Presentazione del libro: "ESISTO MA NON CI SONO" - CARITAS TARVISINA

Presentazione del libro: “ESISTO MA NON CI SONO”

 [slideshow_deploy id=’3364′]

flat,1000x1000,075,f

Sabato 9 gennaio dalle 18.00 alle 19.00

Libreria Lovat, in via Isaac Newton n.13 a Villorba

Sabato 9 gennaio alle ore 18.00, la libreria Lovat a Villorba, ospiterà la presentazione del libro “Esisto ma non ci sono. L’altro volto dell’accoglienza” di Annalisa De Faveri, edito da San Liberale editrice. All’incontro sarà presente l’autrice, don Davide Schiavon, direttore della Caritas Tarvisina e due ragazzi ospitati presso i nostri centri accoglienza richiedenti asilo. L’ingresso è libero.

Attraverso questo libro l’autrice vuole fotografare, in tono realistico, quanto nel silenzio è avvenuto, dietro le polemiche e dietro i falsi miti che ruotano attorno a questo argomento.

Sarà un momento di incontro informale durante il quale verranno letti alcuni brani del libro e si potrà riflettere insieme di quanto sta accadendo, da una prospettiva difficilmente messa in luce: i volti, le vite e l’unicità di ogni singola persona.

IL LIBRO

Emin e Mohamed sono due dei tanti profughi giunti in Italia alla ricerca di un futuro migliore. Sono arrivati con una grande aspettativa, stremati dal viaggio, ma fiduciosi di poter realizzare il loro sogno, qualsiasi esso fosse. Poi gli eventi li hanno travolti; in breve tempo hanno capito che era solo una grande, grandissima bolla di sapone. Ora non possono più tornare indietro. Non possono tornare da mamma e papà (per chi li ha) e dire “non esiste quel mondo incantato che tutti descrivono. E’ finto. Non esiste” andando a rifugiarsi nella propria cameretta. E così vivono imprigionati nel limbo dell’attesa, dove il loro destino è sospeso ad una decisione di un tribunale, dove possono fare, andare o lavorare ma entro certi limiti perché altrimenti vanno “fuori convenzione”, dove devono mettercela tutta per sperare, ma senza illudersi.

E’ un racconto a quattro mani. Scritto da un ragazzo, Emin, che ha conservato ancora un po’ di speranza in un mondo migliore ed un ragazzo, Mohamed, che invece l’ha abbandonata. Scritto da una volontaria, Teresa, che ha fatto di tutto per regalare dei momenti di serenità ai ragazzi accolti, e Giovanna, che è amareggiata, disillusa, indignata ed urla la sua rabbia contro il sistema, contro i luoghi comuni dell’opinione pubblica, contro tutto.

Per informazioni: Tel. 0422/546585 mondialita.caritas@diocesitv.it

Lascia un commento


Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra