21 dicembre: vedi la registrazione dell'incontro "L'INVERNO DELL'UMANITÀ" - CARITAS TARVISINA

21 dicembre: vedi la registrazione dell’incontro “L’INVERNO DELL’UMANITÀ”

Vedi la registrazione dell’evento organizzato dalle Caritas del Nord-Est per raccontare il dramma dei migranti sulla Rotta Balcanica:

“L’INVERNO DELL’UMANITÀ

Martedì 21 dicembre 2021, le Caritas della Delegazione Nord-Est, ovvero del Friuli Venezia Giulia, del Trentino Alto Adige e del Veneto, hanno organizzato un’incontro online sulla drammatica situazione dei migranti lungo la Rotta Balcanica. Hanno intervenuto Laura Stopponi, responsabile dell’Ufficio Europa di Caritas Italiana, e Daniele Bombardi, coordinatore di Caritas Italiana per l’area balcanica che opera direttamente sul campo in  Bosnia-Erzegovina.

Dalla Bosnia, alla Serbia, alla Polonia, alla Bielorussia, passando per la Grecia, tutti siamo testimoni di una disumanità che stride con i valori su cui è fondata l’Unione Europea. Il dialogo fra stati membri è necessario, ma è altrettanto necessario ribadire che alcuni valori non sono negoziabili, a partire dall’accoglienza e dalla protezione di chi, per una ragione od un’altra, è costretto a lasciare la propria casa. La crisi dei migranti in questi giorni ha posto nuovamente l’attenzione sulla cosiddetta Rotta Balcanica, il percorso spesso utilizzato da chi, proveniente principalmente da Afghanistan, Pakistan e Siria, cerca di raggiungere l’Unione Europea alla ricerca di un futuro migliore. Una meta che diventa sempre più difficile e molti sono costretti a dormire all’aperto, in condizioni di estrema precarietà, fino a volte a morire di freddo. Quello che sta succedendo a pochi chilometri da casa nostra è una questione drammatica e dolorosa che si trascina da molti anni: migranti che restano intrappolati dalla neve, dal gelo, dalle frontiere chiuse, dalle violenze delle diverse polizie di frontiera, dai respingimenti, dal silenzio e dall’ambiguità politica dell’Unione Europea. Non si può più temporeggiare, bisogna agire con decisione e rapidità per trovare soluzioni, almeno temporanee, e salvare vite umane.

Le Caritas diocesane del Nord-Est hanno proposto questo incontro in streaming, in cui è stata presentata la situazione in atto e le iniziative fatte e programmate per affrontare l’emergenza. Laura Stopponi ha spiegato cosa succede ai migranti al confine con l’Unione Europea e Daniele Bombardi ci ha riportato la sua testimonianza come operatore Caritas in Bosnia-Erzegovina, e le azioni messe in atto ad un’anno dell’incendio di Lipa.

Si possono sostenere gli interventi di Caritas Italiana attraverso la Caritas diocesana. È possibile fare una donazione (causale “Emergenza Rotta Balcanica”) con bonifico bancario a Caritas Tarvisina – Diocesi di Treviso (Iban: IT05 G 08399 12000 000000332325) o con carta di credito (LINK). Per avere la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali previste dalla legge si può fare la donazione al nostro braccio operativo Servitium Emiliani ONLUS (Iban: IT55 H 08399 12000 000000318111).

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta, martedì 21 dicembre alle 20:30, dal canale YouTube della Caritas Tarvisina (LINK).

Intanto è possibile leggere l’ultimo dossier di Caritas Italiana “Bussano alle nostre porte: Europa murata“, con tutti i dati aggiornati sul contesto, l’impegno di Caritas e informazioni su come aiutare.

LEGGI IL NUOVO REPORT di Caritas Italiana con le attività fatte e programmate nei campi dell’area balcanica ad un anno dall’incendio nel campo di Lipa

DI SEGUITO LA REGISTRAZIONE DELL’INCONTRO



Ultime notizie

Rapporto “Dentro il Welfare che cambia”

Il rapporto “Dentro il Welfare che cambia. 50 anni di Caritas, al servizio dei poveri e della Chiesa”, realizzato in circa due anni di lavoro, raccoglie e sistematizza una notevole quantità di materiale analitico, documentale, narrativo, statistico su quanto Caritas Italiana, insieme alle Caritas diocesane, ha svolto in Italia e a livello internazionale, al servizio della Chiesa

EMERGENZA UCRAINA: il nostro impegno

L’impegno della Caritas diocesana e il modello di accoglienza di comunità proposto nel nostro territorio (aggiornamento 07/07/22)   CONTATTI Telefono dedicato 345 58 32 774 (da lunedì a venerdì, dalle 8:30 alle 14) emergenzaucraina@diocesitreviso.it   ACCOGLIENZA Caritas Tarvisina è coinvolta nell’accoglienza dei profughi ucraini nel nostro territorio in collaborazione con la Prefettura di Treviso e

Accoglienze cittadini ucraini: non spegniamo la solidarietà

ACCOGLIENZE: NON SPEGNIAMO LA SOLIDARIETÀ L’appello del Papa e del Card. Zuppi ad accelerare le procedure e sbloccare le risorse per accogliere i cittadini ucraini Nel giorno in cui si celebra San Benedetto, co-patrono d’Europa, il Card. Zuppi ha fatto sue le parole di Papa Francesco all’Angelus: “Che Dio mostri la strada per porre fine

Prosegue l’accoglienza dei cittadini ucraini

Alcuni hanno scelto di fare ritorno in patria. Nel progetto Caritas sono attualmente 142 le persone accolte, tra cui 66 minori. Sono soprattutto donne con figli. L’estate servirà a capire, con incontri mirati, se il loro futuro sarà nel nostro Paese Sono 144.838 le persone in fuga dal conflitto in Ucraina arrivate finora in Italia,