Iniziativa di preghiera di cristiani e musulmani nell’emergenza del Covid19 - video: O Dio, nella tempesta ci affidiamo a Te - CARITAS TARVISINA

Iniziativa di preghiera di cristiani e musulmani nell’emergenza del Covid19 – video: O Dio, nella tempesta ci affidiamo a Te

Siamo alcuni preti e alcuni imam del trevigiano. Ormai da settimane sia le comunità cristiane sia le comunità musulmane ed altre comunità ancora non possono riunirsi per pregare, se non a distanza. Un cammino di iniziative di incontro e di conoscenza reciproca tra credenti che dura ormai da anni, e che ha coinvolto alcune parrocchie, alcune associazioni culturali e religiose islamiche e associazioni di volontariato, ci ha messi in grado di realizzare un piccolo segno di preghiera in questo tempo di grande sofferenza per tutti. Pur nelle differenti vie di incontro con Dio, abbiamo ritenuto importante unire le nostre voci per affidare a Lui tutta l’umanità che soffre le conseguenze di questa epidemia, come ha fatto venerdì papa Francesco, senza dimenticare chi ogni giorno continua a patire situazioni di violenza, di ingiustizia, di fame e sfruttamento. Speriamo che il breve video realizzato possa servire perché sempre più credenti di ogni religione si uniscano in preghiera, ciascuno nel modo che gli è proprio. Non pretendiamo di rappresentare né tutti i cristiani né tutti i musulmani. E’ solo una piccola iniziativa che si aggiunge a tante altre per aiutare a superare questo tempo problematico per tutti. Siamo infatti convinti che in questo momento chi crede in Dio sia chiamato a pregare con costanza, perché si trasformino i nostri cuori e siano resi capaci di aprirsi ad una solidarietà sempre più profonda e vera: i nostri comportamenti diventino segno della responsabilità che ci assumiamo per costruire il bene di tutti, anche una volta superata l’emergenza di questa epidemia. Chiediamo di imparare in questi momenti così difficili a far crescere sempre più la nostra umanità: lo riteniamo uno dei precetti più importanti di ogni religione.

Siamo tutti sulla stessa fragile barca del mondo, sempre: preghiamo Dio che ci aiuti e ci insegni ad uscire salvi da ogni tempesta.

A questo link potete trovare il video dell’iniziativa di preghiera: O Dio, nella tempesta ci affidiamo a Te

I coordinatori dell’iniziativa:

d. Bruno Baratto, incaricato per le relazioni tra cristiani e musulmani – diocesi di Treviso

Abdellah Ajouguim, mediatore culturale, associazione culturale e religiosa islamica Attawassol, Montebelluna


Ultime notizie

Report statistico nazionale “La povertà in Italia”

Presentato il Rapporto “La povertà in Italia” Cresce il numero delle persone accompagnate e aiutate dalle Caritas diocesane. Il Report statistico nazionale 2024 di Caritas Italiana “La povertà in Italia” valorizza i dati di 3.124 Centri di ascolto e servizi delle Caritas diocesane, dislocati in 206 diocesi in tutte le regioni italiane. Si tratta solo

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima