La carità non va in vacanza - CARITAS TARVISINA

La carità non va in vacanza

La carità non va in vacanza, le nostre porte sono sempre aperte e i nostri servizi attivi

Gli operatori e i volontari della Caritas diocesana saranno in servizio anche nel mese di agosto, per garantire i servizi a tutte le persone che hanno bisogno. Per le esigenze degli ultimi, in un periodo che accentua le conseguenza della solitudine e della povertà, resteranno operativi, come per tutto il resto dell’anno, il Centro di Ascolto e la Casa della Carità. Grazie all’organizzazione interna nella gestione delle ferie e la grande disponibilità dei nostro volontari si rispetteranno gli orari dei diversi servizi; rimarrà chiuso soltanto il Centro di Ascolto diocesano lunedì 15 agosto.

Continuerà anche il nostro ruolo attivo nel coordinamento delle accoglienze dei cittadini ucraini nel territorio diocesano (scopri altro sull’emergenza e il coordinamento). Un totale di 43 nuclei famigliari sono seguiti nel progetto di “Accoglienza di comunità”, espressione di una scelta comunitaria, mediante la disponibilità di famiglie e parrocchie che si mettono in rete e attraverso la forma di una comunità che si prenda cura, insieme, delle persone accolte. In questo periodo estivo i profughi sono visitati dai nostri operatori innanzitutto per conoscersi, conoscere tutti i volontari coinvolti, valutare come sta andando l’accoglienza e la loro vita in Italia e parlare sui loro programmi a breve e medio termine. Sono incontri pieni di emozioni, in cui gli accolti condividono le loro preoccupazioni, i loro pensieri, ma soprattutto la loro gioia e gratitudine per sentirsi al sicuro.


Ultime notizie

Il coraggio della libertà

“In Iran migliaia di giovani, soprattutto donne, stanno scendendo in piazza in questi giorni, sfidando la repressione per denunciare l’ennesima violenza del regime, manifestare contro uno stato teocratico e fondamentalista, chiedere libertà democrazia, diritti” In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece

Un presente responsabile per un futuro di bene

“Siamo chiamati a vivere la responsabilità del voto. Ci sono delle sfide molto importanti sulle quali non possiamo rimanere indifferenti, né lasciarci risucchiare dalle logiche di un voto superficiale di protesta o di comodo” Domenica prossima 25 settembre siamo chiamati a vivere la responsabilità del voto. Si tratta di essere partecipi alla costruzione della res

Caritas accanto alle comunità colpite da alluvioni e inondazioni

E’ comune l’apprensione e la solidarietà per i recenti alluvioni che hanno colpito in particolare le Marche, ma anche la diocesi di Gubbio in Umbria, causando vittime e danni ingenti. In costante collegamento e a supporto delle Caritas delle diocesi colpite e delle respettive delegazioni, Caritas Italiana ha espresso vicinanza nella preghiera alle famiglie delle

Responsabili, non rassegnati

“Ogni momento è una opportunità per avviare un processo di svolta, non lasciamoci risucchiare dalla rassegnazione” Il tempo che stiamo vivendo ci interpella e ci chiede di ritrovare il volto di una comunità che non lascia indietro nessuno e che si fa carica di chi è più fragile e vulnerabile. Purtroppo questi appelli rischiano di