TERREMOTO ALBANIA - CARITAS TARVISINA

TERREMOTO ALBANIA

 

Aggiornamento 2 dicembre 2019

 

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.4 ha colpito alle 3.54 del 26 novembre l’Albania, la più forte registrata nel paese da decenni a questa parte.

Caritas Albania si è attivata immediatamente organizzando due squadre di lavoro per effettuare visite sul campo, in alcune delle aree più colpite, in particolare nella periferia di Tirana, Durazzo e Thumane.

A seguito della richiesta del Ministero dell’Interno e in rete con le altre organizzazioni internazionali presenti nel territorio, sta procedendo alla distribuzione di cibo, coperte, acqua e kit igienici per gli sfollati nei diversi campi alloggio e nelle parrocchie.

In sintesi, in questa prima fase, i bisogni identificati sono:

  • Alloggi: molte case sono state distrutte o sono inagibili, per cui molte famiglie non possono tornare nelle proprie case
  • Aiuti alimentari: in assenza di strutture per la preparazione di pasti caldi nelle strutture provvisorie sarà necessario organizzare la distribuzione di alimenti già preparati
  • Acqua: è necessario curare la distribuzione di acqua potabile, kit per l’igiene primaria e lavanderie
  • Beni di prima necessità: necessità di coperte e biancheria per i letti
  • Supporto psicologico: è necessario un supporto psicologico alle famiglie sfollate

Le attività messe a punto da Caritas Albania in questa fase di emergenza sono:

  1. Attivazione di squadre di soccorso e monitoraggio dei bisogni più immediati
  2. Distribuzione di kit igienici, cibo, acqua e coperte
  3. Aggiornamento e mappatura dei bisogni delle parrocchie e Diocesi
  4. Piani di lavoro per i volontari per visitare e accompagnare le famiglie sfollate
  5. Verifica degli edifici e strutture parrocchiali danneggiate
  6. Coordinamento con le autorità

In una seconda fase, si prevedono: interventi di supporto ed aiuto economico e materiale alle numerose famiglie sfollate; aiuti economici tramite le parrocchie e le Caritas diocesane; interventi di ristrutturazione e attività di animazione e vicinanza alle famiglie colpite dal sisma.

Caritas Italiana è presente in Albania in questa fase con due operatori in loco e sta lavorando a fianco degli operatori di Caritas Albania.

Caritas Tarvisina, in collegamento con Caritas Italiana, raccoglie donazioni attraverso bonifico bancario (causale “Terremoto Albania”) tramite:

Credito Trevigiano

Iban: IT57H0891712000029003332341

Intestato a Carità Diocesana di Treviso – ONLUS (le offerte sono deducibili)

o on-line tramite il sito www.caritastarvisina.it


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra