La crisi umanitaria ad Aleppo - CARITAS TARVISINA

La crisi umanitaria ad Aleppo

Famiglie senza un luogo dove fuggire, si riparano dal sole nelle strade polverose della città siriana di Aleppo. Stanno fuggendo dai pesanti combattimenti nella parte est della città tra il governo e le forze ribelli. Un uomo anziano seduto a terra, copre il suo corpo fragile con una coperta di lana nonostante i 40 gradi. Sta aspettando che si asciughino i suoi vestiti: “l’unica cosa di cui ho bisogno ora è qualcosa con cui coprire il mio corpo” dice.

Un padre si prende cura meglio che può dei suoi quattro figli dopo esser stato costretto a lasciare casa propria a causa  dei combattimenti. La madre è morta. I bambini tremano sentendo il rumore dei proiettili poco lontani. Egli dà ai figli pane e salsa di pomodoro. È tutto ciò che è riuscito a trovare. Chiede al team di Caritas se vogliono condividere il cibo, l’unico pasto della giornata. “Anche se siamo in una situazione difficile non dimentichiamo le nostre tradizioni”  ci dice.

La più grande città siriana in questi cinque anni di conflitto è stata divisa in due settori, uno sotto il controllo governativo e l’altro in mano ai ribelli.

Un escalation di violenti scontri ha lasciato 250.000  persone intrappolate nella parte est della città controllata  dai ribelli, mentre coloro che si trovavano in prossimità dei combattimenti hanno abbandonato, qualora possibile, le loro case in preda al terrore.

Lo staff di Caritas ad Aleppo ha incontrato 150 famiglie costrette a fuggire, che ora vivono nelle strade nelle zone più sicure della città. La maggior parte dei bambini era affamata. I genitori non hanno possibilità di comprare del cibo. La disponibilità di viveri sta diminuendo drasticamente.

“Sono addolorata per queste persone che hanno dovuto fuggire dalle loro case, scappando dalla morte” dice Rana Krait, una operatrice Caritas ad Aleppo. “ Sono affranta quando vedo i bambini. Non hanno fatto nulla di male, meritano di vivere in una situazione migliore.”

Le famiglie si sono trovate senza acqua corrente per giorni. Non ci sono bagni disponibili. Si usano i boschi vicini. “ è  impressionante vedere i bambini lavarsi all’aperto con l’acqua fredda, dice Fadel, un altro operatore Caritas di Aleppo. “ ho visto un bambino piccolo mendicare un pezzo di pane per riempire il suo stomaco.”

Diversi bambini e anziani hanno bisogno di cure mediche. Molte persone soffrono per le punture di zanzare. C’è un bisogno urgente di un riparo, coperte, attrezzature per cucinare, vestiti, latte in polvere, acqua, cibo e medicine.

aleppo-4

 Bambini in fuga dai combattimenti 

“Mi sveglio ogni giorno sperando di vedere uscire una goccia d’acqua dal rubinetto, ma sfortunatamente non esce nulla.” dice Fadel, che vive ad ovest di Aleppo. “Questa è la nostra speranza quotidiana da quando non c’è più acqua in città.”

Oltre alla gravosa mancanza d’acqua, si aggiunge l’assenza di carburante e di elettricità.

Non c’è lavoro, i prezzi sono in continuo aumento e il cibo è diventato costosissimo.

L’unica cosa che c’è in abbondanza è la paura.

“Sono terrorizzato che un giorno un gruppo armato possa venire qui e farci del male” dice Fadel. Rana Krait afferma: “La mia paura erano i missili, ma ora non più, dopo quanto successo tre mesi fa. Sono stata ferita e ho dovuto rimanere in ospedale.”

La Siria è diventata la più grande emergenza per Caritas. Circa 13.5 milioni di persone necessitano di assistenza, 6. 5 milioni sono sfollati interni.


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra