Emergenza terremoto Iran-Iraq - CARITAS TARVISINA

Emergenza terremoto Iran-Iraq

Le cifre della catastrofe al 02/02/2018

  • Ad oggi le scosse di assestamento sono state 1309
  • I morti e i feriti dall’ultimo aggiornamento di dicembre ad oggi sono aumentati fino ad arrivare a 620 morti e 9000 feriti.

 

Interventi realizzati

Grazie alle prime sollecite e generose risposte della rete Caritas è stato possibile fare le prime distribuzioni di aiuti d’urgenza già a dicembre 2017 e a gennaio 2018. Sono stati distribuiti: 800 coperte, 18 tonnellate di farina, 300 cappotti per i bambini, 2.000 teloni e circa 370 “saj” (contenitore metallico per cuocere il pane). Inoltre sono state consegnate e si stanno installando 30 latrine e docce prefabbricate a Sarpol-e-zahab.

Tutti gli interventi della Caritas si realizzano in coordinamento con le autorità locali e i capi dei consigli di villaggio. La prima fase si è conclusa con successo.

 

Impegno di Caritas Italiana e indicazioni per le Caritas diocesane

  • Caritas Italiana sta sostenendo gli interventi di Caritas in Iran.

Grazie ai fondi ricevuti finora da alcune Caritas diocesane e da altri donatori, ha già stanziato un contributo di 100.000 Euro a favore delle vittime di tutta la zona colpita e, in particolare, ha già inviato un primo contributo di 50.000 Euro per gli interventi del secondo appello lanciati da Caritas in Iran.


Ultime notizie

Rifugiati, richiedenti asilo, sfollati interni.

  Questa immagine, ripresa dal dossier di Caritas Italiana, sulla situazione degli sfollati in Iraq, richiama una situazione di estrema vulnerabilità in questo territorio. Uniti insieme, rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni, compresi donne e bambini, sono quasi 80 milioni. Una cifra esorbitante, simbolo di quanta fragilità porta con sé il pianeta. Tuttavia, sono una moltitudine

Un saluto a due amici della Chiesa sorella del Togo.

Come Caritas della Diocesi di Treviso, desideriamo esprimere la nostra vicinanza con le più sentite preghiere alla Chiesa sorella della Diocesi di Kara, in Togo. Salutiamo Assoty Pierre e il reverendo Père Sonta Baméla Dieudonné che tornano alla Casa del Padre lasciando i nostri cuori sgomenti ma fiduciosi in Dio. Il Signore li accolga nella

Preoccupazione per la situazione politica in Mali

Questi sono giorni delicati per lo Stato del Mali e in particolare per la città di Bamakò: uno sguardo verso quella che è per noi anche una Chiesa Sorella, che non entra nei riflettori dei nostri quotidiani ma che non può passare in sordina. Il Mali sta vivendo una grave crisi politica e sociale, sfociata

Parole di fratellanza dalla Caritas Kindu a seguito della pandemia da COVID-19

Cari fratelli e sorelle, La pandemia del virus COVlD-19 che ha imperversato e scosso il mondo intero, in particolare l’Occidente, costituisce una seria minaccia per tutta l’umanità. Ha colpito diverse aree della vita causando enormi danni sociali ed economici. Ha scatenato il pianto in tutti i continenti prendendo migliaia di persone e ha rovinato l’economia