Una vendemmia che sa di accoglienza e di speranza - CARITAS TARVISINA

Una vendemmia che sa di accoglienza e di speranza

La terra, la vite, il vino, i popoli. Simboli che si intrecciano alla realtà, che raccontano storie di una terra che si è stati costretti a lasciare e di un’altra che accoglie, una terra dove forse mettere radici, dove poter lavorare, godere del frutto del proprio lavoro, ritrovare un’identità.

Dal 4 settembre fino a fine mese, una ventina di uomini e ragazzi in povertà e in cerca di un futuro migliore hanno vendemmiato sulle colline del Prosecco. E’ infatti continuato anche quest’anno il progetto nato dalla collaborazione delle Acli di Treviso e di Caritas Tarvisina con GS snc di Susegana, azienda che gestisce vigneti per conto terzi.

La convinzione profonda che ha reso possibile questa collaborazione è che l’accoglienza e la lotta alla povertà passino in buona parte attraverso il lavoro: non si offre vero aiuto ai poveri senza che essi possano trovare lavoro e dignità. Questo, quindi, è ciò che si è cercato di fare: GS ha assunto per la vendemmia stranieri richiedenti protezione e persone in difficoltà economica e sociale garantendo regolare contratto, assicurazione, formazione antinfortunistica e accessori per lavorare in sicurezza. Così, per una ventina di giorni, in un settembre in cui gli ultimi soli cominciavano a cedere il passo alle prime giornate di pioggia, tra le vigne del Prosecco è riecheggiata un’alternanza di musica in sottofondo, di sorrisi e di voci che vengono da lontano e di mani che hanno stretto grappoli che hanno il gusto della vita.

Una simile esperienza racconta di uno stile di lavoro virtuoso e capace di promuovere la dignità della persona di nuovo protagonista del proprio percorso di vita. La soddisfazione di questi uomini per essersi sentiti utili, degni di ricoprire un ruolo e delle responsabilità ma anche per essersi sentiti parte nella realizzazione di un lavoro ben fatto – e per il quale hanno ricevuto anche il sincero apprezzamento del datore di lavoro – ci dice ancora una volta che nessuno può essere lasciato ai margini e che delle piste di inclusione sono realizzabili anche nelle nostre terre, se ci si crede insieme.

Questo cammino si radica anche nelle parole del Santo Padre in occasione dell’ultima visita pastorale a Cesena e Bologna, quando ha affermato che per uscire dalla crisi economica sia “necessario togliere centralità alla legge del profitto e assegnarla alla persona e al bene comune. Ma perché tale centralità sia reale (…) bisogna aumentare le possibilità di lavoro dignitoso. Questo è un compito che appartiene alla società intera: tutto il corpo sociale è chiamato a fare ogni sforzo perché il lavoro, che è fattore primario di dignità, sia una preoccupazione centrale.”


Ultime notizie

Gli anticorpi dell solidarietà

Il nuovo rapporto di Caritas Italiana dal titolo “Gli anticorpi della solidarietà” (.pdf), pubblicato in occasione della Giornata mondiale di contrasto alla povertà del 17 ottobre, cerca di restituire una fotografia dei gravi effetti economici e sociali dell’attuale crisi sanitaria legata alla pandemia da Covid-19. I dati della statistica pubblica definiscono lo scenario entro il quale ci muoviamo:

Caritas e Banca Etica uniscono le forze!

Banca Etica e Caritas: nuove sinergie per rispondere ai bisogni dei più fragili L’accordo punta all’inclusione finanziaria e sociale grazie alla microfinanza in partnership con PerMicro Ecco i primi strumenti definiti da Banca Etica e Caritas Italiana per rafforzare una collaborazione che dura da oltre 20 anni: Banca Etica promuove e sostiene iniziative di educazione

Dacci oggi il nostro pane quotidiano: focus sulla mobilità umana

In occasione della Giornata del Migrante e del Rifugiato, la mobilità umana è il nuovo focus della Campagna Caritas-FOCSIV. Un fenomeno che ha molti volti, tra cui quello spesso poco considerato  dei cosiddetti sfollati interni. È proprio a loro che è dedicato in particolare il Messaggio di Papa Francesco in occasione della 106a Giornata del Migrante e