Aggiornamento sulla situazione di Damasco - CARITAS TARVISINA

Aggiornamento sulla situazione di Damasco

Domenica 19, 2017, le persone a Damasco si sono svegliate alle 5:00 del mattino con i boati di due esplosioni. L’attacco è cominciato al mattino, quando jihadisti (Tahrir al-Sham e Failaq al-Rahman gruppo) hanno lanciato una raffica di autobombe e attacchi suicidi in Jobar, a soli 2 km a nord-est delle mura della Città Vecchia. Il controllo di Jobar è stato suddiviso tra l’esercito siriano e gruppi armati per più di due anni e lo rende una delle poche aree di Damasco non sotto il controllo del governo. Le scuole sono state bruscamente chiuse, e l’esercito ha chiuso gli accessi alla strategica piazza Abbassiyin, a causa di proiettili vaganti ed esplosioni che si riverberano in tutta la città. I media di stato siriani hanno detto i terroristi si erano infiltrati della città attraverso i tunnel nel bel mezzo della notte.

Questi attacchi sono avvenuti dopo molti attentati suicidi, accaduti a Damasco nelle ultime due settimane; nell’ultimo di Mercoledì 15 marzo, almeno 31 persone sono state uccisenel centro di Damasco. Lo stesso giorno, un altro attentatore suicida ha attaccato un ristorante nel quartiere occidentale di Rabweh, ferendo più di 20 persone. Gli attacchi sono avvenuti nel sesto anniversario della guerra in Siria. Dal Domenica, pesanti combattimenti sono ancora in corso tra l’esercito siriano ei terroristi. Diversi quartieri di Damasco hanno sono stati colpiti da colpi di mortaio, soprattutto quelli orientali come Tijara, Koussour e Kassaa (zona cristiana). Ad esempio, Lunedi 20 marzo, circa 50 colpi di mortaio hanno colpito i quartieri orientali, ferendo più di 30 persone e causando enormi danni materiali a negozi, appartamenti e auto. Muoversi all’interno di Damasco, in particolare nei quartieri orientali è diventato difficile, a causa del fatto che molte strade sono oggi chiuse per motivi di sicurezza e per i numerosi posti di blocco che stanno facendo controlli accurati su auto e pedoni. Caritas (uffici nazionali e Damasco) e la maggior parte dei suoi centri di distribuzione si trovano nei quartieri orientali di Damasco, e la maggior parte dei nostri dipendenti e volontari vivono in questi quartieri, i nostri uffici e centri sono stati chiusi dal Lunedi. Alcuni dipendenti sono venuti a lavorare oggi, ma sono stati costretti ad andarsene presto, quando i combattimenti si sono arrestati. I dipendenti sono stati invitati a non venire domani a causa della situazione della sicurezza.
Le persone a Damasco stanno vivendo i giorni peggiori dall’inizio della guerra. Speriamo che questo incubo finirà presto e vi chiediamo di pregare per noi … Nonostante sei anni di guerra grave, abbiamo ancora la speranza e fortemente convinti che “PeaceIsPosssible4Syria” …


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra