Appello per non fermare Mare Nostrum - CARITAS TARVISINA

Appello per non fermare Mare Nostrum

Migranti morti in mare: una tragica contabilità che sembra non volersi arrestare. Solo nei primi otto mesi del 2014, si calcola che siano state circa 2.000 le persone che hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere l’Europa navigando il Mediterraneo su imbarcazioni di fortuna. Iniquità, conflitti sociali e militari, ideologie che producono violazioni dei diritti umani, tirannie che comprimono i diritti civili sono i fattori che determinano il costante aumento dei flussi di profughi. A tutto ciò l’Europa risponde con un dibattito confuso, fazioso, ammantato da una terminologia allarmistica: basita per le migliaia di morti, ma incapace di reagire perché vittima di una idea anacronistica di territorio e di confine.

In Italia, negli ultimi mesi, a queste contraddizioni di fondo si è aggiunto un paradossale, variegato, e per certi versi inedito, fronte politico-culturale. Esso ha decretato il fallimento dell’operazione Mare Nostrum, omettendo di ricordare cosa avveniva prima, e quali drammi l’inerzia su questo fronte provocasse. Se è vero che duemila persone sono morte in mare nel 2014, è altrettanto vero che oltre 120 mila persone sono state salvate dalla marina militare italiana. Mare Nostrum ha avuto certamente dei limiti, ma ha svelato il contatore dei morti in mare per anni nascosto all’opinione pubblica italiana ed europea. Ha pertanto reso possibile l’apertura di un confronto pubblico sulla meccanica di questo fenomeno, prima celato dalla “macelleria” libica.

In questo momento l’Europa sembra voler contrapporre un’unica ed ossessiva soluzione: individuare forme di contenimento dell’ingresso dei profughi. Si prova inutilmente a blindare i varchi d’accesso, invece di pensare a sviluppare interventi di politica internazionale capaci di aggredire alla radice le cause delle migrazioni. Triton, l’operazione internazionale che sostituirà Mare Nostrum, è paradigmatica. Si tratta, infatti, di una prospettiva assolutamente inadeguata rispetto all’esigenza di immaginare una strategia pluriennale non di mero contenimento, ma di presa in carico effettivo del fenomeno migratorio. E’ necessario invece sviluppare un pensiero ed un’azione coerenti, capaci di considerare le implicazioni politiche, economiche, di cooperazione allo sviluppo e di intervento in emergenza.

L’immigrazione è un’opportunità ed una sfida, se si vuole costruire una visione strategica comune, estesa all’intero continente. Se gestita come si deve, si rivela fonte di ricchezza per le nostre società ed economie: è il presupposto per gestire in modo convincente e aperto l’immigrazione legale e l’integrazione, e per lottare contro l’immigrazione “clandestina”, pur continuando a sostenere valori universali – la protezione dei rifugiati, il rispetto della dignità umana, la tolleranza- tradendo i quali tradiremmo il meglio di noi stessi.

Tratto da Italia-Caritas


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra