Report Siria 2017: Come fiori tra le macerie

“Come fiori tra le macerie. Giovani e ragazzi che restano”  è il titolo del dossier che contiene un focus  su “quel che resta della Siria”, o meglio “chi resta in Siria”. Come si vive oggi in Siria? Chi sono le persone che hanno scelto o sono state costrette a rimanere nella loro terra? Chi sarà in grado di costruire il futuro? In particolare grazie a un nuovo studio condotto tra gennaio e febbraio 2017 è stato possibile intervistare un campione di 132 giovani operatori impegnati a loro volta con giovani: insegnanti, animatori, educatori, catechisti.
Dalla loro testimonianza emerge chiaramente la necessità di investire sulle vite dei siriani; non solo per aiutarli a sopravvivere alla guerra, ma anche a costruire un futuro durevole di pace basato sulla cultura della nonviolenza. Solo grazie ai giovani, la nonviolenza potrà finalmente tornare a sbocciare nella sofferente nazione siriana, come un fiore tra le macerie.


articoli correlati

L’EMOZIONE DI UN INCONTRO

  “Un atteggiamento che cercherò di avere è di non fissare i ragazzi migranti con occhi strani”. E’ una ragazza delle medie che l’ha scritto … ed è di certo un punto di partenza per accorgersi e accogliere le persone straniere che incontriamo. Parlare ai giovani di temi importanti come l’incontro con l’altro, l’accoglienza, l’integrazione

IL BENE CHE GENERA BENE

Un volontario della casa di accoglienza profughi di Olmi di San Biagio di Callalta ci racconta un’esperienza tanto semplice quanto bella. A Olmi c’è una casa di prima accoglienza per migranti, 25 ragazzi accolti in un condominio in mezzo ad altre case abitate da gente del paese che osservano, si interrogano, talvolta polemizzano e esprimono