Casa della carità Archivi - CARITAS TARVISINA

La Casa della Carità a Treviso

La Casa della Carità accoglie centinaia di uomini e donne di lingue e fedi diverse, offrendo la possibilità di una cena calda e abbondante, una doccia ristoratrice, un riparo per la notte, ascolto e accoglienza, anche là dove sguardi e sorrisi sostituiscono parole troppo difficili da comprendere.

E’ un mondo che racchiude persone con storie e bisogni diversi. Un volto è quello dei senza dimora: uomini e donne, italiani e stranieri, finiti ai margini della società, con una rete sociale fragile, che vivono una precarietà significativa su più livelli, con problematiche cronicizzate e stili di vita disfunzionali ma anche persone che per un certo tempo hanno goduto di una propria autonomia, venuta meno spesso a seguito della perdita del lavoro, della separazione dalla famiglia o di una malattia. Condizioni che frequentemente includono fragilità personali, talvolta psichiche e/o aggravate da dipendenze da sostanze, che conducono a circoli viziosi e carriere di impoverimento.

L’altro volto è quello dei migranti, richiedenti asilo o già titolari di permesso di soggiorno, esclusi dai grandi centri di accoglienza governativi : per loro inizia il faticoso percorso di inserimento nel tessuto sociale ed economico nella terra d’asilo. Chi non dispone di una rete a cui fare riferimento nell’immediato, si ritrova improvvisamente abbandonato a se stesso, in condizioni di grande marginalità, spesso peggiorate da un’insufficiente conoscenza dell’italiano, dalla scarsa consapevolezza rispetto alla propria condizione giuridica e alle reali opportunità lavorative.

La Casa della Carità e la pandemia

Il 2020 è stato un anno difficile: ognuno di noi può trovare sulla propria pelle ferite portate dalla pandemia. Ma per chi vive nella marginalità le difficoltà si sono moltiplicate; basti pensare cosa vuol dire essere obbligati a stare in casa per chi una casa non ce l’ha. Pertanto i dati relativi all’anno 2020 vanno letti proprio tenendo conto degli eventi che hanno rivoluzionato il nostro lavoro quotidiano e, in particolare, il nostro sguardo sulla povertà.

Nel corso del 2020, visto il periodo di lockdown, durante e dopo il quale sono state messe in atto tutte le attenzioni necessarie per rispettare le norme in materia di prevenzione del contagio in vigore, abbiamo dovuto apportare alcune modifiche rispetto alla gestione dei servizi della Casa della Carità. Così, a partire dal 23 marzo 2020, tutti i servizi offerti dalla Casa hanno subito variazioni rispetto alle modalità e alle tempistiche di accesso, vista l’elevata esposizione al rischio di contagio dei volontari, degli operatori e degli ospiti. In totale, nel 2020, 260 persone, di cui 19 donne, hanno usufruito dei servizi della Casa.

Quest’anno, poi, è stata offerta la possibilità di un ristoro notturno a 105 persone (di cui 9 donne) per un totale di 506 notti al femminile e 6.577 notti al maschile. A partire dal DPCM 22 marzo 2020, l’accoglienza notturna in Casa della Carità è stata ripensata secondo le nuove disposizioni: in particolare si è scelto di creare una piccola comunità chiusa per preservare la salute degli ospiti, offrendo loro una casa che potesse ospitarli per l’intera giornata e non solo nelle ore notturne. Ciò ha permesso, con le persone accolte in essa, di avviare un percorso di vita comunitaria, con la presenza di due operatori Caritas, che si sono trasferiti all’interno della struttura e, oltre ad aver provveduto alle necessità più impellenti degli ospiti, hanno creato con loro un clima di accoglienza e condivisione. Le persone accolte durante il periodo di lockdown sono state 20, di cui 2 donne. La loro permanenza si è protratta fino al mese di giugno 2020, quando l’accoglienza notturna è stata ripristinata nelle modalità ordinarie fatta eccezione per l’accoglienza femminile che è stata sospesa nel mese di luglio.


Progetti

Lavanderia

La lavanderia della Casa della Carità è attiva da ottobre 2015. Ad oggi nella città di Treviso non esiste una lavanderia pubblica e chi è in difficoltà spesso non ha il denaro per utilizzare i servizi a pagamento. Ciò fa sì che gli indumenti vengano lavati in qualche luogo di fortuna oppure gettati nei rifiuti. Tra le tante difficoltà che

Docce

Le docce pubbliche di Caritas sono attive da febbraio 2008. Non c’è nessun altro servizio di docce e bagni pubblici nella città di Treviso oltre a quello di Caritas Tarvisina. Un servizio che vuole garantire la dignità di chi non ha una casa e un posto dove lavarsi, attraverso la cura della propria persona insieme alla possibilità

Mensa

La mensa serale della Casa della Carità è attiva da gennaio 2016. In città non esistono altri servizi di mensa serale strutturati. Il Comune di Treviso offre il pasto a mezzogiorno a circa 30 persone e altre sono assistite grazie all’intervento di diverse realtà della città. La mensa vuole essere un luogo di condivisione dove la collettività incontra e si fa carico del prossimo più

Accoglienza Maschile

L’accoglienza maschile presso la Casa della Carità è attiva da novembre 2013. È disposta su due piani, “San Francesco” e “San Martino”, per un totale di 18 posti letto in camera singola. In città anche il Comune di Treviso garantisce dei posti letto a chi si trova in situazione di marginalità. Il significato originario della parola “accogliere” è radunare, mettere insieme,

Accoglienza Femminile

L’accoglienza femminile “Santa Chiara” presso la Casa della Carità è attiva da settembre 2014. Può accogliere fino a 7 donne in stanze singole, ciascuna con il proprio bagno. Nella città di Treviso è l’unica struttura che offre accoglienza a donne in situazione di difficoltà. La struttura è rivolta a donne che si trovano temporaneamente senza casa, per mancanza di


Testimonianze

  • Ahmad e Bashar: la gioventù di Aleppo

    Ahmad, 11 anni, ha detto dopo aver ricevuto la borsa con i regali portata da Caritas Siria: “Sono felice perché non ho mangiato biscotti per più di 5 anni. Quando eravamo nell

    Leggi tutto
  • Samira, la farmacista

    Samira è una donna palestinese di ottantacinque anni, madre di quattro figli che sono emigrati negli Stati Uniti e in Canada. Si trova ad affrontare la vecchiaia in solitudine nel

    Leggi tutto
  • La storia si Safya

    Nel nostro ultimo giro con mister Adnan alle famiglie giordane incontriamo Safiya, una nonnetta arzilla che vive all’ultimo piano di un caseggiato bianco. Per salire e raggiunger

    Leggi tutto

Ti piacerebbe contribuire attivamente ai nostri progetti?
Puoi aiutarci con tanti piccoli e grandi gesti