SERVE IL TUO AIUTO DONA ORA

NEPAL

Terremoto in Nepal

Dopo due mesi sono ormai pressoché definitive le terribili cifre del terremoto di magnitudo 7,9 che il 25 aprile 2015 ha devastato il Nepal ed ha colpito i paesi limitrofi: 8.700 morti, oltre 20.000 feriti, 8 milioni le persone colpite in 39 distretti, oltre 2.8 milioni le persone che richiedono assistenza umanitaria di cui 864.000 nelle aree più difficili da raggiungere, 500.000 le case crollate e 285.000 quelle danneggiate, 36.000 le classi scolastiche crollate o gravemente danneggiate.

Il ricovero rimane il bisogno essenziale e prioritario e l’arrivo dei monsoni rende ancor più urgente la necessità di ripari d’urgenza adeguati.

Caritas Nepal, impegnata sin da subito nel soccorso e nell’assistenza alla popolazione, ha raggiunto sino ad ora oltre 196.000 persone fornendo un riparo di base, viveri di prima necessità,  materiale per l’igiene. Caritas è stata la prima organizzazione a distribuire materiali per ricoveri d’urgenza a 284 famiglie nella regione Nord del distretto di Gorkha, superando difficoltà logistiche notevoli per raggiungere una tra le popolazioni più isolate al mondo. Grazie alla solidarietà espressa da tutto il mondo, Caritas Nepal ha estesoil programma in atto  sino a settembre  prevedendo interventi d’urgenza in tutti i 14 distretti più colpiti.

Caritas Italiana dopo un primo immediato stanziamento in appoggio al piano di Caritas Nepal,  con l’aumentare delle donazioni di tante persone di buona volontà, ha potuto intensificare il suo impegno sostenendo ulteriori progetti per la fornitura di ricoveri temporanei, materiali di prima necessità, sementi e materiali per la riattivazione delle coltivazioni nonché interventi per la ripresa delle attività scolastiche.Complessivamente Caritas Italiana ha sostenuto interventi in favore delle vittime del sisma per  € 562.150.

Nel frattempo prosegue la predisposizione di interventi più ampi da avviarsi nei prossimi mesi per la riattivazione socio-economica,  la ricostruzione di case, scuole, strutture sanitarie, strutture socio-educative, il sostegno psicologico.

In questo contesto l’intera rete Caritas sta lavorando collettivamente e sotto la guida di Caritas Nepal con interventi per oltre 10 milioni di euro, fornendo un riparo di base, rifornimenti di cibo e acqua, nonché materiale per l’igiene, assistenza sanitaria e psicologica.

Le diverse Caritas del network che lavorano unite presso il quartier generale stabilito in Caritas Nepal, supportano, ciascuna con le proprie competenze, la Chiesa locale nello sforzo di agire insieme per raggiungere i più deboli della società. Sono diverse e molteplici le attività di aiuto organizzate da congregazioni, gruppi di volontari e organizzazioni di ispirazione cristiana sia del Nepal sia giunte da molti stati vicini .

“E’ impressionante  – spiega Giuseppe Pedron, operatore di Caritas Italiana che ha visitato le zone colpite – sia l’entita’ del disastro e la distruzione, sia il pensare al lungo periodo che sara’ segnato dalla mancanza di lavoro, e di sicurezza ma è altrettanto sorprendente il vedere la capacità di reazione di questo popolo che la rigidità della natura ha formato e temprato. Le popolazioni, infatti, si sono da subito attivate per costruire ripari e cercare spazi di dignità anche nella tragedia e sono molteplici gli esempi di solidarietà interna e di persona che pur con famiglie colpite dal sisma non esitano a prodigarsi per il benessere degli altri. Di certo la gara di solidarietà in cui si sono impegnate le nostre comunità italiane, potrà dare basi solide a queste speranze ora solo accennate”.

Le visite costanti ai siti di consegna dei materiali, i doppi controlli nei villaggi, la regolamentazione sull’equa dostribuzione e sulla via preferenziale assicurata ai marginalizzati – aggiunge Pedron – fanno sì che gli interventi di Caritas siano al massimo vicini alle necessità della popolazione, che raggiungano le zone e le nicchie sociali più lontane e che si riducano al massimo i rallentamenti dati dal contesto. La solidarietà internazionale delle Caritas del mondo è un elemento senza il quale tutto quanto si sta facendo non sarebbe possibile e che lascerebbe fette di popolazione non coperte da alcun tipo di soccorso. E’ sorprendente come nei villaggi piu’ remoti, la popolazione non aspetti passivamente l’arrivo degli aiuti ma, mentre da essi riceve la possibilità di continuare, abbia anche già iniziato a ricostruire le proprie abitazioni, a recuperare i materiali dalle case distrutte, a cerare alternative. La tempra della gente di montagna non è stata fiaccata nemmeno dalla devastazione del terremoto”.

A causa infatti della straordinaria gravità di questo sisma, dopo lo stanziamento di tre milioni di euro dai fondi dell’otto per mille disposto nei giorni scorsi, la Presidenza della CEI, a nome dei Vescovi italiani, ha indetto una colletta nazionale, che si è svolta in tutte le chiese italiane domenica 17 maggio 2015, come segno della concreta solidarietà di tutti i credenti.

