli Impianti sportivi, c/o canonica

Castagnole, Via G.Piazza, C/o Canonica

Padernello, Via Trento, dietro canonica

Porcellengo, Via Francesco Baracca, C/o canonica

 

Quinto                 

Cerd, Via Mattei

Via XI Febbraio, dentro Circolo Noi

S. Cristina, Via Mons. Lorenzo Tognana, C/o Asilo

 

Treviso               

Selvana, Via Zanella, C/o Chiesa

Card, Via Serenissima

San Pelajo, Strada di San Pelajo, C/o Chiesa

S.Bona, Via Santa Bona Nuova, C/o Chiesa

San Paolo, Via Grecia, C/o Chiesa

Monigo, Via Sant’Elena Imperatrice, C/o Chiesa

San Liberale, Via Mantiero, C/o Chiesa

San Giuseppe, Via Noalese, C/o Chiesa

Canizzano, Strada Canizano, C/o Chiesa

San Zeno, Via Dandolo, C/o chiesa

Chiesa Votiva, Via Scarpa, C/o Chiesa


Ultime notizie

Rifugiati, richiedenti asilo, sfollati interni.

  Questa immagine, ripresa dal dossier di Caritas Italiana, sulla situazione degli sfollati in Iraq, richiama una situazione di estrema vulnerabilità in questo territorio. Uniti insieme, rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni, compresi donne e bambini, sono quasi 80 milioni. Una cifra esorbitante, simbolo di quanta fragilità porta con sé il pianeta. Tuttavia, sono una moltitudine

Un saluto a due amici della Chiesa sorella del Togo.

Come Caritas della Diocesi di Treviso, desideriamo esprimere la nostra vicinanza con le più sentite preghiere alla Chiesa sorella della Diocesi di Kara, in Togo. Salutiamo Assoty Pierre e il reverendo Père Sonta Baméla Dieudonné che tornano alla Casa del Padre lasciando i nostri cuori sgomenti ma fiduciosi in Dio. Il Signore li accolga nella

Preoccupazione per la situazione politica in Mali

Questi sono giorni delicati per lo Stato del Mali e in particolare per la città di Bamakò: uno sguardo verso quella che è per noi anche una Chiesa Sorella, che non entra nei riflettori dei nostri quotidiani ma che non può passare in sordina. Il Mali sta vivendo una grave crisi politica e sociale, sfociata

Parole di fratellanza dalla Caritas Kindu a seguito della pandemia da COVID-19

Cari fratelli e sorelle, La pandemia del virus COVlD-19 che ha imperversato e scosso il mondo intero, in particolare l’Occidente, costituisce una seria minaccia per tutta l’umanità. Ha colpito diverse aree della vita causando enormi danni sociali ed economici. Ha scatenato il pianto in tutti i continenti prendendo migliaia di persone e ha rovinato l’economia