L’estate dei Giovani della Carità - CARITAS TARVISINA

L’estate dei Giovani della Carità

Guardarsi. Dentro, attorno, fuori, insieme.
1Con te, con me, con loro.. loro chi? Lui chi è? E io? Che faccio? E tu? Ci credi? Perché?

I giovani con il loro sguardo aprono finestre e chiedono di aprire porte, di chiuderne altre. Smuovono, mettono in discussione, con le loro domande, il loro entusiasmo.

Quello estivo è un periodo in cui, più di altri, tanti di loro decidono di ritagliarsi del tempo personale per vivere esperienze importanti e noi come Chiesa Diocesana e come Caritas desideriamo esserci e accogliere la sfida dell’incontro e dell’apertura a nuovi orizzonti possibili.

Questo luglio ha visto entrare in Casa della Carità per la prima volta 11 giovani nuovi tra i 20 e i 26 anni che hanno scelto di partecipare all’esperienza del Benedizione&Bellezza, organizzata insieme all’Ufficio di Pastorale Giovanile vivendo residenzialmente qui, nel servizio, nella relazione gratuita con gli/le ospiti della Casa e nella condivisione insieme con operatori e operatrici di quanto vissuto.

“vi auguriamo di aprirvi all’incontro con l’altro/a e di lasciarvi abitare dai vostri timori e dalle vostre insicurezze, consapevoli che ne uscirete arricchiti!” (messaggio lasciato da alcune partecipanti all’esperienza per gli/le iscritti/e successivi/e)

Tra giugno e luglio alcune/i giovani del progetto Casa Jawo sono stati ad uno spettacolo di Teatro Sociale nella Casa Circondariale di Gorizia, e hanno partecipato ad una cena comunitaria con le giovani della Casa Comune di Canizzano, che accolgono donne con fragilità.

Abbiamo inoltre avuto l’opportunità di ospitare 2 giornate di formazione organizzate per i/le giovani che stanno partecipando al Servizio Civile Universale e all’Anno di Volontariato Sociale nelle Caritas del Triveneto, sui temi della giustizia riparativa e della relazione di aiuto.

Tutte occasioni in cui è stato un dono dialogare e lasciarsi interrogare da sguardi che sanno di sogni di presente e futuro insieme e che sono tante volte molto diversi da quelli che noi –meno/non giovani- ipotizziamo e teorizziamo.

Uno stralcio del documento prodotto dall’equipe sinodale diocesana (2023), sulla riflessione relativa ai giovani, riporta queste parole: “..il desiderio di trovare spazi nei quali sentirsi protagonisti, forme di partecipazione che li coinvolgano in prima persona e dentro le quali possono assumersi responsabilità a loro misura. L’idea di sentirsi utili fa sentire importante un giovane, lo fa stare bene.”

Come Caritas diocesana ci sentiamo dentro questa riflessione con tutti e due i piedi, ma soprattutto con tutto il cuore. Grazie alle giovani e ai giovani che hanno scelto di mettersi in discussione e di camminare con noi. La fraternità ha bisogno di coraggio per crescere e diventare contagiosa nel Bene.


Ultime notizie

Terra Santa ferita: solidarietà e pace. 18 febbraio Colletta nazionale

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in Cisgiordania e nel vicino Libano. Le vittime del conflitto sono oltre 28 mila (quasi 27 mila a Gaza, la metà dei quali bambini) e la

Oltre mille persone alla Marcia diocesana della pace

Una pace non astratta, quella invocata e raccontata lungo il percorso di quasi 8 chilometri: “La pace si pensa, si sente, si fa”, lo slogan che ha accompagnato il cammino, con le parole di papa Francesco e le testimonianze di alcune persone nelle diverse tappe   Non sarà una “intelligenza”, quella dei piedi, ma certamente

Terra Santa: aggiornamento febbraio 2024

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in tutti i Territori Palestinesi Occupati (Cisgiordania) e in Libano. La tensione è ormai altissima in tutta la regione, con episodi bellici e terroristici in Siria,

Senza dimora: a disposizione un ambiente del Seminario

In settimana, le persone attualmente accolte nella chiesa di Santa Maria sul Sile e altre che erano in attesa di un’accoglienza nel dormitorio della Casa della Carità gestito da Caritas Tarvisina, troveranno sistemazione per la notte in alcuni locali, con accesso indipendente dall’esterno, forniti di servizi e di quanto necessario a una dignitosa sistemazione