“Prendete il largo e gettate le reti”…un invito che si rinnova - CARITAS TARVISINA

“Prendete il largo e gettate le reti”…un invito che si rinnova

Domenica 10 marzo la Casa della Carità ha visto riunirsi i giovani avs (Anno di Volontariato Sociale) degli ultimi anni, in occasione della memoria di S. Massimiliano (12 marzo), patrono degli obiettori di coscienza. Questo appuntamento, che si ripete da due anni, ha lo scopo prezioso di ritrovarsi tra giovani compagni di sevizio, di raccontarsi rispetto al proseguimento della vita di ognuno dopo l’anno di esperienza, di rinnovare lo spirito e le motivazioni che hanno spinto a scegliere un tempo privilegiato per gli ultimi.

Dopo una veloce colazione insieme e due chiacchiere in gratuità, con i rispettivi aggiornamenti su studi intrapresi, assunzioni lavorative e cammini vocazionali, ci siamo riuniti nella cappellina della Casa, nella quale ci siamo messi in ascolto della Parola scelta da don Davide per l’occasione: il racconto della pesca miracolosa (Lc 5,1-10). Il don ci ha aiutati a focalizzare l’attenzione in particolare sui personaggi della vicenda e sui rispettivi comportamenti e posizioni: Gesù, in piedi, nella posizione da risorto, in mezzo ai suoi; la folla che gli fa ressa intorno affamata di vita e di senso; i pescatori, seduti per terra a pulire le reti dopo il fallimento della pesca notturna.

Un tempo di silenzio e di meditazione personale è servito a lasciar risuonare la Parola, guidati da alcuni interrogativi: da quale personaggio-atteggiamento ci sentiamo rappresentati? Quale colore potrebbe esprimere il nostro stato d’animo in questo momento della nostra vita? Quale oggetto potrebbe rappresentare il sogno che stiamo coltivando nel cuore?

E’ stato importante, al termine del tempo personale, poter condividere tra di noi le risposte, in semplicità e fiducia, in una custodia reciproca. E’ emersa tutta la ricchezza delle nostre vite: colori scuri e chiari, entusiasmo e dubbi, fatiche e speranze…bellezza. Ognuno ha messo in luce come l’Anno di Volontariato abbia rappresentato un momento di svolta per la propria vita, di cambio di prospettiva, di allargarsi dell’orizzonte personale, di discernimento sulla propria strada, di incontro con molti fratelli e sorelle e moltiplicarsi dei doni. Tutta questa abbondanza “pescata”, ricevuta gratuitamente, porta con sé anche una responsabilità: continuo a credere alla promessa del Signore di fare della mia vita una meraviglia? Il bene ricevuto lo so condividere con i fratelli? Lo sguardo che i poveri mi hanno insegnato ad avere su di me e sugli altri è mutato? Il mio cuore è tornato ad essere come prima o continua ad essere dilatato per il mondo?

Ci è apparso chiaro che siamo davvero piccoli e poveri e che da soli ci perdiamo facilmente, i nostri buoni propositi non reggono…allora il Signore con questa parola ci invita a rinnovare l’alleanza con Lui, sempre nuova, sempre carica di luce e nuovo ossigeno, per lasciarci plasmare piano piano e poter essere strumenti del Suo amore, che è ciò che desideriamo.

La mattinata si è quindi conclusa con la celebrazione dell’Eucarestia, in un rinnovato affidamento alle mani del Signore, con l’invito a ritrovarci il prossimo anno, e con il pranzo insieme, preparato dagli operatori di Caritas, secondo lo stile famigliare che questa Casa continua a coltivare.

                                                                                                                                             Maddalena


articoli correlati

Oltre il Mare: primo rapporto sui Corridoi Umanitari in Italia

Nella maggior parte dei Paesi europei, le norme mirano a restringere sempre di più le possibilità di ingresso legale. Questa limitazione genera un paradossale circolo vizioso per cui politiche restrittive contribuiscono ad aumentare gli ingressi irregolari e di conseguenza l’ostilità degli autoctoni nei confronti dei migranti generando ulteriori politiche restrittive. È possibile interrompere questo circolo

Terremoto in Abruzzo: 10 anni dopo.

Alle 3:32 del 6 aprile 2009 l’Abruzzo veniva colpito da un devastante terremoto che lo mise in ginocchio. La rete Caritas si attivò prontamente per rispondere ai bisogni immediati, ma anche per rimanere accanto alla popolazione una volta che i “riflettori si spensero”. La sfida è stata, da un lato quella di ricostruire delle città e

M’illumino d’impegno 2019. Racconto di un’esperienza

Dalla sera di venerdì 22 al pomeriggio di domenica 24 febbraio circa 145 tra ragazzi, animatori e capi scout hanno partecipato a M’illumino d’impegno: un week-end di servizio, formazione, condivisione e preghiera  proposto dalla Pastorale Giovanile diocesana e dalla Caritas Tarvisina. Il venerdì, dopo la cena condivisa assieme, ci siamo recati presso la chiesa di

COMUNITÀ ACCOGLIENTI: LIBERI DALLA PAURA. SECONDO GIORNO

La mattinata di oggi si è aperta con l intervento del docente universitario Vincenzo Sorrentino autore del libro ‘Aiutiamoli a casa nostra’. Ci ha aiutato a comprendere cosa significa oggi essere ‘liberi dalla paura’ portandoci a riflettere su un concetto ancora più profondo ovvero l’ essere ‘liberi da un contesto’. Oggi siamo chiamati ad essere