Per vivere il tempo di Avvento - CARITAS TARVISINA

Per vivere il tempo di Avvento

Il tempo dell’Avvento è un tempo di grazia nel quale lasciarsi toccare dalla misericordia di Dio ed aprirci all’amore fraterno. Il sussidio ci vuole aiutare a coltivare alcuni atteggiamenti di fondo suggeriti da questo tempo liturgico. Siamo chiamati a partire dalla povertà interiore, ossia dalla consapevolezza che Dio non lo possiamo avere, lo possiamo solo attendere con speranza certa. Non è un giocattolo nelle nostre mani, non è qualcosa che possiamo conquistare o meritare. Dio non è a nostra disposizione o sotto il nostro controllo. Tutto questo contraddice dal profondo la nostra ansia di dominio o i nostri tentativi di sottomissione. L’Avvento ribadisce lo spettacolo delle nostre mani vuote ma ci invita a considerarlo come l’unica condizione per sedere al banchetto che Dio prepara per noi ed essere colmati dei suoi beni.

Chi attende è anche aperto al nuovo. È pronto a contemplare un deserto che fiorisce. L’immagine, cara al profeta Isaia, è più che mai adatta a descrivere l’opera di Dio: inaspettata, rigogliosa, commovente. Dio viene nella novità. Egli è eterna novità. Chi ha un cuore vecchio o appesantito come potrà scorgere la sua presenza nelle pieghe della storia? L’attesa si fa anche vigilanza: il cuore è attirato e unificato dalla tensione verso l’incontro. Tutto il resto perde d’importanza e non assorbe l’anima così da consumarla attorno all’inessenziale.

Il Dio che ci viene incontro nella carne di Cristo ci visita in ogni fratello e sorella. In Avvento, a questo proposito, ci scuote la predicazione del Battista con la richiesta di opere di giustizia da praticare necessarie per ogni gruppo sociale, nessuno escluso.


Documenti correlati


articoli correlati

COMUNITÀ ACCOGLIENTI: LIBERI DALLA PAURA. SECONDO GIORNO

La mattinata di oggi si è aperta con l intervento del docente universitario Vincenzo Sorrentino autore del libro ‘Aiutiamoli a casa nostra’. Ci ha aiutato a comprendere cosa significa oggi essere ‘liberi dalla paura’ portandoci a riflettere su un concetto ancora più profondo ovvero l’ essere ‘liberi da un contesto’. Oggi siamo chiamati ad essere

“Comunità accoglienti: liberi dalla paura”

  Il 15,16,17 febbraio, circa 400 persone si incontreranno da ogni parte d’Italia e da 38 nazioni, si incontrano a Sacrofano-Roma per il Meeting “Comunità accoglienti: liberi dalla paura”. All’iniziativa, organizzata da Caritas Italiana, Fondazione Migrantes e Centro Astalli, partecipa anche una delegazione della Diocesi di Treviso, 19 persone che hanno aderito alla progettualità di

Solidarietà a padre Alex Zanotelli

Oggi vogliamo esprimere la nostra solidarietà a padre Alex  Zanotelli che ha ricevuto un attacco mediatico da parte del ministro degli Interni. Padre Alex (comboniano) è il più noto missionario italiano, ha dedicato tutta la vita alla missione e continua nella sua opera, sempre giocata in prima linea: in Africa (dapprima Sudan, poi Kenya), alla

#WelcomingEurope

Facciamo sentire la nostra voce! www.welcomingeurope.it Sabato 12 gennaio sarà possibile firmare la petizione presso le Botteghe Altromercato