SERBIA: missione dall’11 al 13 maggio 2017 - CARITAS TARVISINA

SERBIA: missione dall’11 al 13 maggio 2017

 

Missione di confronto e monitoraggio del progetto “ARKA”. L’obiettivo principale del progetto prevede l’apertura di un centro agrituristico multifunzionale a Podbukovi, località situata a 21 chilometri da Valjevo e a 10 chilometri dal centro turistico di Divčibare, sulla monte Maljen.

Al fine di sviluppare il centro agrituristico, Caritas Valjevo ha acquisito nel corso del 2016 tre parcelle agricole per un totale di 1 ettaro a Podbukovi. Il centro polifunzionale è studiato per offrire servizi di alloggio sia per singoli che per gruppi di turisti in viaggi organizzati, attratti dalla natura incontaminata della regione di Divčibare. Il centro è altresì concepito per offrire spazi su misura per scopi professionali e/o didattici: spazi per conferenze, seminari, formazioni, volontariato e campi estivi. Questi spazi sono inoltre ideati per poter essere adeguati a programmi legati ad attività artistiche e spirituali dell’Arcidiocesi di Belgrado, al fine di sviluppare l’imprenditorialità sociale e l’occupazione di persone appartenenti a gruppi vulnerabili, troppo spesso ancora pesantemente marginalizzati sul mercato del lavoro.

Si è dato avvio alla produzione agricola e dell’allevamento del bestiame. Ė previsto un recinto per gli spazi riservati alle capre (100 capi), mentre la coltivazione si svolgerà su una superficie di 3 acri. È prevista anche la costruzione di vasche per la piscicoltura (allevamento di carpe). Inoltre, si prevede di acquistare 100 galline.

Grazie all’avvio dell’impresa sociale e alla terapia occupazionale si potrà lavorare a livello individuale con le persone impiegate, promuovendo la loro riabilitazione professionale e sociale e contribuendo alla riduzione dello stigma. Inoltre, l’aiuto dato alle persone disabili contribuisce anche in maniera importante, socialmente e finanziariamente, a sostenere le loro famiglie. A livello della comunità, i posti di lavoro offerti attraverso l’imprenditorialità sociale offrono un’alternativa ai servizi offerti dai Centri Nazionali di servizio per l’occupazione e il benessere sociale, inefficienti e inefficaci per le persone con disabilità mentali. Nel rispetto delle capacità delle persone con disturbi mentali, saranno organizzati due gruppi da 5 persone, e ciascuno avrà l’opportunità di essere occupato per 4 ore al giorno. Il lavoro si terrà tre volte a settimana per ogni gruppo, per un totale di 12 ore a settimana nella fattoria di Podbukovi.


articoli correlati

COVID-19: nuovo monitoraggio Caritas su povertà e risposte ai bisogni

Il 2 luglio di 49 anni fa, fortemente voluta da San Paolo VI, nasceva Caritas Italiana. In questi decenni ha sempre cercato, in fedeltà al mandato ricevuto, di essere – come ha sottolineato papa Francesco in occasione del 45° – “stimolo e anima perché la comunità tutta cresca nella carità e sappia trovare strade sempre nuove per farsi vicina

NOTA CARITAS DIOCESANA SUGLI INDUMENTI USATI

Premessa La raccolta degli indumenti usati e la distribuzione alle persone in difficoltà è stato uno dei primi servizi che si è strutturato nelle caritas parrocchiali e anche nella Caritas Diocesana. La Caritas Diocesana ha raccolto gli indumenti usati attraverso delle raccolte straordinarie a livello diocesano e attraverso i cassonetti gialli dislocati nel territorio. Il

We the Syrians: Proposta di Pace per la Siria

La Proposta di Pace “Noi siriani” è il risultato di anni di lavoro delle comunità di rifugiati siriani nel nord del Libano e in tutto il mondo, di civili che non appartengono a fazioni politiche e credono ancora in mezzi nonviolenti per porre fine alla guerra in Siria e tornare alle loro case. Il nostro

Le nostre croci, i nostri sorrisi: volontari Caritas che vogliamo ricordare

Dodici croci. Quelle segnalate dalla Caritas per le quali operavano. Dodici persone comuni. Dodici cristiani della porta accanto. Dal sorriso caloroso. Dall’incomprimibile, mai sbandierata attitudine a piegarsi sull’altro, il bisognoso, il povero, il marginale. Il fratello. Dodici uomini e donne che si sono donati. Con semplicità. Nella quotidianità. Perché sì, se te lo chiede la