Da Olmi al Kosovo per ringraziare - CARITAS TARVISINA

Da Olmi al Kosovo per ringraziare

Il perché di un viaggiofoto di gruppo

Premessa

         Non è facile spiegare perché nell’estate 2015 alcuni giovanissimi della Parrocchia di Olmi guidati dai propri educatori e accompagnati dal Parroco – don Edy – abbiano scelto di mettersi in viaggio per il Kosovo con una precisa e mirata finalità: ringraziare tanto gli immigrati kosovari che vivono e lavorano nella nostra Regione quanto le loro famiglie e le loro comunità di appartenenza.

         Le domande che sorgono davanti ad un simile progetto sono tante: perché questa decisione? Da dove nasce? Ma a chi può venire in mente di recarsi in Kosovo a ringraziare gli immigrati giunti nella nostra regione quando non sono pochi coloro che considerano gli immigrati un problema di ordine pubblico (una minaccia alla sicurezza) e di salute (portatori di malattie e di contagi vari!).

         Vale la pena ribadire che non si tratta di una decisione improvvisa. L’idea di un simile progetto e la pianificazione del viaggio in Kosovo con i giovanissimi della Parrocchia di Olmi sono il punto di arrivo di un lungo cammino intrapreso almeno cinque anni prima all’interno della Parrocchia di Olmi e ci si augura che diventi anche un ulteriore punto di partenza per nuove sfide culturali, sociali, politiche e persino ecclesiali.

         Siamo consapevoli che la proposta sembra contro corrente e insolita. Ma siamo anche convinti che la cifra della civiltà – oltre la superficie dei luoghi comuni o dei pregiudizi – è data dalla capacità di accogliere e di ringraziare chi, con la sola presenza, porta ricchezza umana, aiuto al cambiamento e stimolo ad uscire dalle proprie fragili sicurezze.

Ieri eravamo noi italiani (e tra questi anche noi veneti!) i migranti che cercavano pane, speranza, dignità e diritti nel mondo. Oggi sono cambiati gli attori, ma il contesto in cui si consuma il dramma dell’emigrare è sempre lo stesso. Ieri eravamo noi ad essere vittime del pregiudizio; oggi siamo noi a cedere alla tentazione del pensiero semplice e a fare di ogni erba un fascio; ieri eravamo noi a fare paura perché immigrati sporchi e ignoranti (!), oggi sono molti di noi che ri-leggono i fenomeni migratori come una forte minaccia per il nostro star bene.

         “Accogliere” e “ringraziare” sono però i verbi per eccellenza della fede nel Signore Gesù. Come credenti nel Dio di Gesù Cristo e come cittadini solidali della nostra Repubblica Italiana siamo convinti che il solo modo per umanizzare le nostre città è quello di “accogliere” e di “ringraziare” chi vive, chi lavora e chi cresce nel nostro territorio: accanto a noi e con noi.

         Prima di entrare però nella descrizione del viaggio è necessario ri-percorrere le tappe che hanno reso possibile questo Progetto.


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra