La Caritas Italiana nei suoi oltre quarant’anni di vita ha saputo guadagnarne una grande significatività e credibilità sia all’interno della Chiesa che della società civile. Questo fatto testimonia che la scelta fatta allora da Papa Paolo VI e dall’Episcopato italiano fu autenticamente evangelica. Il Santo Padre e i Vescovi intuirono che la credibilità della Chiesa e della missione passa attraverso la conferma delle opere di carità, come esplicitamente Gesù chiede ai suoi discepoli.

 

Caritas diocesana, riferimento necessario

La Caritas Tarvisina è l’organismo pastorale, istituito nella Diocesi di Treviso, al fine di promuovere la testimonianza della carità nella comunità ecclesiale, in forme consone ai tempi e alle necessità, in vista dello sviluppo integrale dell’uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica. La Caritas Diocesana è lo strumento ufficiale della Diocesi per la pastorale della carità e per la promozione ed il coordinamento delle iniziative caritative ed assistenziali. (Art. 1 Statuto Caritas Tarvisina).

Caritas è un organismo ecclesiale e pastorale in quanto tale la sua forma e la sua struttura rispecchiano quelle della Chiesa stessa. Così come non esiste parrocchia senza diocesi, Chiesa locale guidata dal Vescovo, successore degli apostoli, allo stesso modo la Caritas parrocchiale non può esistere senza un riferimento alla diocesi e alla Caritas diocesana. Il rapporto tra Caritas parrocchiale e la Caritas diocesana non può che rispondere al criterio della comunione con il Pastore, perché la carità, così come la catechesi e la liturgia, costituisce uno dei capisaldi del servizio pastorale del Vescovo.

 

Le finalità della Caritas diocesana sono molteplici:
Animare la comunità nel senso della carità e della giustizia;
Coordinare le iniziative ecclesiali relative alla carità e alla promozione umana, operando con gli altri uffici di pastorale diocesana e con la Caritas Italiana;
Promuovere, aiutare ed armonizzare le Caritas parrocchiali e vicariali, secondo le indicazioni del Vescovo;
Favorire e sostenere il volontariato, specialmente se di iniziativa cristiana;
Formare gli animatori delle Caritas parrocchiali e gli operatori della carità;
Sensibilizzare la Chiesa locale al problema della fame, del sottosviluppo e delle varie forme di sfruttamento della persona;
Sostenere la solidarietà nelle emergenze, sia a livello locale che internazionale;
Avviare iniziative concrete rivolte a bisogni di particolare gravità, attivando opere-segno come modello e profezia.

 

Le tre grandi vocazioni della Caritas diocesana sono:
1. la promozione di una cultura evangelica sulla carità;
2. l’inserimento della dimensione caritativa nella pastorale organica della Chiesa locale;
3. l’educazione comunitaria secondo il metodo della pedagogia dei fatti.

G. Pasini, Carità quinto vangelo, p. 193-194

 

La Caritas Tarvisina

Nell’anno 1973 viene fondata la Caritas Tarvisina, come servizio per la pastorale della carità della diocesi. La sua identità affonda di fatto le radici nell’Opera diocesana di assistenza e fin dall’inizio collabora attivamente con la Caritas del Triveneto e la Caritas Italiana. Il 1° gennaio1973 viene firmato il Decreto di erezione della Caritas Tarvisina, che incorpora la Commissione diocesana per l’assistenza e l’Opera diocesana di assistenza.

Il Vescovo, presidente di tale organismo diocesano, nomina il Direttore, che in comunione con lui è responsabile dell’attività pastorale concreta. I coordinatori vicariali sono nominati dalle congreghe. Il Direttore partecipa al Consiglio pastorale diocesano e tiene viva la preoccupazione per la testimonianza della carità nel rapporto e nella collaborazione con gli altri uffici ed organismi diocesani.
A livello territoriale, con lo scopo di mantenere e promuovere la comunione tra le Caritas parrocchiali, le Caritas della collaborazioni pastorali con la Chiesa diocesana, vi è un Coordinamento vicariale della Caritas che opera in stretto collegamento con il vicario foraneo e in armonia di indirizzi con la Caritas diocesana.

