GIORNATA DEL CREATO: DOSSIER CARITAS

“Il futuro è adesso. Cambiamento climatico e adattamento sul fronte del Pacifico”. È il titolo del dossier che Caritas Italiana pubblica alla vigilia della Giornata del Creato, analizzando in modo particolare la situazione delle Filippine.

«La situazione della nazione filippina – si legge nel Dossier –evidenzia in maniera drammatica che il cambiamento climatico non è destinato a produrre effetti in un futuro lontano. Si tratta infatti di una realtà assolutamente attuale, che tocca in modo diverso le varie aree del pianeta e che già ora mostra la misura del cambiamento della vita di tutti noi».

In effetti le Filippine sono il Paese più esposto ai tifoni, dove le coltivazioni di riso, il prodotto più diffuso e consumato, sono sempre più a rischio a causa dell’aumento della temperatura media terrestre.

Il Dossier cerca di raccontare come la questione del cambiamento climatico rappresenti un elemento centrale nella vita degli abitanti dell’isola di Panay, nelle Filippine, tra coloro che hanno subito il passaggio del supertifone Haiyan, uno dei più forti che la storia ricordi. Ma anche come le stesse sfide, in forma diversa, sono avvertite e affrontate dalle comunità rurali italiane.

Un fenomeno globale che chiede dunque l’impegno di tutti. Proprio per promuovere e rilanciare questo impegno, in occasione della Giornata del Creato, papa Francesco e il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, hanno scritto insieme un messaggio sull’ambiente che contiene tra l’altro un appello «a quanti occupano ruoli influenti, ad ascoltare il grido della terra e il grido dei poveri, che più soffrono per gli squilibri ecologici».

E sempre in vista della Giornata per la Custodia del Creato, i Vescovi delle tre Commissioni CEI, per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, dell’Ecumenismo e il dialogo, e per la Cultura e le Comunicazioni sociali, come di consueto, hanno diffuso un messaggio che ha per titolo “Certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo” (Gen. 28, 16). Viaggiatori sulla terra di Dio”. È anche previsto un evento nazionale che quest’anno sarà ospitato dalla diocesi di Gubbio e si svolgerà domenica 3 settembre 2017.

A partire dal 1° settembre e fino al 4 ottobre (San Francesco d’Assisi) si svolgerà inoltre l’iniziativa “Tempo del Creato” che prevede celebrazioni comuni di cattolici e protestanti dedicate “alla preghiera e all’azione per la cura della creazione”.

Vi saranno eventi in tutto il mondo, come nelle Filippine, dove il cardinal Tagle, Presidente di Caritas Internationalis, celebrerà una messa per la Creazione, in Svizzera, dove si terrà un servizio eucaristico anglicano presso un corso d’acqua inquinato, e negli Stati Uniti, dove alcune religiose pregheranno nelle vicinanze di una zona radioattiva.


Documenti correlati


articoli correlati

Futuro anteriore

Il Rapporto di Caritas Italiana su povertà ed esclusione sociale, nella sua edizione del 2017, affronta il tema della povertà giovanile nei suoi diversi aspetti, con uno sguardo comparato alla situazione italiana e a quella europea. La scelta di porre i giovani al centro del Rapporto povertà di quest’anno si pone in continuità con le

Giornata mondiale dei poveri

Domenica 19 novembre 2017 si celebrerà in tutto il mondo la prima Giornata mondiale dei poveri. Prima di tutto vorrei dire grazie a Papa Francesco che l’ha voluta fortemente. Una gratitudine perché questa giornata ci invita a riandare al centro, a riscoprire quella cifra dell’umano che ci racconta l’infinita tenerezza e delicatezza della misericordia di

Il circo dei nuovi pagani

  È certamente fuori di dubbio che i mezzi di comunicazione e i social media stanno occupando sempre più uno spazio grande nella nostra vita. Credo sia importante non cadere in facili moralismi o in letture unilaterali, che portano a demonizzare questi strumenti. È fondamentale, però, che teniamo sempre desta la nostra capacità critica per

Il grande sogno della comunione

  Fin da ragazzo il mio cuore è stato abitato da tanti desideri, soprattutto dal desiderio di un mondo migliore. La bellezza della comunione e della pace mi ha sempre affascinato. La dimensione del “nostro” mi ha sempre entusiasmato e alcuni passaggi della storia, come la caduta del muro di Berlino nel 1989, hanno infiammato