Etiopia - CARITAS TARVISINA

SERVE IL TUO AIUTO DONA ORA

Etiopia

Etiopia

E’ trascorso circa un anno dall’inizio del conflitto nel Tigray, la regione più a nord dell’Etiopia al confine con Eritrea e Sudan,  tra forze federali e quelle regionali con il coinvolgimento ormai acclarato anche di forze eritree. La situazione umanitaria si è ulteriormente deteriorata a causa dell’espandersi del conflitto dal Tigray alle regioni di Amhara e Afar e il perdurare di forti restrizioni all’accesso a beni (compresi gli aiuti umanitari) e fondi nelle aree colpite. Si stimano in oltre 8 milioni le persone che necessitano di assistenza umanitario di cui 400.000 in situazione di gravissima insicurezza alimentare. Il conflitto si somma ad altre situazioni di crisi come la siccità al sud del paese e un’inflazione galoppante.

Caritas Ethiopia, pur con le difficoltà menzionate in precedenza, sta ultimando il programma di emergenza avviato a fine 2020, ad oggi sono stati raggiunti i seguenti risultati:

–          Fornito supporto nutrizionale a 15.000 bambini affetti da malnutrizione

–          Distribuiti voucher per l’acquisto di cibo e altri beni primari a 29.000 famiglie

–          Distribuiti sementi e attrezzi agricoli a 4.862 famiglie

–          Distribuiti beni di prima necessità non alimentari a oltre 14.000 famiglie di sfollati interni

–          Fornito materiale per 120 alloggi di emergenza

–          Distribuite 30.000 mascherine e kit di materiali per l’igiene per oltre 65.000 persone.

Per il 2022 è previsto venga lanciato un nuovo programma di emergenza in continuità con l’attuale nei seguenti settori:

– Aiuti di urgenza per la fornitura di cibo, beni di prima necessità, alloggi, acqua e igiene, sussidi in denaro (cash transfer)

– Interventi di ripristino e riabilitazione di strutture sanitarie ed educative

– Supporto psicosociale

– Rafforzamento di capacità e supporto tecnico alla rete Caritas

Il piano è in via di sviluppo e sarà oggetto di prossimi aggiornamenti.

 

COSA SI PUO’ SOSTENERE CON UN’OFFERTA

Con un’offerta si può contribuire agli interventi descritti in precedenza. A titolo indicativo di seguito il costo di alcune delle attività previste.

COME?

Caritas Tarvisina, in collegamento con Caritas Italiana, raccoglie donazioni attraverso bonifico bancario (causale “Emergenza Etiopia”) tramite:

Iban: IT05 G 08399 12000 000000332325

Intestato a Diocesi di Treviso – Caritas Tarvisina

Se vuoi avere la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali previste dalla legge fai la donazione al nostro braccio operativo Servitium Emiliani ONLUS:

Iban: IT55 H 08399 12000 000000318111

Intestato a Servitium Emiliani ONLUS, braccio operativo di Caritas Tarvisina

Oppure, se vuoi, puoi fare la donazione con la CARTA DI CREDITO:

DONA

 

notizie

10 anni di guerra in Siria: dossier Caritas con dati e testimonianze

Sono passati 10 anni dal marzo 2011, quando la primavera araba sbocciò in Siria, fiorendo con le parole sui muri delle scuole di Da’ra. Quelle parole-graffiti erano la voce del popolo siriano, che al regime di Damasco chiedeva libertà, dignità, cittadinanza.  A dieci anni da quei graffiti, la guerra continua e l’eredità della primavera siriana

Migranti, ancora emergenza ai confini dell’Europa. No all’indifferenza

Quanto sta accadendo alle frontiere esterne dell’Unione Europea è inaccettabile e non deve restare nell’indifferenza. Migliaia di persone stanno cercando disperatamente di attraversare il confine turco, ma al di là trovano i militari greci a sbarrare la loro strada. Inoltre le ultime violenze nella Provincia di Idlib (Siria) stanno ulteriormente aggravando la crisi umanitaria, con 900.000

Emergenza Siria

A seguito dell’attacco della Turchia nel nord-est della Siria sotto il controllo delle forze curde, iniziato il giorno 9 ottobre 2019, si è aperta una nuova emergenza all’interno della già complessa e grave crisi siriana. La sera del 17 ottobre la Turchia e gli Stati Uniti hanno accordato un cessate il fuoco: la Turchia ha

APPELLO CARITAS PER STOP OPERAZIONI BELLICHE

L’attacco annunciato da mesi è avvenuto. L’8 ottobre 2019 si è aperta una nuova emergenza all’interno della già complessa e grave crisi siriana, in un territorio che da oltre 8 anni è provato dalla violenza. Sotto attacco da parte della Turchia questa volta le zone nel nord-est della Siria, abitate prevalentemente da Curdi, con ancora morti

Digiuno e preghiera per la Siria

Pax Christi Italia-Caritas Italiana Proposta alle Caritas diocesane e ai gruppi di Pax Christi per mercoledì 12 aprile Ancora vittime. Ancora orrore, morte e cancellazione di vite umane, tra cui molti bambini a Idlib, in Siria. Mentre istituzioni internazionali e governi continuano in sterili negoziati, discussioni inutili e rimpalli di responsabilità, siamo ancora una volta

Aggiornamento sulla situazione di Damasco

Domenica 19, 2017, le persone a Damasco si sono svegliate alle 5:00 del mattino con i boati di due esplosioni. L’attacco è cominciato al mattino, quando jihadisti (Tahrir al-Sham e Failaq al-Rahman gruppo) hanno lanciato una raffica di autobombe e attacchi suicidi in Jobar, a soli 2 km a nord-est delle mura della Città Vecchia.