In ricordo di Claudio Visentin - CARITAS TARVISINA

In ricordo di Claudio Visentin

tramonto_laziale_senza_palme

Caro Claudio,

da mercoledì la Caritas ha un nuovo angelo che veglia sui fratelli più bisognosi ma anche sui tanti volontari che come te e con te hanno scelto di stare dalla parte degli ultimi.

Ci sono tanti modi per “stare dalla parte degli ultimi” e il tuo è stato certamente un modo speciale. Nonostante i chilometri, gli orari impegnativi e i sacrifici, non è venuto meno il tuo impegno e il tuo amore per il prossimo in questi anni.

Tante volte ci siamo fatti scrupolo nel farti sapere di turni scoperti ed emergenze, col pensiero della strada che dovevi percorrere per arrivare fino a Treviso, per poi ogni volta restare disarmati dal candore con cui hai sempre ribadito Quanto fossi felice di esserci e di donarti.

In una tua testimonianza ci hai detto: 《spendere tempo per andare a trovare chi è nella sofferenza, ci fa capire quali sono le cose veramente imporotanti della vita. Si capisce meglio quello che conta davvero e diventa più prezioso anche il tempo》.

Sei stato tra noi un “portatore sano di gioiosa misericordia”. 

Solo poche settimane fa ti abbiamo un po’ preso in giro in risposta ad una delle tue proposte di attenzioni e riguardo per una situazione particolare, chiedendoti se per caso tu fossi mosso da impulsi caritativi anche nel sonno!

Il tuo sorriso pulito, sincero e sempre presente, è il ricordo più nitido che ciascuno di noi porterà nel proprio cuore.

Sei stato il riferimento sicuro da cui mandare i nuovi volontari per prendere esempio su Come si sta in mezzo ai poveri, su cosa significhi la parola Accoglienza, su cosa significhi sedersi accanto ai fratelli con umiltà e rispetto della dignità dell’altro. Ma sei stato anche sguardo di conforto in momenti di difficoltà,  dispensatore generoso di sorrisi ed energia positiva tra tutti noi.

Ci hai detto di esserti ispirato a Papa Francesco quando dice 《chi ha ricevuto molto, restituisca un po’ del suo》, allora oggi ci chiediamo: come possiamo restituire un po’ di quello che ci hai regalato tu? Speriamo di poterlo fare ricordandoti e contagiando tante persone nello sperimentare la gioia della condivisione.

Siamo convinti che continueremo a sentirti con noi, luminoso come sempre.

Grazie per la strada fatta insieme.

Buon Passaggio, caro Claudio.

Lascia un commento


Ultime notizie

Terra Santa ferita: solidarietà e pace. 18 febbraio Colletta nazionale

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in Cisgiordania e nel vicino Libano. Le vittime del conflitto sono oltre 28 mila (quasi 27 mila a Gaza, la metà dei quali bambini) e la

Oltre mille persone alla Marcia diocesana della pace

Una pace non astratta, quella invocata e raccontata lungo il percorso di quasi 8 chilometri: “La pace si pensa, si sente, si fa”, lo slogan che ha accompagnato il cammino, con le parole di papa Francesco e le testimonianze di alcune persone nelle diverse tappe   Non sarà una “intelligenza”, quella dei piedi, ma certamente

Terra Santa: aggiornamento febbraio 2024

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in tutti i Territori Palestinesi Occupati (Cisgiordania) e in Libano. La tensione è ormai altissima in tutta la regione, con episodi bellici e terroristici in Siria,

Senza dimora: a disposizione un ambiente del Seminario

In settimana, le persone attualmente accolte nella chiesa di Santa Maria sul Sile e altre che erano in attesa di un’accoglienza nel dormitorio della Casa della Carità gestito da Caritas Tarvisina, troveranno sistemazione per la notte in alcuni locali, con accesso indipendente dall’esterno, forniti di servizi e di quanto necessario a una dignitosa sistemazione