TOGO: MISSIONE DAL 15 MAGGIO AL 5 GIUGNO 2018 - CARITAS TARVISINA

TOGO: MISSIONE DAL 15 MAGGIO AL 5 GIUGNO 2018

 

Nuovo periodo di monitoraggio e programmazione per il progetto “Emmanuel” a Niamtougou nella diocesi di Kara – Togo. Proseguono con cadenza quindicinale le attività di conoscenza e incontro con alcuni dei bambini che in paese sono considerati “sorcier” e che quindi vivono per strada dormendo la notte negli spazi del mercato cittadino. L’equipe di lavoro si consolida nelle competenze e nell’affiatamento nel lavoro. Alcune problematiche tecniche stanno, ancora una volta, rallentando la produzione agricola e rendendo difficoltoso il lavoro nell’orto. Durante il soggiorno abbiamo verificato il funzionamento dell’impianto fotovoltaico e sostituito le batterie esauste. A seguire è stato necessario l’acquisto e la messa in funzione di una nuova pompa per garantire la fornitura d’acqua necessaria alla coltivazione dell’orto. Con l’arrivo delle piogge è stato possibile dare avvio ai lavori agricoli preparando parte del terreno e seminando il mais. Questi giorni di condivisione fraterna e di lavoro ci hanno permesso di definire alcuni obiettivi concreti per lo sviluppo dell’attività di accoglienza e per lo sviluppo delle attività produttive. Si è concordato l’avvio dell’attività di allevamento con la costruzione di un piccolo ricovero per gli animali (maiali e capre) fonte importante di guadagno per il futuro del centro. Si è deciso inoltre di affidare ad un incaricato la cura delle api (abbiamo attualmente una decina di arnie) e il mantenimento delle piante da frutto messe a dimora in questi anni e della piantumazione di nuove piante.

 

GUARDA TUTTE LE FOTO

 

Ultima novità, finalmente dopo questi anni di avvio del progetto siamo arrivati alla fase più importante: è stato dato avvio ai lavori per la costruzione del centro di accoglienza per i bambini.

Si tratta di una struttura per ospitare una decina di bambini, con la possibilità di ampliamento negli anni successivi, se si renderà necessario. Grazie al prezioso contributo di esperienza dei Salesiani che operano a Kara abbiamo ridefinito il piano architettonico per adeguarlo alla normative e per rendere i nuovi spazi adatti alle esigenze dei bambini che saranno accolti. Si prevede, per iniziare, una struttura per la notte, spazi per la cuoca e la cucina, un’infermeria, uno spazio per i colloqui e l’attività dell’educatrice, spazi di gioco e studio. L’obiettivo è di dare avvio all’accoglienza per l’inizio del prossimo anno.


articoli correlati

“Prendete il largo e gettate le reti”…un invito che si rinnova

Domenica 10 marzo la Casa della Carità ha visto riunirsi i giovani avs (Anno di Volontariato Sociale) degli ultimi anni, in occasione della memoria di S. Massimiliano (12 marzo), patrono degli obiettori di coscienza. Questo appuntamento, che si ripete da due anni, ha lo scopo prezioso di ritrovarsi tra giovani compagni di sevizio, di raccontarsi

M’illumino d’impegno 2019. Racconto di un’esperienza

Dalla sera di venerdì 22 al pomeriggio di domenica 24 febbraio circa 145 tra ragazzi, animatori e capi scout hanno partecipato a M’illumino d’impegno: un week-end di servizio, formazione, condivisione e preghiera  proposto dalla Pastorale Giovanile diocesana e dalla Caritas Tarvisina. Il venerdì, dopo la cena condivisa assieme, ci siamo recati presso la chiesa di

COMUNITÀ ACCOGLIENTI: LIBERI DALLA PAURA. SECONDO GIORNO

La mattinata di oggi si è aperta con l intervento del docente universitario Vincenzo Sorrentino autore del libro ‘Aiutiamoli a casa nostra’. Ci ha aiutato a comprendere cosa significa oggi essere ‘liberi dalla paura’ portandoci a riflettere su un concetto ancora più profondo ovvero l’ essere ‘liberi da un contesto’. Oggi siamo chiamati ad essere

“Comunità accoglienti: liberi dalla paura”

  Il 15,16,17 febbraio, circa 400 persone si incontreranno da ogni parte d’Italia e da 38 nazioni, si incontrano a Sacrofano-Roma per il Meeting “Comunità accoglienti: liberi dalla paura”. All’iniziativa, organizzata da Caritas Italiana, Fondazione Migrantes e Centro Astalli, partecipa anche una delegazione della Diocesi di Treviso, 19 persone che hanno aderito alla progettualità di