Rilanciando proprio la raccolta straordinaria CEI, Caritas Italiana ha invitato le Caritas diocesane a proseguire nell’impegno di sensibilizzazione anche dopo la colletta del 17 maggio anche attraverso i materiali messi a disposizione in questa pagina.  .

I team Caritas hanno raggiunto anche alcune zone più periferiche come Gordkha, Sindhupalanchowk, Nuwakot, Lamjung, Rasuwa, Dhadhing, Kavre e Okheldhuga.

 Sin dall’inizio dell’emergenza Caritas ha avviato la distribuzione di:

– kit per alloggi temporanei: teloni, corde, materassini, coperte;

– kit di generi non alimentari di prima necessità (lampade ad energia solare, taniche, secchi, pentole e utensili da cucina);

– pastiglie per la potabilizzazione dell’acqua;

– kit igienico-sanitari.

L’intervento è rivolto alle famiglie che le cui abitazioni sono crollate o sono state severamente danneggiate, con priorità per le più vulnerabili quali: donne capofamiglia, minori non accompagnati e disabili. Caritas Nepal prevede anche un accompagnamento e attività di formazione nell’utilizzo dei materiali forniti, oltre che un monitoraggio successivo, anche al fine di prevenire abusi e sfruttamento soprattutto nei casi di maggiore vulnerabilità. Si sta inoltre predisponendo la raccolta dei bisogni per la fornitura di sostegno psicosociale e per l’impostazione di un successivo piano di ricostruzione e riattivazione socio-economica.

Papa Francesco ha seguito fin dall’inizio in preghiera e con grande preoccupazione l’evolversi della situazione, partecipando al dolore di quanti sono stati colpiti. E dopo la recita del Regina Coeli domenica 26 aprile, ha espresso “vicinanza a popolazione colpita” e ha lanciato un appello affinchè “abbiano il sostegno della solidarietà fraterna”.

Il direttore di Caritas Nepal, padre Pius Perumana S.J., ha dichiarato subito dopo il sisma: «Si tratta del peggior terremoto di cui ho mai avuto esperienza; le scosse di assestamento sono state ancora molto forti e da quello che possiamo constatare al momento potrebbe trattarsi di una una situazione di grave emergenza». Al primo esame, ci sono moltissimi danni fisici, con il crollo di molti edifici, e molti altri che presentano crepe. «Grazie al cielo – aggiunge padre Pius – il terremoto si è verificato di giorno e durante una festività, cogliendo quindi molte delle persone all’aperto».

Sono preziosi anche piccoli contributi: con 25 euro si possono fornire alimenti liofilizzati per una famiglia per un mese, mentre con 10 euro si può assicurare acqua per una famiglia per una settimana, oppure una tenda per ospitare 3 famiglie, oppure 30 kg di riso, sufficienti per una famiglia per un mese.


Documenti correlati



notizie

Venite e vedrete: bilancio sociale 2015

Queste pagine del bilancio sociale desiderano essere espressione di stupore e meraviglia dinanzi al miracolo della vita e alla bellezza dell’Amore che ridona dignità e speranza ad ogni cuore ferito e sofferente. Dinanzi alle scadenze delle nostre umane programmazioni e delle nostre fredde contabilità, il tempo ci risulta spesso tiranno. L’ansia dei risultati ci porta

Nepal: a sei mesi dal terremoto inizia la ricostruzione

A sei mesi dai due sismi che hanno devastato il Nepal, in aprile e maggio, si concludono le operazioni di emergenza e partono quelle di ricostruzione. Il primo semestre ha visto il soccorso, la cura, la fornitura di cibo, acqua, rifugi temporanei e assistenza psicologica per milioni di persone e il coordinamento delle agenzie nazionali

NEPAL: L’IMPEGNO CARITAS A TRE MESI DAL TERREMOTO

La rete Caritas ha finora raggiunto 66 mila famiglie, più di 300.000 persone. Grazie al generoso contributo venuto da tutte le persone della diocesi di Trevisio che hanno contribuito, anche Caritas Tarvisina ha donato 139.226,25 euro. Da Caritas Italiana un sostegno a 10 progetti, per oltre 1 milione di euro.  Tre mesi fa, il 25 aprile,

Terremoto in Nepal: Continua l’impegno di Caritas

A più di un mese sono oltre 8.000 le vittime accertate e oltre 20.000 i feriti del sisma di magnitudo7,9 che il 25 aprile 2015 ha devastato il Nepal e che ha avuto epicentro tra la capitale Kathmandu e la città di Pokhara, e delle successive forti scosse. Altissimo anche il numero dei dispersi sotto

Il volto della Vita

In questo tempo i segni di dolore e morte che appaiono davanti ai nostri occhi sono veramente tanti e talvolta rischiano di farci sprofondare in una triste e fatalistica rassegnazione. Dinanzi all’ennesimo e drammatico naufragio nel mare Mediterraneo in cui sono morte più di 900 persone, dinanzi ai drammi di guerre assurde come quelle in