La Servitium Emiliani Onlus e la Carità Diocesana di Treviso Onlus sono i due bracci operativi delle attività caritative direttamente affidate alla Caritas Tarvisina.

La Caritas diocesana promuove e gestisce direttamente alcuni servizi a favore di tutto il territorio diocesano, chiamati opere-segno. Per la loro promozione e gestione, la Caritas diocesana si avvale anche di alcune cooperative, di associazioni e di volontari. La Caritas Tarvisina, inoltre, avvia e coordina la rete dei centri d’ascolto nel territorio della Diocesi, dà vita all’Osservatorio delle povertà e delle risorse e coordina l’appoggio ad alcuni progetti internazionali.

equipe di lavoro

L’équipe è un gruppo di lavoro, con competenze e compiti differenziati, che però condivide metodi, percorsi formativi e soprattutto un comune obiettivo.

Lavorare in gruppo consente di mettere in comune le proprie esperienze, competenze e doti personali, non solo per un servizio più efficace, ma anche per una reciproca integrazione. Infatti il lavorare insieme, in qualsiasi ambito, ha sempre un aspetto educativo.

Innanzitutto si impara l’integrazione: nessuno basta a se stesso, ma si ha bisogno delle esperienze, delle opinioni e delle idee altrui; un confronto da parte di più persone su una stessa situazione permette di cogliere aspetti che, in un’analisi individuale, possono risultare parziali. Ancora, lavorando insieme ci si sostiene a vicenda e si può imparare gli uni dagli altri; si possono rafforzare le proprie motivazioni, ci si allena alla collaborazione e si consolida l’amicizia.

equipe

formazione

Cecilia Gastaldon,
Francesco Zanon,
Paola Favretto,
Paola Favaro,
Valentina Cabras

obiettivi

Accompagnare singoli e comunità nel cammino di conformazione alla Carità di Cristo

equipe

progettazione

Davide Chiarot, Giovanni Dal Poz, Marcello Daniotti, Roberta Pavanetto, Francesco Zanon

obiettivi

Progettare intorno alla persona e su una comunità in ottica di opera segno

equipe

internazionale

Erika Della Bella, Annalisa De Faveri, Davide Chiarot, Ahmadou Tounkara

obiettivi

Tenere viva l'attenzione sulle povertà del mondo

equipe

Servizi

Giorgia Da Pos, Arianna Cavallin, Valentina Cabras, Alessandro Beltrame

obiettivi

Progettare e monitorare il funzionamento dei servizi della Casa della Carità e la loro conformità al "senso Caritas"

equipe

Ascolto

Arianna Cavallin, Giorgia Da Pos, Cecilia Gastaldon, Paola Favaro, Ahmadou Tounkara, Marcello Daniotti, Valentina Cabras, Roberta Pavanetto

obiettivi

Vivere la centralità della persona e riconoscerne la dignità, "essendo CON oltre che PER"

equipe

comunicazione

Giovanni Dal Poz, Paola Favaro, Giorgia Da Pos, Erika Della Bella, Annalisa De Faveri, Davide Chiarot

obiettivi

Utilizzare la comunicazione come strumento di ricaduta pastorale esercitando così la funzione pedagogica di Caritas

equipe

volontari

Valentina Cabras, Cecilia Gastaldon, Giorgia Da Pos, Annalisa De Faveri, Arianna Cavallin

obiettivi

Animare al servizio

equipe

Amministrazione e Logistica

Tiziana Molena, Erika Della Bella, Alessandro Beltrame, Achille Aggujaro

obiettivi

Rendere conto in modo puntuale e trasparente di come e dove vengano impiegate le risorse