RIFUGIATO A CASA MIA: NUOVO CORSO DI FORMAZIONE - CARITAS TARVISINA

RIFUGIATO A CASA MIA: NUOVO CORSO DI FORMAZIONE

Nel mese di ottobre parte un nuovo corso di formazione rivolto a volontari delle parrocchie e famiglie che intendono interrogarsi sull’accoglienza di un migrante, aderendo al progetto “Rifugiato a Casa Mia”.

A due anni dall’appello del 6 settembre 2015 in cui il Santo Padre invitava le parrocchie e le famiglie di tutta Italia ad esprimere la concretezza del Vangelo, aprendo le porte della propria casa e della propria comunità, la Diocesi di Treviso, attraverso la Caritas rilancia questa proposta.

In questi due anni 15 famiglie, 10 parrocchie e 3 istituti religiosi hanno aderito al progetto, permettendo a 56 migranti di vivere un’esperienza di solidarietà e condivisione.

Il progetto rappresenta oggi una sfida per la Chiesa di Treviso, in un tempo in cui sembra non esserci spazio per chi arriva da lontano, che scappa da guerre, carestie, fame.

Non si tratta di vivere un’esperienza di compassione, di pietà verso un fratello che sta peggio di me, è un farsi carico, un prendersi cura ma in un’ottica di condivisione ovvero di scambio reciproco: questa esperienza donerà a tutti qualcosa.

I migranti possono divenire l’occasione per una comunità e per una famiglia, per misurarsi con la capacità di essere accogliete, con la capacità di sapere fare spazio a chi è nel bisogno.

L’accoglienza può divenire segno, fare, che nel tempo può generare stili di vita differenti.

Una famiglia o una parrocchia che vuole interrogarsi sull’accoglienza e pertanto sull’adesione al progetto, può contattare Caritas Tarvisina, fissare un incontro di conoscenza e successivamente partecipare al corso che si terrà presso la Casa della Carità a Treviso.

Per ogni ulteriore informazione contatta la Caritas allo 0422.546585 o manda una mail a servitium@diocesitv.it

 

DATE CORSO RIFUGIATO A CASA MIA

 

GIOVEDI’ 19 OTTOBRE 2017

20.30-22.30

In ascolto delle famiglie e delle parrocchie per ascoltare i migranti. Presentazione del progetto

 

GIOVEDI’ 26 OTTOBRE 2017

20.30-22.30

Il fenomeno delle migrazioni e l’identità del migrante. Aspetti e tratti culturali dei migranti

 

GIOVEDI’ 2 NOVEMBRE 2017

20.30-22.30

Identità Caritas e stile dell’accoglienza

 

GIOVEDI’ 9 NOVEMBRE 2017

20.30-22.30

Il ruolo progettuale e pastorale della famiglia e della parrocchia. La prassi operativa del progetto

 

Tutti gli incontri si terranno presso la sede di Caritas Tarvisina in via Venier n. 46 a Treviso (di fronte al parcheggio dal Negro; è possibile parcheggiare all’interno della struttura).

Per partecipare è necessario compilare e inviare il modulo di adesione a: servitium@diocesitv.it



Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra