L'Avvento insieme: 2^domenica 6 dicembre 2020 - CARITAS TARVISINA

L’Avvento insieme: 2^domenica 6 dicembre 2020

Il messaggero è quell’uomo che spiana la strada verso la realtà più bella che abbia mai sperimentato e che trovo più essenziale e vera per me: sono amato, raggiunto e accompagnato da un Dio al quale vado bene così, un Dio che mi rivolge un abbraccio, uno sguardo d’amore e una promessa di camminare assieme, anche se ho sbagliato e se sbaglierò.” (Francesco, AVS 2015-16)

 

RADDRIZZATE LE VIE DEL SIGNORE

Dal Vangelo secondo Marco (1, 1-8)

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

 

RIFLESSIONE
testo di Francesco, giovane dell’Anno di Volontariato Sociale 2015-2016

Voce di uno che grida nel deserto”… E’ proprio vero, a volte è necessario entrare in un deserto per poter ascoltare quella voce. Il deserto è un luogo o un momento particolare della vita in cui ti trovi solo, ad affrontare te stesso. Il deserto per sua natura ti disarma, ti fa sentire piccolo, un granello di sabbia in mezzo a tanti altri. Può essere un periodo di silenzio durante la giornata oppure un periodo della vita in cui non hai più riferimenti, non sai dove andare e a chi chiedere aiuto. E’ un luogo di lotta e resilienza. Spesso è solo la speranza a tenerti in piedi. Tutti prima o poi ci troviamo a fare i conti con questo deserto. Il Vangelo di oggi ci mette di fronte alla possibilità di fare un incontro in quel luogo arido. Un incontro che segue una confessione e un battesimo. Nella mia vita penso di aver incontrato faccia a faccia Dio solo qualche volta. Quando è capitato, però, c’è stata quasi sempre questa dinamica. Innanzitutto, per qualche motivo i miei castelli fatti di sicurezze, convinzioni e spesso presunzioni sono crollati, facendosi sabbia e deserto. Poi un incontro, un messaggero che raddrizza i sentieri. Come Giovanni, il messaggero per me è un uomo forte, saggio, che sa vivere con poco perché ha trovato l’essenziale. Un uomo che mi ha aiutato ogni volta a riprendere consapevolezza delle mie ferite, a confessarle dicendo: “Questo è quello che ti ho dato, Signore, mi dispiace… aiutami tu”. E questo mi ricorda tanto l’immersione nell’acqua del battesimo. Mi immergo, cioè mi assumo la responsabilità dei miei limiti, ma spero che una mano venga a tirarmi su, perdonandomi e donandomi una vita nuova. Il messaggero è quell’uomo che spiana la strada verso la realtà più bella che abbia mai sperimentato e che trovo più essenziale e vera per me: sono amato, raggiunto e accompagnato da un Dio al quale vado bene così, un Dio che mi rivolge un abbraccio, uno sguardo d’amore e una promessa di camminare assieme, anche se ho sbagliato e se sbaglierò. Se però chiederò a Lui aiuto, la prossima volta forse avrò la forza di fare meglio. Se questo è il messaggio, forse vale la pena fermarsi ad ascoltare.

 

 

ATTUALIZZAZIONE
tratta dagli scritti di Padre Jihad Youssef “Abbiamo fame e nostalgia dell’Eucarestia”, Ancora, 2018 pp. 52-53

Padre Jihad Youssef tra il 2016 e il 2017 visita i profughi cristiani provenienti dall’Iraq, che vivono in Turchia. Racconta spesso nel suo diario di persone che vivono fortemente l’esperienza della conversione e del perdono dei peccati. In queste vicende egli diventa testimone della forza dello Spirito Santo, che permette a chi in Lui si abbandona di raddrizzare i sentieri storti della propria vita. Uomini capaci di conversione. Scrive nel dicembre 2016:

 «[…] Se non fossi tenuto al segreto assoluto della confessione, vi racconterei delle meraviglie… persone che mi hanno stupito per quello che hanno detto e per il modo in cui sperimentano la misericordia di Dio. Non  dimenticherò mai le lacrime di una persona in particolare…in una certa situazione, aveva rifiutato la volontà di Dio, poi si è pentita di questo peccato e l’ha accolta con gioia e gratitudine. Ma le cose sono andate peggiorando e la persona ha reagito commettendo un grave peccato mortale senza rendersene conto, anzi credendo di fare la cosa giusta. Continuava a ringraziare il Signore per la prima conversione, quando ha accettato la Sua volontà, e a esprimere il dolore per averla rifiutata all’inizio, ma non riusciva a riconoscere il peccato grave che aveva commesso in seguito. Avrei dovuto dirle che il suo comportamento era stato un errore, ma la persona davanti a me era incapace di intendere e di giudicare, e si era affidata al parere di altri. Così mi sono trovato a dover difendere la sua coscienza davanti al suo peccato, quasi a giustificare la persona senza giustificare il peccato. Volevo difenderla davanti a Dio, invocando il suo stesso aiuto per poterlo fare. Volevo che capisse l’oggettività del male commesso ma che non si spaventasse di averlo fatto. E più di ogni cosa desideravo mostrarle il volto misericordioso di Dio. Le sue lacrime sincere per la cosa meno grave e la sua lode a Dio erano sicuramente sufficienti per purificarsi dalla cosa più grave. Ero davanti a un’anima delicatissima e vittima di tante cose, ho trattenuto difficilmente la mia commozione. Signore glorificati in questa riconciliazione…Trionfi l’amore sul peccato. In questa città tre casi di depressione estrema, di cui due erano giovani ragazze: la prima ha perso la memoria e rimane a letto; la seconda è ‘fuori di testa’ ma intelligentissima. (…) Era arrivata sana dall’Iraq la dopo quattro anni chiusa in casa, in una situazione di estrema povertà, non ce la fa più. Occhi profondi: ci siamo scambiati gli sguardi a lungo come due innamorati, la mano nella mano. Ho visto dietro il suo bel sorriso una ferita profonda in un cuore fragile, spezzato dalla sofferenza, dove solo la misericordia può arrivare. Sono sempre più convinto che il bene vincerà, anzi sta già vincendo. La salvezza sta prendendo una forma sempre più definitiva e sento che siamo più nel ‘già’ che non nel ‘non ancora’. Domani è sabato, mi riposo.»

 

 

PROPOSTA DI ANIMAZIONE

La seconda domenica di Avvento ci invita alla conversione. Il Signore Gesù viene tra noi mostrandoci il volto misericordioso del Padre, e donandoci la salvezza. A noi è chiesta la sincerità del cuore, uno sguardo umile e trasparente sulle nostre debolezze e sulle nostre colpe, il riconoscere, come questi fratelli provati da grande sofferenze, il male che abbiamo inflitto ma anche quello che abbiamo ricevuto. Quali ferite ho causato alle persone che mi circondano e quali mi sono state arrecate?

 

 

PREGHIERA
IN CAMMINO

Siamo come viandanti
che per un momento si fermano e cantano
ancora intorpiditi dalle pene del viaggio.
Ben lo sappiamo che, sulla montagna dell’oggi
non possiamo piantare le tende della pace.
Ben lo sappiamo che dobbiamo ripartire
scendere nelle pianure ostili, risalire le valli,
guadare i fiumi, traversare i deserti,
e camminare ancora e sempre ancora.
Ma sappiamo anche che un giorno a noi sconosciuto,
giungeremo alle porte della Città
il cui re è un Bambino
e la cui sola luce è l’Agnello immolato.
Per questo noi ti rendiamo grazie,
Padre Santo, per averci donato un poco di questa gioia
che domani lieviterà il mondo quando il Figlio tuo, vincitore,
si porrà alla testa dell’immenso corteo umano
e riconsegnerà il regno ormai maturo
per la festa definitiva e sicura.
Noi allora regneremo con Lui per i secoli dei secoli.
Amen.


Ultime notizie

Venite e Vedrete 2024

Vivere il sogno di Dio “Venite e Vedrete” è, da diversi anni, la giornata di porte aperte della Casa della Carità. Quest’anno si terrà: Sabato 11 maggio 2024 dalle 16:00 alle 22:00   Sarà NECESARIA L’ISCRIZIONE per permetterci di organizzare al meglio la visita della Casa (dalle 16:00 alle 17:00). Prenotazioni attraverso il formulario online!

Terra Santa ferita: solidarietà e pace. 18 febbraio Colletta nazionale

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in Cisgiordania e nel vicino Libano. Le vittime del conflitto sono oltre 28 mila (quasi 27 mila a Gaza, la metà dei quali bambini) e la

Campagna di solidarietà “Quaresima di carità” 2024

Mercoledì delle Ceneri è iniziava il periodo di 40 giorni durante il quale i cristiani si preparano spiritualmente alla Risurrezione di Cristo. La Quaresima è soprattutto un momento di riflessione, di ripensamento della propria vita da cristiani, una presa di coscienza verso il fratello più sfortunato, più povero, con il quale si cerca di dividere

Buon Natale 2023

Abbiamo piacere di condividere con voi gli auguri di Buon Natale che don Davide aveva scritto pochi giorni prima della sua scomparsa per tutti voi, certi che rappresentino un messaggio speciale e di speranza per le Sante Feste che ci prepariamo a vivere.   Carissimi, vi raggiungo con queste semplici parole, ma soprattutto con il