Notte dei senza fissa dimora - CARITAS TARVISINA

Notte dei senza fissa dimora

In occasione della Giornata Mondiale della lotta alla povertà, per il quinto anno di fila a Treviso si è celebrata la Notte dei senza dimora, momento in cui le realtà che si occupano di questa problematica organizzano una serata per sensibilizzare, raccontare, condividere e informare i cittadini sul tema della marginalità e dell’emergenza abitativa.

Più in generale si tratta di un evento organizzato in varie città d’Italia e che a Treviso ha preso forma in una camminata – quella che tante persone che vivono in marginalità fanno ogni sera per raggiungere il dormitorio dopo aver cenato alla mensa Caritas – conclusasi con un momento di convivialità, di lettura e musica nel dormitorio comunale di via Pasubio.

Una notte in strada. La strada, dove tutto inizia quando all’improvviso ti ci ritrovi e dove sembra che tutto finisca quando, dopo qualche anno, ti trovi ancora lì a condividere un pasto e un posto letto.

La povertà e l’ingiustizia sociale sono uno scandalo a cui non bisogna rassegnarsi e continuano ad essere prodotto di un mondo che sembra capace di creare ricchezza solo nella misura in cui contemporaneamente crea povertà. Ma della lotta alla povertà oggi si parla poco; eppure parlarne è un passo importante per superare l’indifferenza. E ancora più importante è riuscire a provare compassione davanti alle tante tragedie, eclatanti o silenziose, del nostro tempo. Solo se si prova compassione, se ci si fa coinvolgere nel cuore, si può riuscire “ad avvicinarsi” e questo non è scontato, perché si possono vedere e incontrare molte situazioni di difficoltà, sofferenza e dolore, ma non andarci vicino. Invece per vivere una vera prossimità è necessario “avvicinarsi e toccare la realtà”. E quello di farsi fratelli di strada per una sera con chi vive la marginalità può essere un tentativo di avvicinarsi non solo col cuore ma anche con tutti i sensi a chi vive la precarietà della strada. Tuttavia, perché sia davvero efficace, l’impegno non può esaurirsi in questo gesto simbolico ma bisogna essere capaci di aiutare la gente che soffre affinché venga restituita alla società, alla vita di famiglia, di lavoro…alla “vita quotidiana”.

La necessità è quella di esigere per tutti “dignità” e “diritti”, perché la vera sfida è rendere i soggetti interessati “persone” e non “utenti dei servizi”, protagonisti e non solo destinatari di un dono. E per farlo dobbiamo essere capaci di vedere nell’altro un fratello da riscoprire e con cui camminare insieme, di vivere un accompagnamento capace di un’attenzione vera alla persona, al suo cammino, alla sua storia, alla sua dignità. Senza questa attenzione non c’è lo sviluppo integrale descritto a più riprese da Papa Francesco. In questo senso l’azione di denuncia e profetica di Caritas non è un “essere contro” ma un “rilevare ciò che non va insieme”, perché ciascuno possa fare la propria parte. Ed è con questo spirito che abbiamo aderito alla Notte dei senza dimora, per testimoniare l’importanza di esserci e di continuare a lavorare per il bene comune.

 


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra