TOGO: missione dal 20 settembre al 17 ottobre 2017 - CARITAS TARVISINA

TOGO: missione dal 20 settembre al 17 ottobre 2017

 

Dall’avvio del progetto nel 2012 ad oggi la priorità di azione è stata rivolta alla costituzione di un gruppo di coordinamento e all’avvio dell’attività agricola come fonte di sostentamento economico per il futuro della casa di accoglienza. Queste due priorità hanno richiesto un paziente lavoro comunitario e uno sforzo anche economico per muovere i primi passi nella produzione agricola garantendo l’attuale indipendenza energetica (tramite un impianto fotovoltaico) e idrica (tramite la realizzazione di due pozzi). Attualmente siamo entrati in una nuova fase progettuale che in continuità con le azioni fin qui messe in atto è finalizzata all’avvio dell’azione sociale rivolta ai bambini di strada presenti nel territorio della parrocchia di Niamtougou. Nell’evoluzione del progetto, nato dall’esigenza della comunità parrocchiale di dare una risposta strutturata e continuativa a quei bambini che, per vari motivi, si ritrovano a vivere per strada, si è presentata la necessità di dare vita ad una associazione locale per ottenere quel riconoscimento istituzionale necessario per avviare l’attività di supporto ai minori. Da circa un anno quindi, è stata costituita per la gestione del progetto l’associazione ACEDTT (Action Chrétienne pour l’Enfant en Difficulté – Tourmolga Treviso) che è aperta a tutti e rappresenta lo strumento operativo per proseguire il lavoro in collaborazione con le realtà locali. La novità più rilevante, frutto del discernimento comunitario di questo tempo, è stata la decisione di costituire un’équipe di lavoro stabile e retribuita. I contratti stipulati sono della durata di 6 mesi rinnovabili per altri 6 in modo di avere la possibilità di sperimentare per un anno questa formula organizzativa e valutarne l’efficacia. Si è dato avvio al cantiere per la realizzazione di alcuni spazi dedicati ai bambini e all’associazione. Sono in fase di completamento una struttura con ufficio per l’associazione e alcune stanze per ospitalità, un magazzino con cucina per le attività mensili con i bambini, delle toilette e docce. L’impegno attualmente è quello di far vivere con maggior frequenza gli spazi dedicati al progetto in modo da rafforzare il rapporto di fiducia con i bambini e dare più visibilità a questa problematica all’interno della comunità. Il lavoro di accompagnamento dei minori in questa fase comporta il monitoraggio serale nella zona del mercato per individuare quanti dormono fuori, ricostruire la situazione di ciascuno e, là dove possibile, incontrare le famiglie per raccogliere tutti gli elementi utili e strutturare la modalità di accompagnamento migliore. Obiettivo di quest’anno è dare una cadenza quindicinale agli incontri in plenaria con il gruppo di circa 16 bambini presenti ad oggi e realizzare la struttura di accoglienza dedicata.


Ultime notizie

Rapporto “Dentro il Welfare che cambia”

Il rapporto “Dentro il Welfare che cambia. 50 anni di Caritas, al servizio dei poveri e della Chiesa”, realizzato in circa due anni di lavoro, raccoglie e sistematizza una notevole quantità di materiale analitico, documentale, narrativo, statistico su quanto Caritas Italiana, insieme alle Caritas diocesane, ha svolto in Italia e a livello internazionale, al servizio della Chiesa

EMERGENZA UCRAINA: il nostro impegno

L’impegno della Caritas diocesana e il modello di accoglienza di comunità proposto nel nostro territorio (aggiornamento 07/07/22)   CONTATTI Telefono dedicato 345 58 32 774 (da lunedì a venerdì, dalle 8:30 alle 14) emergenzaucraina@diocesitreviso.it   ACCOGLIENZA Caritas Tarvisina è coinvolta nell’accoglienza dei profughi ucraini nel nostro territorio in collaborazione con la Prefettura di Treviso e

Accoglienze cittadini ucraini: non spegniamo la solidarietà

ACCOGLIENZE: NON SPEGNIAMO LA SOLIDARIETÀ L’appello del Papa e del Card. Zuppi ad accelerare le procedure e sbloccare le risorse per accogliere i cittadini ucraini Nel giorno in cui si celebra San Benedetto, co-patrono d’Europa, il Card. Zuppi ha fatto sue le parole di Papa Francesco all’Angelus: “Che Dio mostri la strada per porre fine

Prosegue l’accoglienza dei cittadini ucraini

Alcuni hanno scelto di fare ritorno in patria. Nel progetto Caritas sono attualmente 142 le persone accolte, tra cui 66 minori. Sono soprattutto donne con figli. L’estate servirà a capire, con incontri mirati, se il loro futuro sarà nel nostro Paese Sono 144.838 le persone in fuga dal conflitto in Ucraina arrivate finora in Italia,