Ringraziamenti dalla Chiesa sorella di Mbeya - Tanzania - CARITAS TARVISINA

Ringraziamenti dalla Chiesa sorella di Mbeya – Tanzania

Questi giorni abbiamo ricevuto una lettera molto speciale da Padre Furaha Aggrey Ntasamaye,  Direttore Caritas Mbeya (Tanzania). Ringrazia noi e il nostro Vescovo Michele per il sostegno ricevuto in questi anni, che permette di migliorare la vita delle persone della loro arcidiocesi, in modo speciale quelle più vulnerabili, con disaggio mentale, seguite dal progetto “Simama“.

Scrive Padre Furaha: “Con il vostro grande e sincero contributo avete aiutato a mostrare un Cristo compassionevole e amorevole a tutte le persone, indipendentemente dalla parentela di sangue e dalla nazionalità, dimostrando che siamo tutti una famiglia perché abbiamo un’unica origine e un unico destino. Questo amore ci ricorda il rapporto di lunga data che la Diocesi di Treviso ha avuto con l’arcidiocesi di Mbeya, soprattutto nel confortare, aiutare e prendersi cura di bambini con disabilità e vulnerabili.”

In particolare Padre Furaha ci manda alcune foto per mostrarci come, con il nostro aiuto, si sono completati parte dei lavori della Chiesa di Santa Marta, con la posa dei rivestimenti esterni e la tinteggiatura delle pareti.

Se vuoi sapere altro sul progetto in Tanzania leggi qui tutte le notizie oppure fai una donazione per la Chiesa sorella (causale: Sostegno progetto Tanzania).


Ultime notizie

Ringraziamenti per la vostra vicinanza

Un lutto improvviso ha colpito la Caritas Tarvisina. Giovedì 2 settembre, è morto per un malore, mentre era in bicicletta, Muhammed Jawo, 47enne originario del Gambia, che in Casa della Carità svolgeva il servizio di custode. Il direttore don Davide ha descritto bene cosa ha significato per noi la sua perdita: “Le tenebre del dolore

Custoditi da un sorriso accogliente

Ciao fratello Jawo, hai preso la tua bici, per il tuo ultimo giro e sei volato via, in silenzio, senza far clamore, come era il tuo stile. Non tante parole, ma un sorriso per tutti e un cuore accogliente verso ciascuno. Nel tuo viaggio hai calpestato la sabbia della sofferenza, hai solcato il mare della

Ciao fratello Jawo

Ciao fratello Jawo, hai preso la tua bici, per il tuo ultimo giro e sei volato via, in silenzio, senza far clamore, come era il tuo stile. Non tante parole, ma un sorriso per tutti e un cuore accogliente verso ciascuno. Nel tuo viaggio hai calpestato la sabbia della sofferenza, hai solcato il mare della

Afghanistan: grave crisi umanitaria

Tutto il mondo segue con apprensione gli avvenimenti che stanno avendo luogo in Afghanistan: dopo una guerra di venti anni, il ritiro delle forze armate statunitensi lascia il paese in un tragico baratro. La tragedia del popolo afghano, le immagini che ci giugnono, il susseguirsi delle notizie non possono che provocare dolore e ottenere la