Il miracolo della vita - CARITAS TARVISINA

Il miracolo della vita

La prima domenica di febbraio si celebra la giornata della vita. Credo sia importante che rallentiamo la nostra corsa e il turbinio dei nostri pensieri, per restare fermi un po,’ in silenzio, e contemplare il grande dono della vita.

Sovente i nostri occhi e i nostri orecchi si riempiono di notizie di morte, che sembrano strapparci il domani e che riempiono di presagi oscuri l’orizzonte della nostra storia. Da ogni angolo della terra si levano urla di dolore e di sofferenza, che talvolta portano qualcuno a maledire la vita, a lasciarsi andare alla deriva perché tutto sembra vuoto e senza senso. Sembra che non ci sia via di scampo e che il male non abbia mai fine. Celebrare la giornata della vita significa mettersi a fianco di chi giace ai margini di questa società, di chi è schiacciato dalla sofferenza e dal dolore, per sussurrargli che non è solo, che la vita ha mille sfumature che devono essere scoperte e che il domani racchiude in sé il germe di una speranza luminosa e carica di promessa.

La giornata della vita ci chiede prima di tutto di lasciarci rapire dallo stupore e dalla meraviglia per il dono della vita. Ogni frammento è intriso d’amore e dice la straordinaria storia che ci unisce come fratelli e come figli di Dio. Anche le più piccole cose ci parlano della vita, ci aprono alla speranza. La vita è una avventura meravigliosa che va vissuta pienamente. Non si può vivere con il freno a mano tirato, ma è necessario lasciare le rotte sicure di piccolo cabotaggio per prendere il largo. La vita chiede di essere vissuta con fiducia, in obbedienza ai grandi desideri e sogni che ognuno custodisce nel suo cuore.

In secondo luogo la vita va custodita da tutto ciò che vuole inquinarla e violarla. Oggi sono molteplice le cause che provocano sofferenza e che paralizzano l’esistenza nel non senso. Tutto viene monetizzato e contabilizzato in base all’efficienza e al ritorno economico. Sovente la vita viene screditata e considerata merce di scambio che si può violare e calpestare senza alcuna remora. L’abbruttimento dell’uomo fa si che qualcuno consideri nullo il valore della vita altrui per cui può permettersi ogni cosa. È necessario comprendere che la vita prima di tutto va custodita, perché è un dono che ci è affidato. Non è una proprietà privata. Va custodita con amore e tenerezza, perché è solo la misericordia che ci permette di cogliere che nulla è a caso e che ogni vita è preziosa e unica.

È importante anche che impariamo a prenderci cura della vita nostra e degli altri. La vita è un’avventura meravigliosa, ma non si può vivere a caso. La vita non si improvvisa, ma si costruisce giorno dopo giorno. In questo cammino è necessario che prendiamo consapevolezza che dobbiamo prenderci cura delle ferite che portiamo e che la vita ci ha lasciato. Prendersi cura di sé è il primo modo concreto per amare la propria storia e anche quella degli altri. È riconoscer che non ci siamo a caso, ma che tutto nella nostra esistenza parla d’Amore. Se guardiamo alla vita con occhi rinnovati dalla speranza impareremo a riconoscere che tutto è dono di Dio e che la nostra esistenza è un miracolo meraviglioso.

Infine la vita va promossa, cioè è necessaria che offriamo a ciascuno gli strumenti per vivere in pienezza i propri giorni. Promuovere la vita significa concretamente credere all’uomo, alle sue potenzialità, accettando anche il suo limite. Significa essere veri. Promuovere la vita è credere nell’uomo e in un domani dove il cammino e la ricerca di oggi porteranno il loro frutto. Significa dare speranza a chi l’ha perduta, affermando che ogni vita è sacra, perché unica ed originale. Promuovere la vita significa valorizzare la dignità di ogni persona e che la vita non si misura in base all’efficienza e alla produttività, ma si vive, ogni giorno, in obbedienza alla propria verità. È un cammino verso la verità e la libertà.

Questa giornata della vita ci porti a guardare a noi e agli altri con il cuore intriso di gioia perché “il Signore ci scruta e ci conosce, ci ha fatti a sua immagine e somiglianza … per lui siamo come un prodigio”. In ogni fase impariamo ad amare e vivere la vita perché è il luogo meraviglioso dove Dio continua a scrivere la Sua Storia di salvezza.


Ultime notizie

Divenire brecce di speranza e di amore

“Siamo invitati a non scoraggiarci dinanzi alle difficoltà che incontriamo. Siamo chiamati a guardare oltre l’ostacolo” Tutti stiamo sperimentando, in maniera diretta o indiretta, la fatica di questo tempo che si protrae da quasi due anni. Alcuni di noi sono stati visitati più da vicino dal dolore, ma tutti stiamo soffrendo – a livello fisico

Tenere vivo il fuoco del desiderio

“La pandemia ci ha fatto toccare con mano le ferite laceranti che inchiodano i più deboli ad una vita disumana e i più ricchi alla bramosia e alla superbia del potere, che riempie di cose l’esistenza, ma lascia nel cuore un tragico vuoto di senso” La furia della tempesta si è smorzata, ma le onde

Buon Natale 2021

“La vita di ognuno è un’attesa. Il presente non basta a nessuno. In un primo momento, pare che ci manchi qualcosa. Più tardi ci si accorge che ci manca Qualcuno. E Lo attendiamo“ (don Primo Mazzolari)   Carissimi, come è consuetudine, vi scrivo per tenere sempre viva la memoria dell’amore di Dio che nella sua

In cammino verso Natale

“In questo Avvento non avrei voluto parlarti di poveri, di profughi e di migranti, ma tu, o Dio, in questi tempi ci sei venuto pesantemente dinanzi nei volti esamini di migliaia di persone che, annegate nell’indifferenza globale, pesano sulle nostre coscienze epulone”   Siamo in cammino verso la celebrazione del Santo Natale. Siamo chiamati a