M’illumino d’impegno

ISCRIZIONI APERTE FINO A SABATO 17 FEBBRAIO

 

Cari animatori e capi scout,

vogliamo invitare il gruppo di ragazzi che seguite all’edizione 2018 di M’ILLUMINO D’IMPEGNO. M’ILLUMINO D’IMPEGNO è un’iniziativa rivolta a ragazzi dalla I alla V superiore, con l’obiettivo principale di far conoscere diverse realtà di volontariato presenti sul territorio ed accompagnarli verso un’idea di servizio al prossimo non solo concepito in termini occasionali o di emergenza, ma come dimensione ordinaria di vita.

 

A chi è rivolto

Per tutti i ragazzi e le ragazze dalla I alla V superiore della diocesi di Treviso Per vivere al meglio la condivisione ed il servizio chiediamo la partecipazione all’intera esperienza. I gruppi superiori a 5 ragazzi devono essere accompagnati da un maggiorenne che sia presente a tutta l’esperienza o più maggiorenni che si diano il cambio.

 

Programma delle giornate

VENERDÌ 23 FEBBRAIO
ore 18.00 Arrivi e iscrizioni presso l’oratorio della Chiesa Votiva in via Venier 34 Treviso Cena tutti insieme: ciascuno porta qualcosa da condividere con gli altri Serata: Incontro-preghiera di Taizè con riflessione di don Gabriele Pippinato sacerdote della diocesi di Padova, missionario in Kenya

SABATO 24 FEBBRAIO
Per l’intera giornata si vivrà un servizio di condivisione con i poveri: anziani, persone con disabilità, migranti, senza fissa dimora… Serata: Alla scuola dei poveri: in ascolto di alcune storie

DOMENICA 25 FEBBRAIO
Condivisione e restituzione dell’esperienza. Santa Messa con il nostro Vescovo Gianfranco Agostino Gardin
Pranzo condiviso con i poveri

 

Iscrizioni

L’iscrizione on-line o presso Caritas deve essere fatta “di gruppo” con nome, cognome e recapito (telefono e mail) del/i referente/i maggiorenne/i ed il numero indicativo dei partecipanti (i singoli nominativi verranno registrati il venerdì all’arrivo); il partecipate che eventualmente si iscrive singolarmente deve essere maggiorenne
La partecipazione di ogni ragazzo prevede un contributo di 10€
Termine iscrizioni: 17 febbraio 2018

 

ISCRIVITI



eventi correlati

Transitanze: spettacolo di teatro danza

Quanto spazio esiste tra il vedere e l’essere, tra immagine e realtà? Il cliché dell’immigrato è l’abito e, una parola chiama l’altra, l’abitudine. Ma spesso si tratta di un vestito scaduto, di un abito che possiamo e dobbiamo smettere, per il bene della nostra terra. Chi è lo straniero, che richiama in noi una conoscenza

La promozione umana

ci aiuterà a riflettere sul fine ultimo della nostra prossimità, che è mettere al centro l’altro, chiunque esso sia, per ridargli quella dignità e quell’importanza che talvolta la povertà toglie. Rimettere al centro l’altro significa credere nelle sue possibilità e imparare a riconoscerlo prima come uomo e poi come povero.