La comunicazione va fatta bene - CARITAS TARVISINA

La comunicazione va fatta bene

Di Giovanni Dal Poz

 

Un paio di domeniche fa, in occasione della giornata mondiale del migrante e del rifugiato, Caritas Tarvisina ha lanciato la proposta, a famiglie e parrocchie, di accogliere un richiedente asilo a pranzo. L’iniziativa ha avuto un successo inatteso e gli echi di questa massiccia risposta da parte della comunità sono rimbalzati sui media locali.

Tra i vari servizi ed articoli che raccontavano la giornata, è comparsa la dichiarazione di un amministratore di un piccolo comune che sosteneva, in sostanza, che chi aveva aderito all’iniziativa lo avesse fatto solo per un tornaconto personale.

Parlando dell’accaduto con alcuni collaboratori ci è stato chiesto perché non si fosse reagito a queste dichiarazioni e perché Caritas spesso rimanga in silenzio di fronte agli attacchi o ad accuse anche false che le vengono rivolte.

La risposta è semplice: per non legittimare questo modello di Comunicazione.

“Il Bene va fatto bene” è uno dei principi della Caritas Tarvisina e ciò vale anche per la comunicazione. Nell’agito Caritas infatti la comunicazione è uno strumento fondamentale per la ricaduta pastorale, in quanto permette a chiunque di vivere la narrazione della carità vissuta quotidianamente; inoltre diventa un veicolo fondamentale per svolgere l’azione di advocacy, dando “voce a chi non ha voce”. Per questo motivo lo stile della comunicazione di Caritas, non può essere casuale, ma deve essere funzionale e aderente alla sua mission.

Purtroppo però viviamo un momento storico in cui questo stile non è facile da mantenere, tutt’altro.

La comunicazione da “talk show” o “social media”, dove l’intervento è finalizzato solo al “like” o all’applauso, a prescindere dall’autorevolezza di chi lo pronuncia, dalla veridicità dello stesso, o dalla violenza che contiene, ha portato ad una degenerazione del modello comunicativo che sta profondamente segnando il momento in cui viviamo. Annichilire un interlocutore sovrastandolo con l’urlo “CAPRA, CAPRA, CAPRA!” è diventato una normalità che intrattiene, quasi un segnale di forza nella capacità dialettica.

Argomentare con evidenze scientifiche invece, rispettare l’interlocutore senza interromperlo, cercare di trovare un punto di incontro nella discussione, sono diventate pratiche che non portano ad un consenso immediato e pertanto non appartengono più alla comunicazione main stream.

È molto più facile urlare alla pancia infatti, che parlare alla testa!

In questo contesto quindi, la gestione della comunicazione di Caritas richiede due grandi virtù: pazienza e perseveranza. Non urlare ma narrare, conquistare la fiducia di chi ascolta, non comunicare per proclami ma attraverso l’esempio, sono infatti scelte che chiedono tempi molto lunghi, che non portano risultati immediati e che spesso costringono a mordersi la lingua per non scendere al livello degli interlocutori scorretti.

La consapevolezza che urlare più forte dell’interlocutore tuttavia, non serve ad essere ascoltati ma solo ad alimentare un imbarbarimento delle relazioni, sicuramente aiuta a frenare la lingua e la penna; l’unico antidoto efficace però per riuscire a rimanere lucidi e saldi nella scelta di questo stile comunicativo è pensiero di perché e per chi in primo luogo abbiamo fatto questa.


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra