Nomina. Caritas Italiana: il vescovo Pizziolo è il nuovo presidente ad interim - CARITAS TARVISINA

Nomina. Caritas Italiana: il vescovo Pizziolo è il nuovo presidente ad interim

 

da Avvenire, 9 gennaio 2019

Dopo le dimissioni del cardinale Montenegro dalla presidenza di Caritas italiana, verrà eletto il nuovo presidente nell’assemblea della Cei che si terrà il prossimo maggio

 

Arriva dal profondo Nordest, terra di solidarietà e volontariato, il nuovo presidente “ad interim” della Caritas italiana. È monsignor Corrado Pizziolo, vescovo della diocesi di Vittorio Veneto. Presiederà la Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute e la Consulta ecclesiale degli organismi socio-assistenziali. «Ciò che mi auguro – sono state le sue prime parole – è che la Caritas, in questo passaggio non facile della nostra società italiana, riesca a trasmettere in modo credibile e convincente il messaggio di una prossimità ospitale degna del Vangelo di Gesù».

Da dieci anni monsignor Pizziolo è a servizio di una Chiesa diocesana, quella appunto di Vittorio Veneto, che non ha lesinato in carità. Peraltro fin dai tempi dell’allora vescovo Albino Luciani (anni 60) che aprì missioni in Africa e Brasile. Oggi accoglie profughi, assiste ragazze madri e donne in difficoltà, sta ristrutturando in questi giorni – sempre attraverso la Caritas – un’ex Casa dello Studente per trasformarla in laboratori occupazionali per gli italiani e gli stranieri che desiderano reinventarsi un lavoro.

Caritas italiana, attraverso il suo direttore monsignor Francesco Soddu e tutti gli operatori, ha dato il benvenuto a monsigno Pizziolo nel suo nuovo incarico, «con l’impegno a condividere con nuovo slancio un tratto di strada a servizio della comunità ecclesiale».

La prossima assemblea della Cei che sarà chiamata a eleggere il nuovo presidente della Commissione episcopale – e quindi di Caritas Italiana -, si svolgerà il 20-23 maggio 2019. «Qualche giorno fa – racconta Pizziolo – sono stato contattato dal segretario generale della Cei monsignor Stefano Russo, il quale mi ha pregato, anche a nome del presidente, il cardinale Gualtiero Bassetti, di assumere “ad interim” il compito di presiedere la Commissione episcopale “Carità e Salute”, di cui già facevo parte, e di conseguenza di assumere anche la presidenza di Caritas Italiana». Pizziolo ricorda che questo avvicendamento si è reso necessario a seguito delle dimissioni del cardinale Francesco Montenegro nel dicembre scorso. «La scelta è caduta sulla mia persona in base al criterio di anzianità. Il fatto che si tratti di un incarico provvisorio mi ha convinto ad accettare», conclude Pizziolo.

Nato il 23 dicembre 1949 a Scandolara di Zero Branco, provincia e diocesi di Treviso, Pizziolo ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale il 20 settembre 1975. Successivamente, dal 1975 al 1981, è stato vicario parrocchiale nella parrocchia di San Martino di Lupari. Nel 1981 fino al 1985 è stato chiamato a svolgere il servizio di assistente nel seminario maggiore di Treviso ed ha proseguito gli studi, conseguendo la licenza in teologia dogmatica presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale. Nel 1985 ha iniziato a insegnare teologia dogmatica presso l’Istituto teologico interdiocesano di Treviso-Vittorio Veneto e la Scuola di teologia per laici di Treviso. Nel 1998 è stato nominato vicario episcopale per il Sinodo diocesano e nel 1999 delegato vescovile per la formazione permanente del clero. Nel 2002 gli è stato affidato l’ufficio di vicario generale e moderatore della curia vescovile, sia durante l’episcopato di monsignor Paolo Magnani sia di monsignor Andrea Bruno Mazzocato. È stato presidente della Commissione per il diaconato permanente e del Consiglio di amministrazione della Casa del clero di Treviso.


articoli correlati

Il coraggio di prendere il largo

  Sovente la vita di ogni giorno ci inchioda ad una sterile sopravvivenza. È necessario che ritroviamo la voglia di sognare in grande, di prendere il largo. La quaresima è un tempo favorevole nel quale siamo chiamati a ritrovare le ragioni della speranza che il Signore ha seminato nei nostri cuori. È necessario un cambio

M’illumino di impegno e di speranza

Da venerdì 22 a domenica 24 febbraio 150 giovani della nostra Diocesi si sono ritrovati a Treviso per vivere M’illumino d’impegno, esperienza di condivisione e di servizio. A partire dagli stimoli dell’enciclica Laudato sii di Papa Francesco, hanno riflettuto sulla necessità di impegnarsi in prima persona nel prendersi cura di madre terra, della nostra casa

Il coraggio dei sogni

  Ogni giorno si aprano davanti a noi scenari di ingiustizia, di violenza, di prepotenza, di morte che ci tolgono il respiro e spazzano via i fragili germogli della speranza. In questi momenti siamo tentati di ritirarci a vita privata, a difendere una minimale dose di quiete dinanzi a così tanto dolore e sofferenza. Cerchiamo

Guarire il cuore  e cambiare lo sguardo

Faccio fatica a respirare, l’aria di questo mondo si sta facendo sempre più pesante. Il volto unico e bello di questa umanità è imbrattato da una spessa coltre di ipocrisia e anche quando si fanno emergere delle verità luminose e promettenti, subito vengono imbrigliate in logiche di strumentalizzazione e di tornaconto personale. Come vorrei un