Spazio di Accoglienza e Dignità - CARITAS TARVISINA

Spazio di Accoglienza e Dignità

IMG_9837_lowFino a pochi anni fa nella nostra realtà trevigiana la condizione di marginalità estrema (mancanza di casa, lavoro, cibi, talvolta associata alla mancanza di salute) sembrava essere condizione di pochi – pochissimi, e tutti, senza dubbio – uomini. L’asilo notturno del Comune di Treviso per anni metteva a disposizione solo 4 posti per uomini. Negli anni della crisi e in particolare dl 2013, le richieste e di conseguenza i posti a Treviso sono aumentati da 4 a 43 grazie alla disponibilità del Comune e di Caritas. Ma per le donne, non sembrava ancora necessario un servizio del genere. Tanto che nel 2014, mentre predisponevamo uno spazio per l’accoglienza femminile, ci chiedevamo se e quali donne avrebbero richiesto un’ospitalità notturna, ritenendo che non avremmo avuto molte richieste.

Non è stato così. Ci sono, qui a Treviso, donne che si ritrovano sole, senza lavoro e dunque senza possibilità di avere una casa, o anche solo un letto in un appartamento condiviso con gli altri. Ci eravamo detti, inizialmente: arriveranno le badanti straniere, nel passaggio da una famiglia all’altra, chiedendo ospitalità per qualche giorno. Ma la sorpresa è stata invece incontrare anche molte donne italiane (circa la metà), nate a Treviso o provenienti da altre regioni d’Italia e soggiornanti da tempo a Treviso. Ciascuna, per vicende e storie diverse, si è ritrovata nella necessità di chiedere un posto in accoglienza.

Avevamo immaginato che all’accoglienza si sarebbero affacciate per lo più donne segnate da problemi di alcool, tossicodipendenza o da disturbi psichici… e invece abbiamo incontrato altre cause all’origine della richiesta, soprattutto di ordine sociale: rotture familiari (coniugali o tra genitori e figli), migrazione da paesi poveri o in guerra, perdita del lavoro svolto da anni, l’insorgere di una malattia invalidante, il fallimento di un progetto, o anche il naturale avanzare degli anni che rende meno competitive sul mercato del lavoro.

Infine, l’età… pensavamo a donne di fascia d’età media, prevalentemente… No, invece. Dai 19 ai 65 anni, tutte le età sono rappresentate. Ci sono giovani sotto i 35 anni, donne mature tra i 35 e i 50, e tra i 50 e i 65.

Ci siamo imbattuti in una realtà, quella della marginalità – o meglio – dell’emergenza abitativa al femminile, che non avevamo ancora visto o che finora non si era manifestata. Una realtà molteplice, fatta di tante storie diverse quante sono le donne incontrate, fatta di sofferenza, fragilità, povertà, ma anche e soprattutto di coraggio, di determinazione ad andare avanti, di generosità e disponibilità a mettersi sempre e comunque in gioco per ripensare la propria vita.

Consapevoli delle proprie fragilità, le donne hanno una capacità di reagire e di trarre ciò che è buono da ogni condizione. Siamo rimasti stupiti dal desiderio che molte hanno espresso di voler restituire, offrendo qualcosa in cambio dell’ospitalità: e così, c’è stata chi ha dato tempo ed energie  a servizio dell’accoglienza dei profughi, chi si è spesa per mantenere puliti e accoglienti gli ambienti, chi si è messa a servizio delle necessità di altre ospiti che necessitavano di cure particolari.

La presenza di tante volontarie che hanno messo a disposizione il loro tempo serale e notturno per stare con queste donne è stata – ed è tuttora – molto importante. Le donne sono capaci di stringere con facilità e spontaneità relazioni e legami e di innescare processi che attivano risorse… il confronto tra volontarie e ospiti si sta rivelando arricchente per ciascuna e mette in moto idee, prospettive, fa emergere opportunità per ripartire o ridefinire la propria vita.

Ci auguriamo, in questo mese di marzo dedicato alla donna, che sempre più, come Chiesa e come società civile, favoriamo un maggior rispetto e tutela della donna prendendoci cura dei suoi bisogni materiali, offrendole spazi di parola e di confronto alla pari e di riconoscimento del suo valore e della sua dignità di persona, rifiutando ogni forma di riduzione e mercificazione del suo corpo, lottando contro ogni forma di violenza e di abuso nei suoi confronti. L’accoglienza è un primo tassello di un’opera che richiede l’impegno e la disponibilità di ciascuno, sia come singoli, sia come istituzioni civili e religiose.


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra