L’eredità di Nervo e Pasini. Dieci anni senza don Giovanni, otto anni senza don Giuseppe - CARITAS TARVISINA

L’eredità di Nervo e Pasini. Dieci anni senza don Giovanni, otto anni senza don Giuseppe

Il 21 marzo di dieci anni fa si spegneva mons. Giovanni Nervo (1918-2013), primo presidente di Caritas Italiana. Due anni dopo, lo stesso giorno, anche mons. Giuseppe Pasini (1932-2015), primo direttore. Che la Chiesa italiana e la Caritas siano andate avanti “senza di loro” non è propriamente esatto. Sono andate avanti “con loro”, meglio, facendo tesoro della loro testimonianza e della loro capacità di leggere e interpretare i segni dei tempi.

È improprio considerare don Giovanni e don Giuseppe i padri fondatori di Caritas Italiana. Perché la Caritas non è frutto di un’idea, per quanto brillante, ma è espressione di una comunità che abita la storia e trova, di volta in volta, nel corso dei secoli e nel presente, le forme più adatte a svolgere la missione che le è propria: annunciare la buona notizia di Dio che è amore (“Deus Caritas est”).

Sapere da dove veniamo, in un tempo in cui tutti i punti di riferimento, anche quelli storici, si sciolgono nella “vita liquida”, resta fondamentale. Fare memoria di un testimone deve spingerci a porre delle domande sul presente, deve aiutarci a guardare in prospettiva. E’ l’intendo di questo spazio dedicato a Nervo e Pasini.

I dieci anni dalla scomparsa di mons. Nervo sono anche il tema del convegno “Don Giovanni Nervo. Il Signore mi ha condotto per mano”, che si terrà a Padova martedì 21 marzo con la partecipazione di Caritas Italiana. Vai alla sezione del sito della Diocesi di Padova con il programma e il collegamento per seguire l’evento in diretta streaming.

Di seguito proponiamo alcuni video, audio e soprattutto testi di mons. Nervo e mons. Pasini, nonché di testimoni Caritas che hanno fatto un pezzo di strada con loro. E ne raccontano l’eredità.

Mons. Nervo | “Le origini…”

Mons. Pasini | “Le origini…”

 

TESTIMONIANZE

  • Maurilio Assenza Don Giovanni e don Giuseppe, parte della nostra famiglia diocesana >>
  • Francesco Carloni Compagni di viaggio ancora presenti >>
  • Don Antonio Cecconi La carità come “legge fondamentale” della Chiesa >>
  • Renato Marinaro Portare la primavera >>
  • Card. Francesco Montenegro Un prete che credeva e amava. Accanto a lui, un altro grande uomo >>
  • Roberto Rambaldi Regista di scelte innovative >>
  • Mons. Francesco Soddu Un uomo a cui dobbiamo tanto >>
  • Maria Teresa Tavassi La Greca Credibili perché vivevano quei valori >>

Da sinistra: mons. Giuseppe Pasini e mons. Giovanni Nervo

 

Caritas Italiana (aggiornato 17 marzo 2023)


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra