EMERGENZA UMANITARIA PER I MIGRANTI - CARITAS TARVISINA

EMERGENZA UMANITARIA PER I MIGRANTI

lungo la Rotta Balcanica e in particolare in Bosnia e Erzegovina

LA CRISI MIGRATORIA LUNGO LA ROTTA BALCANICA

L’inverno è ormai alle porte e la situazione migratoria lungo la rotta balcanica – in particolare in Bosnia e Erzegovina – è diventata una emergenza umanitaria. La Rotta Balcanica è diventata nel 2019 la principale rotta migratoria verso l’Europa, vista la pericolosità della Rotta Mediterranea per le condizioni dei campi profughi in Libia e per i continui naufragi durante l’attraversamento via mare. I migranti provano oggi a raggiungere l’Unione Europea partendo dalla Turchia, passano per lo più via mare nelle isole della Grecia, e da lì via terra attraversano i paesi balcanici (Macedonia del Nord, Albania, Montenegro, Serbia) per arrivare infine in Bosnia e Erzegovina.

Dalla Bosnia e Erzegovina i migranti tentano poi l’ingresso nel territorio comunitario tramite le zone di confine con la Croazia attorno alla città di Bihac. In Bosnia e Erzegovina quest’anno è stato registrato un flusso in arrivo di oltre 45.000 persone migranti (dati UNHCR, periodo gennaio-ottobre 2019), a cui va aggiunto il numero imprecisato di persone che riescono ad arrivare nel paese senza farsi registrare. Nello stesso periodo del 2018 gli arrivi complessivi erano stati circa 19.000: ciò significa che nel corso del 2019 gli arrivi sono aumentati di oltre il 230%.

Si tratta di migranti che provengono da varie aree del mondo in guerra o in profonda crisi: arrivano in particolare da Pakistan (36%) e Afghanistan (11%), dall’Africa subsahariana e dal Nord Africa (Algeria 6%, Marocco 6%), e nelle ultime settimane è ripreso l’arrivo di Curdi, Siriani e Iracheni a seguito della ripresa del conflitto nell’area mediorientale (Siria 10%, Iraq 7%).

Lungo la Rotta Balcanica si muovono tante famiglie, con anziani, numerosi bambini anche molto piccoli, disabili. Viaggiano in maniera totalmente improvvisata, spesso affidandosi a trafficanti locali. Molti sono in viaggio già da anni, molti hanno subito violenze e respingimenti lungo il loro percorso migratorio. Nessuno

porta con sé alcun bagaglio per poter viaggiare più semplicemente: né cibo né acqua, né vestiti di ricambio, le cose di base per l’igiene personale o per le necessità dei bambini (pannolini, latte in polvere…). L’equilibrio psichico di molti di loro è fragile: dopo mesi o anni in viaggio o passati in strutture fatiscenti aumentano le violenze, le dipendenze da sostanze, i suicidi. Sono infine molte le persone che non ce l’hanno fatta a portare a termie il proprio progetto migratorio: annegate nel mar Egeo o nei fiumi balcanici, o rimaste uccise nei pericolosi tentativi di attraversare i confini.

In tutti i paesi balcanici, dalla Grecia fino alla Bosnia Erzegovina, l’accoglienza è difficile e la situazione rimane critica, a causa dell’aumento del numero delle persone in transito e delle insoddisfacenti condizioni della accoglienza nei campi profughi. Spesso non si riesce ad offrire nemmeno l’assistenza di base: cibo, cure mediche, igiene, strutture per l’accoglienza. Dopo una prima fase di intenso supporto economico internazionale (2015-2016), i fondi internazionali per l’assistenza lungo la Rotta Balcanica sono andati in continuo calo negli ultimi anni, rendendo sempre più difficile la possibilità di garantire anche i servizi minimi.

I Balcani oggi presentano dunque un lungo susseguirsi di situazioni emergenziali all’interno dei campi profughi o delle strutture di accoglienza.

L’EMERGENZA UMANITARIA IN BOSNIA E ERZEGOVINA

Il punto in cui i migranti tentano l’ingresso nel territorio comunitario è il confine bosniaco-croato nell’area di Bihac, nel nord ovest della Bosnia e Erzegovina.

L’ingresso è molto difficile, per i controlli a tappeto e i respingimenti (anche molto violenti) messi in atto dalla polizia croata. Pertanto, un numero molto elevato di persone rimane bloccata: le stime ad oggi sono di circa 8.000 migranti bloccati in Bosnia e Erzegovina di cui ben 6.000 nella sola area di Bihac (cittadina che conta circa 30.000 abitanti). Tra di loro, ci sono più di 200 i minori migranti non accompagnati.

L’emergenza umanitaria in corso è dovuta:

– al continuo aumento del numero di arrivi di migranti nel paese, con picchi di 700-800 persone a settimana nell’ultimo periodo;

– alla scarsità di posti letto nei campi profughi rispetto al numero di presenze, per cui molte persone sono costrette a dormire all’addiaccio (nella sola area di Bihac si stimano oltre 2.000 persone che non possono essere accolte nei campi ufficiali);

– alle preoccupanti condizioni igieniche e sanitarie dei campi stessi, sovraffollati, al limite della vivibilità, con un forte rischio di epidemie;

– all’arrivo dell’inverno che nella zona di Bihac porta le temperature anche a -10° C con abbondanti nevicate, condizioni che mettono a rischio la vita stessa dei migranti.

Il responsabile dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni in Bosnia e Erzegovina, Per Van der Auweraert, ha recentemente affermato che “la situazione potrebbe diventare catastrofica per i migranti perchè i rifugiati non potranno resistere al freddo: si rischia il disastro umanitario.

L’INTERVENTO DI CARITAS ITALIANA IN BOSNIA ERZEGOVINA

Per far fronte alla nuova e preoccupante situazione di emergenza umanitaria, che si è aggravata negli ultimi mesi e che diventerà drammatica con l’arrivo dell’inverno, è necessario intervenire urgentemente a favore dei migranti a rischio:

• fornire una risposta ai bisogni di base dei migranti, in particolare le persone più vulnerabili tra essi (bambini, anziani, donne, disabili): abbigliamento e scarpe invernali, coperte;

• garantire servizi adeguati nei campi profughi alle persone più vulnerabili, come la messa a disposizione di servizi per potersi lavarsi o per lavare le proprie cose, spazi per l’accoglienza e il supporto psicosociale, luoghi per l’animazione dei bambini.

Caritas Italiana dal 2018 sta operando in tutte le zone colpite dalla crisi migratoria in Bosnia e Erzegovina, in collaborazione con la Caritas Bosnia e Erzegovina e con il team di IPSIA-Acli.

Grazie ai fondi messi a disposizione dalla CEI e dalle Caritas diocesane della Lombardia, el corso degli ultimi 12 mesi sono stati distributi aiuti di emergenza in tutti i campi profughi e le aree a rischio (vestiario, materiale igienico, kit per l’infanzia) e si è rafforzato l’intervento presso il principale campo profughi della zona di Bihac (campo “Bira”, 1.500 ospiti) con l’avvio di un Social Cafè per l’intervento psico-sociale e con la creazione di una Lavanderia Sociale per lavare i vestiti e le coperte all’interno del campo.

La proposta di Caritas Italiana per i prossimi mesi si concentrerà su 2 principali linee d’intervento:

1. supporto materiale attraverso la distribuzione di capi invernali di prima necessità per le famiglie: coperte, scarpe, abbigliamento invernale

2. sostegno strutturale a servizi specifici quali le Lavanderie Sociali e i Social Cafè, come quelli

avviati nel campo profughi Bira

PER AIUTARE I MIGRANTI BLOCCATI LUNGO LA ROTTA BALCANICA

Per donare:

https://www.caritas.it/home_page_archivio/come_contribuire/00000041_Dona_ora.html

Causale: Emergenza Migranti Rotta Balcanica

PER APPROFONDIRE

La grave situazione è stata raccontata recentemente anche dai principali media italiani ed internazionali.

Internazionale, articolo di Annalisa Camilli: https://www.internazionale.it/reportage/annalisa-camilli/2019/11/05/bosnia-migranti-rotta-balcanica-vujiak

Presa Diretta, reportage di Paolo Castellani: https://www.raiplay.it/video/2019/09/Presadiretta-Inchieste-la-rotta-dei-balcani-230919-c63221ce-3a1f-460d-9c70-8e1c2e717b07.html?fbclid=IwAR0YZJ-t8mhcD-1x7v4CfxgK3jRxdwGXu4M3XcGfaLVIY741JrSTecHlyf4

MAG – Studio Aperto, reportage di Valentina Loiero: https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/studioaperto/la-rotta-balcanica_F309455501560C08

TG La7, reportage di Raniero Altavilla: https://tg.la7.it/cronaca/esclusiva-migranti-su-rotta-balcanica-stipati-in-un-ex-discarica-di-rifiuti-tossici-per-tentare-il-04-10-2019-143096

Radio Vaticana, intervista di Paola Simonetti: https://www.vaticannews.va/it/podcast/rvi-programmi/il-mondo-alla-radio/il-mondo-alla-radio-prima-parte-28-09-2019.html

SIR Agenzia d’Informazione, intervista di Patrizia Caiffa: https://www.agensir.it/quotidiano/2019/10/3/migranti-bombardi-caritas-in-bosnia-10-000-persone-ammassate-in-discariche-e-fabbriche-abbandonate-e-emergenza-umanitaria/

Servizio fotografico di Max Hirzel sulle condizioni dei campi lungo la Rotta Balcanica:

https://maxhirzel.photoshelter.com/index/G0000atWYC.zQ9rE


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra