Report Siria 2017: Come fiori tra le macerie

“Come fiori tra le macerie. Giovani e ragazzi che restano”  è il titolo del dossier che contiene un focus  su “quel che resta della Siria”, o meglio “chi resta in Siria”. Come si vive oggi in Siria? Chi sono le persone che hanno scelto o sono state costrette a rimanere nella loro terra? Chi sarà in grado di costruire il futuro? In particolare grazie a un nuovo studio condotto tra gennaio e febbraio 2017 è stato possibile intervistare un campione di 132 giovani operatori impegnati a loro volta con giovani: insegnanti, animatori, educatori, catechisti.
Dalla loro testimonianza emerge chiaramente la necessità di investire sulle vite dei siriani; non solo per aiutarli a sopravvivere alla guerra, ma anche a costruire un futuro durevole di pace basato sulla cultura della nonviolenza. Solo grazie ai giovani, la nonviolenza potrà finalmente tornare a sbocciare nella sofferente nazione siriana, come un fiore tra le macerie.


articoli correlati

M’ILLUMINO D’IMPEGNO

  Dalla sera di venerdì 23 febbraio al pomeriggio di domenica 25 una cinquantina di ragazzi della nostra diocesi hanno partecipato all’iniziativa M’illumino d’impegno. Sono stati giorni di condivisione, amicizia, gratuità, ascolto…vissuti attraverso il servizio concreto in alcune realtà del territorio e momenti di confronto e preghiera. Come Caritas Tarvisina vogliamo ringraziare tutti i ragazzi

Diritto alla residenza e diritto al voto.

Chi non ha una casa spesso non ha neanche la possibilità di votare, eppure una soluzione ci sarebbe anche se molti Comuni non la concedono. Per quanto se ne parli molto poco, in Italia le persone senza fissa dimora hanno diritto soggettivo alla residenza presso un Comune –al di là dell’effettiva disponibilità di una casa

ASCOLTO E CREATIVITA’ DELLA COMUNITA’

Una delle funzioni del Centro di Ascolto è “prendere in carico” la persona in difficoltà, mettendosi al suo fianco, conquistandone progressivamente la fiducia mediante l’ascolto attivo, la comprensione, il rispetto, le risposte oneste e sincere nel corso dei colloqui. Prendersi in carico una persona è cercare, innanzitutto, di aiutarla a prendere coscienza del suo bisogno

Un anno di servizio in Caritas: impegno, cuore e umiltà.

Poco più di un anno fa, con il mio gruppo scout, ho partecipato ad un campo di servizio con l’obiettivo di comprendere meglio il fenomeno dell’immigrazione. In quell’occasione, vivendo a stretto contatto per una settimana con persone immigrate, mi venne il forte desiderio di approfondire questa esperienza e per questo decisi di cominciare il servizio