La crisi umanitaria ad Aleppo - CARITAS TARVISINA

La crisi umanitaria ad Aleppo

Famiglie senza un luogo dove fuggire, si riparano dal sole nelle strade polverose della città siriana di Aleppo. Stanno fuggendo dai pesanti combattimenti nella parte est della città tra il governo e le forze ribelli. Un uomo anziano seduto a terra, copre il suo corpo fragile con una coperta di lana nonostante i 40 gradi. Sta aspettando che si asciughino i suoi vestiti: “l’unica cosa di cui ho bisogno ora è qualcosa con cui coprire il mio corpo” dice.

Un padre si prende cura meglio che può dei suoi quattro figli dopo esser stato costretto a lasciare casa propria a causa  dei combattimenti. La madre è morta. I bambini tremano sentendo il rumore dei proiettili poco lontani. Egli dà ai figli pane e salsa di pomodoro. È tutto ciò che è riuscito a trovare. Chiede al team di Caritas se vogliono condividere il cibo, l’unico pasto della giornata. “Anche se siamo in una situazione difficile non dimentichiamo le nostre tradizioni”  ci dice.

La più grande città siriana in questi cinque anni di conflitto è stata divisa in due settori, uno sotto il controllo governativo e l’altro in mano ai ribelli.

Un escalation di violenti scontri ha lasciato 250.000  persone intrappolate nella parte est della città controllata  dai ribelli, mentre coloro che si trovavano in prossimità dei combattimenti hanno abbandonato, qualora possibile, le loro case in preda al terrore.

Lo staff di Caritas ad Aleppo ha incontrato 150 famiglie costrette a fuggire, che ora vivono nelle strade nelle zone più sicure della città. La maggior parte dei bambini era affamata. I genitori non hanno possibilità di comprare del cibo. La disponibilità di viveri sta diminuendo drasticamente.

“Sono addolorata per queste persone che hanno dovuto fuggire dalle loro case, scappando dalla morte” dice Rana Krait, una operatrice Caritas ad Aleppo. “ Sono affranta quando vedo i bambini. Non hanno fatto nulla di male, meritano di vivere in una situazione migliore.”

Le famiglie si sono trovate senza acqua corrente per giorni. Non ci sono bagni disponibili. Si usano i boschi vicini. “ è  impressionante vedere i bambini lavarsi all’aperto con l’acqua fredda, dice Fadel, un altro operatore Caritas di Aleppo. “ ho visto un bambino piccolo mendicare un pezzo di pane per riempire il suo stomaco.”

Diversi bambini e anziani hanno bisogno di cure mediche. Molte persone soffrono per le punture di zanzare. C’è un bisogno urgente di un riparo, coperte, attrezzature per cucinare, vestiti, latte in polvere, acqua, cibo e medicine.

aleppo-4

 Bambini in fuga dai combattimenti 

“Mi sveglio ogni giorno sperando di vedere uscire una goccia d’acqua dal rubinetto, ma sfortunatamente non esce nulla.” dice Fadel, che vive ad ovest di Aleppo. “Questa è la nostra speranza quotidiana da quando non c’è più acqua in città.”

Oltre alla gravosa mancanza d’acqua, si aggiunge l’assenza di carburante e di elettricità.

Non c’è lavoro, i prezzi sono in continuo aumento e il cibo è diventato costosissimo.

L’unica cosa che c’è in abbondanza è la paura.

“Sono terrorizzato che un giorno un gruppo armato possa venire qui e farci del male” dice Fadel. Rana Krait afferma: “La mia paura erano i missili, ma ora non più, dopo quanto successo tre mesi fa. Sono stata ferita e ho dovuto rimanere in ospedale.”

La Siria è diventata la più grande emergenza per Caritas. Circa 13.5 milioni di persone necessitano di assistenza, 6. 5 milioni sono sfollati interni.


Ultime notizie

Terra Santa ferita: solidarietà e pace. 18 febbraio Colletta nazionale

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in Cisgiordania e nel vicino Libano. Le vittime del conflitto sono oltre 28 mila (quasi 27 mila a Gaza, la metà dei quali bambini) e la

Oltre mille persone alla Marcia diocesana della pace

Una pace non astratta, quella invocata e raccontata lungo il percorso di quasi 8 chilometri: “La pace si pensa, si sente, si fa”, lo slogan che ha accompagnato il cammino, con le parole di papa Francesco e le testimonianze di alcune persone nelle diverse tappe   Non sarà una “intelligenza”, quella dei piedi, ma certamente

Terra Santa: aggiornamento febbraio 2024

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in tutti i Territori Palestinesi Occupati (Cisgiordania) e in Libano. La tensione è ormai altissima in tutta la regione, con episodi bellici e terroristici in Siria,

Senza dimora: a disposizione un ambiente del Seminario

In settimana, le persone attualmente accolte nella chiesa di Santa Maria sul Sile e altre che erano in attesa di un’accoglienza nel dormitorio della Casa della Carità gestito da Caritas Tarvisina, troveranno sistemazione per la notte in alcuni locali, con accesso indipendente dall’esterno, forniti di servizi e di quanto necessario a una dignitosa sistemazione