EMERGENZA UCRAINA: L’impegno Caritas - CARITAS TARVISINA

EMERGENZA UCRAINA: L’impegno Caritas

COMUNICATO STAMPA

L’impegno Caritas a sostegno della popolazione ucraina attraverso una raccolta fondi

E’ possibile scaricare, in fondo all’articolo, le schede per fornire informazioni alle persone che vogliono aiutare.

Quanto sta accadendo in Ucraina non ci lascia indifferenti e come ha ricordato il nostro vescovo Michele nel messaggio alla comunità ucraina, in questo momento così tragico, vogliamo far sentire la nostra vicinanza con i nostri mezzi che «si chiamano preghiera, solidarietà, vicinanza di persone».

La Caritas diocesana, a nome della Diocesi di Treviso e in collaborazione con il Centro Missionario diocesano, l’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, l’ufficio Migrantes,  attraverso la rete internazionale di Caritas, ha avviato una raccolta fondi che servirà a contribuire alla fornitura di beni di prima necessità agli organismi pastorali e umanitari delle Chiese locali ucraine e supporterà le Caritas dei Paesi limitrofi – Romania, Polonia e Repubblica Moldova – impegnate a favore dei profughi.

In questo quadro di conflitto armato è sempre più difficile l’opera di soccorso della Caritas in Ucraina che moltiplica gli sforzi per far fronte ai bisogni immediati, ma anche per dare ascolto e sostegno psicologico alla popolazione sconvolta dalla follia della guerra. Diversi centri polivalenti sono stati attrezzati per aiutare i tanti sfollati di questa lunga crisi che coinvolge il Paese dal 2014.

La solidarietà si è estesa anche nei paesi limitrofi dove si stanno riversando i profughi. Si stima che nei prossimi giorni tra uno e cinque milioni di ucraini, soprattutto donne e bambini, potrebbero cercare rifugio in Europa. Le Caritas di Polonia, Moldova e Romania sono in prima fila nell’organizzazione dell’accoglienza e chiedono un aiuto per far fronte a tale emergenza. In Moldavia la Caritas ha aperto tre centri (Chisinau, Palanca e Ocnita) per 500 posti letto, mentre in Polonia la rete delle Caritas diocesane ha messo a disposizione altri 2.500 posti letto.

Registriamo infine una grande mobilitazione solidale con iniziative per la pace e di prossimità alle comunità ucraine che vivono nel nostro territorio. In particolare sono molti i privati e le parrocchie che stanno dando la propria disponibilità per accogliere profughi in arrivo. Queste attività verranno coordinate, nei prossimi giorni, insieme agli organi preposti, in primis la Prefettura di Treviso.

Caritas Tarvisina non raccoglie generi alimentari, coperte, farmaci o qualsiasi altro prodotto da inviare come aiuto umanitario, in quanto non è possibile garantirne la consegna alla luce della situazione attuale.

Accogliamo e rilanciamo l’invito della Presidenza della Cei ad aderire alla Giornata di preghiera e digiuno indetta da Papa Francesco per il prossimo 2 marzo, mercoledì delle Ceneri per la conversione dei cuori e per invocare il dono della pace.

Ulteriori comunicazioni saranno fornite in base all’evolversi degli eventi.

 

AIUTI IMMEDIATI

Caritas Italiana resta accanto alla Caritas in Ucraina ed alla popolazione tutta, attivandosi per fornire gli aiuti necessari per rispondere ai bisogni più urgenti e ha avviato  una raccolta fondi per sostenere gli interventi di assistenza umanitaria ed emergenziale. È possibile fare la donazione diretta a Caritas Tarvisina attraverso bonifico bancario (causale “Europa/Ucraina”) al seguente IBAN: IT05 G 08399 12000 000000332325, intestato a Diocesi di Treviso – Caritas Tarvisina.

Per usufruire delle detrazioni fiscali previste dalla legge si può effetturare la donazione al nostro braccio operativo Servitium Emiliani ONLUS al seguente IBAN: IT55 H 08399 12000 000000318111

Oppure, se vuoi, puoi fare la donazione con la CARTA DI CREDITO (attualmente non detraibile):

DONA

 

ACCOGLIENZA NELLE CASE E VOLONTARIATO

Chi ha a disposizione una casa o un appartamento o vuole condividere qualche stanza, può segnalare la propria disponibilità all’indirizzo di posta elettronica: accoglienza.migranti@diocesitreviso.it.

Qualora venisse adibito un punto di primo arrivo, gestito da Caritas diocesana, e ci fosse la necessità di volontari si possono segnalare disponibilità al seguente indirizzo di posta elettronica: accoglienza.migranti@diocesitreviso.it.



Ultime notizie

Convegno nazionale – camminare insieme

42° Convegno nazionale delle Caritas diocesane. Camminare insieme sulla via degli ultimi È terminato oggi il 42° Convegno che ha visto per tre giorni direttori e collaboratori delle Caritas diocesane e di Caritas Italiana confrontarsi su come camminare insieme sulla via degli ultimi. La mattinata si è aperta con la lectio guidata dalla pastora Lidia Maggi e

42° convegno nazionale delle Caritas diocesane

42° Convegno nazionale delle Caritas diocesane. Camminare insieme sulla via degli ultimi Si apre oggi alle ore 16, a Rho, presso il Centro Congressi Stella Polare, il 42° Convegno nazionale delle Caritas diocesane che vede riunite oltre 500 persone, tra direttori e collaboratori di Caritas diocesane e di Caritas Italiana. “C’è fame di cibo, ma anche di compagnia,

Povertà assoluta a livelli massimi storici

Nell’ultimo report pubblicato dall’Istituto nazionale di statistica (Istat) viene confermato che la povertà resta a livelli massimi storici toccati nel 2020, anno d’inizio della pandemia dovuta al Covid-19. Nel 2021 in Italia sono in condizione di povertà assoluta 5,6 milioni di persone, tra cui 1,4 milioni di bambini. Degli 1,9 milioni di famiglie colpite, sono

Sostegno progetti per bambini con disabilità in Tanzania

La nostra Caritas diocesana continua a sostenere diversi progetti di svilippo in Africa. In particolare abbiamo un forte legame, dal 2016, con la Caritas diocesana di Mbeya, in Tanzania, il cui direttore è Padre Furaha Aggrey Ntasamaye. Insieme abbiamo costruito la clinica specializzata per l’epilessia e la malnutrizione indirizzata a bambini con disabilità, dove i