Etiopia - CARITAS TARVISINA

SERVE IL TUO AIUTO DONA ORA

Etiopia

Etiopia

Sono trascorsi sei mesi dall’inizio del conflitto nel Tigray, la regione più a nord dell’Etiopia al confine con Eritrea e Sudan,  tra forze federali e quelle regionali con il coinvolgimento ormai acclarato anche di forze eritree. Nonostante l’intensità del conflitto si sia ridotta, permane un clima di tensione e insicurezza con scontri localizzati in alcune aree. Sempre più grave invece la crisi umanitaria provocata dal conflitto,  dalla pregresse condizioni di vulnerabilità della popolazione e dall’accesso agli aiuti ancora limitato in molte aree. Secondo le ultime stime delle Nazioni Unite, le persone che necessitano di assistenza umanitaria sono salite a 5,2 milioni, gli sfollati a 2 milioni ed i profughi fuggiti in Sudan a oltre 63.000. Secondo, recenti rapporti del Ministero dell’Istruzione, almeno il 25% delle scuole in Tigray è stato danneggiato, con la distruzione parziale o completa di aule, uffici, sistemi idrici e servizi igienici. Negli ospedali mancano medicine e personale sanitario, frequenti i saccheggi e ormai esigui i servizi di base garantiti. Si stima che circa la metà degli ospedali e dei centri sanitari nella regione non siano funzionanti.
La guerra colpisce un’area già tra le più povere dell’Etiopia con un alto tasso di malnutrizione e carenza di servizi essenziali. Inoltre la guerra è scoppiata in un momento in cui l’intero paese è alle prese da mesi con altre crisi, quali le invasioni di locuste, la  pandemia di covid-19, l’insicurezza alimentare in molte aree.
Grazie alla solidarietà espressa da singoli e comunità e ad un contributo dai fondi dell’8 per mille alla Chiesa Cattolica, Caritas Italiana – che dall’inizio è stata accanto a Caritas Etiopia lanciando anche un preoccupato allarme a cento giorni dall’inizio del conflitto – prosegue il sostegno agli interventi in atto (cf. scheda interventi). In particolare sino ad oggi si sono raggiunti i seguenti risultati a beneficio delle persone sfollate o comunque bisognose di assistenza umanitaria:
• Cibo e nutrizione: 8.800 bambini hanno ricevuto integratori alimentari e oltre 20.000 famiglie e 3.600 persone singole  aiuti alimentari
• Acqua: in Adigrat sono state distribuite 10 cisterne per la raccolta dell’acqua e sono stati riparati 65 sistemi idrici
• Beni di prima necessità non alimentari: oltre 10.000 famiglie sono state assistite con coperte, materassi e tappeti, lenzuola, kit per le donne, igienizzanti, piatti, tazze
• Voucher per l’acquisto di cibo, beni di prima necessità, acqua: distribuiti a oltre 6000 famiglie
• Attrezzi agricoli e sementi: distribuiti a 4.800 famiglie
Il perdurare della crisi e le condizioni di vulnerabilità della popolazione richiedono la prosecuzione di questi interventi nel medio termine, per questo Caritas Italiana invita a continuare ad esprimere vicinanza e solidarietà concreta alla popolazione e si unisce ai numerosi e reiterati appelli affinché cessino le violenze, siano tutelati i civili, sia garantito l’accesso agli aiuti.

COSA SI PUO’ SOSTENERE CON UN’OFFERTA

Con un’offerta si può contribuire agli interventi descritti in precedenza. A titolo indicativo di seguito il costo di alcune delle attività previste.

COME?

Caritas Tarvisina, in collegamento con Caritas Italiana, raccoglie donazioni attraverso bonifico bancario (causale “Emergenza Etiopia”) tramite:

Iban: IT05 G 08399 12000 000000332325

Intestato a Diocesi di Treviso – Caritas Tarvisina

Se vuoi avere la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali previste dalla legge fai la donazione al nostro braccio operativo Servitium Emiliani ONLUS:

Iban: IT55 H 08399 12000 000000318111

Intestato a Servitium Emiliani ONLUS, braccio operativo di Caritas Tarvisina

Oppure, se vuoi, puoi fare la donazione con la CARTA DI CREDITO:

DONA

 

notizie

10 anni di guerra in Siria: dossier Caritas con dati e testimonianze

Sono passati 10 anni dal marzo 2011, quando la primavera araba sbocciò in Siria, fiorendo con le parole sui muri delle scuole di Da’ra. Quelle parole-graffiti erano la voce del popolo siriano, che al regime di Damasco chiedeva libertà, dignità, cittadinanza.  A dieci anni da quei graffiti, la guerra continua e l’eredità della primavera siriana

Migranti, ancora emergenza ai confini dell’Europa. No all’indifferenza

Quanto sta accadendo alle frontiere esterne dell’Unione Europea è inaccettabile e non deve restare nell’indifferenza. Migliaia di persone stanno cercando disperatamente di attraversare il confine turco, ma al di là trovano i militari greci a sbarrare la loro strada. Inoltre le ultime violenze nella Provincia di Idlib (Siria) stanno ulteriormente aggravando la crisi umanitaria, con 900.000

Emergenza Siria

A seguito dell’attacco della Turchia nel nord-est della Siria sotto il controllo delle forze curde, iniziato il giorno 9 ottobre 2019, si è aperta una nuova emergenza all’interno della già complessa e grave crisi siriana. La sera del 17 ottobre la Turchia e gli Stati Uniti hanno accordato un cessate il fuoco: la Turchia ha

APPELLO CARITAS PER STOP OPERAZIONI BELLICHE

L’attacco annunciato da mesi è avvenuto. L’8 ottobre 2019 si è aperta una nuova emergenza all’interno della già complessa e grave crisi siriana, in un territorio che da oltre 8 anni è provato dalla violenza. Sotto attacco da parte della Turchia questa volta le zone nel nord-est della Siria, abitate prevalentemente da Curdi, con ancora morti

Digiuno e preghiera per la Siria

Pax Christi Italia-Caritas Italiana Proposta alle Caritas diocesane e ai gruppi di Pax Christi per mercoledì 12 aprile Ancora vittime. Ancora orrore, morte e cancellazione di vite umane, tra cui molti bambini a Idlib, in Siria. Mentre istituzioni internazionali e governi continuano in sterili negoziati, discussioni inutili e rimpalli di responsabilità, siamo ancora una volta

Aggiornamento sulla situazione di Damasco

Domenica 19, 2017, le persone a Damasco si sono svegliate alle 5:00 del mattino con i boati di due esplosioni. L’attacco è cominciato al mattino, quando jihadisti (Tahrir al-Sham e Failaq al-Rahman gruppo) hanno lanciato una raffica di autobombe e attacchi suicidi in Jobar, a soli 2 km a nord-est delle mura della Città Vecchia.