Ascoltiamo il Silenzio - CARITAS TARVISINA

Ascoltiamo il Silenzio

Venerdì 10 ottobre, presso la Casa della Carità – sede di Caritas Tarvisina – si è svolta una preghiera per ricordare il terzo anniversario del naufragio che, il 3 ottobre 2013, ha visto morire nel mare di Lampedusa 366 migranti.

Il momento di riflessione è stato accompagnato dalle parole del Vescovo Gianfranco Agostino che, commentando il brano del Vangelo che narra della fuga di Giuseppe e Maria con il neonato Gesù in Egitto (Mt, 2,13-18) ha spiegato il senso della commemorazione.

“Giuseppe e Maria, e con loro il piccolo Gesù, sono fuggiti perché c’era un pericolo, perché la sopravvivenza era a rischio. E tanti che sono fuggiti, il cui viaggio si è drammaticamente concluso nel fondo del Mediterraneo (ma anche nel deserto, nelle montagne del Caucaso o dei Balcani, o dentro i cassoni dei camion), non lo hanno forse fatto semplicemente per poter vivere, o sopravvivere? Non sono forse fuggiti da crudeltà simili a quella di Erode? Dalla crudeltà della fame e delle guerre, di condizioni ambientali invivibili, di dittature o persecuzioni senza pietà?”

[…] Nessuno, o quasi nessuno, di noi conosce l’esperienza di giungere ad affrontare rischi mortali pur di sopravvivere, per scansare la morte che ci passa accanto.

[…]Le mille storie di tanti viaggi terribili, di tanti naufragi, di tante vite stroncate, ci giungono come avvolte da un grande silenzio. Talora è il silenzio della commozione, o il silenzio di chi si ritrova impietrito di fronte a tante morti assurde; ma spesso -confessiamolo – è il silenzio dell’indifferenza.

“Ascoltiamo il silenzio” è l’invito dato a questo nostro ritrovarci e che campeggia davanti a noi. In verità un grido intenso e straziante si eleva dal silenzio di quel mare che gli antichi chiamavano “nostrum”, un pianto e un lamento senza fine, perché troppi figli, troppi fratelli, non ci sono più, non ci sono crudelmente più. È il pianto, il lamento dei disperati in fuga che non raggiungono la meta, ma anche quello di tutti i derelitti e gli oppressi della terra, degli impoveriti dalle immani ingiustizie che pervadono il mondo e che non cessano di produrre troppi ricchi epuloni e troppi poveri lazzari.

            Questa sera vogliamo raccogliere quel grido, quel lamento grande, quel pianto. Lo ha raccolto e lo ha fatto suo Gesù in croce; il quale, come racconta Marco, «dando un forte grido, spirò» (Mc 15,37). Gesù, fratello, già nell’infanzia, degli esiliati e dei profughi, dei perseguitati e dei braccati dalla morte. Gesù, colui che si è messo con gli ultimi e i disgraziati della terra. Gesù, che «ci ha riscattati dalla maledizione della Legge – scrive Paolo – diventando lui stesso maledizione per noi, poiché sta scritto: Maledetto chi è appeso al legno» (Gal 3,13).

            Nel silenzio della nostra riflessione e della nostra preghiera, risuoni dunque questa sera quel grido che si alza dal silenzio del mare: risuoni dentro di noi e raggiunga il nostro cuore, come raggiunge, certamente, il cuore di Dio.

La serata ha visto la partecipazione di oltre 500 persone, tra cui molti migranti, che, estraniandosi da polemiche e clamori, hanno voluto ricordare le vittime di questa strage che continua a perpetrarsi giornalmente.

Proprio questo ricordo è stato scritto da ognuno su un pezzo di carta e appeso simbolicamente ad una pianta di vite, da un lato come monito a non dimenticare, dall’altro come affidamento alle misericordia di Dio.



Ultime notizie

Progetto “Pozzi in Togo”: ringraziamento e sostegno

Vi riportiamo, di seguito, la lettera, le foto e i video che abbiamo ricevuto da padre don Francis Barandao per ringraziare delle numerose e generose donazioni che sono arrivate per assicurare l’acqua in diversi villaggi del Togo. La tua donazione, oltre che essere importante per sostenere queste persone, rappresenta, per noi, un segno tangibile di

Rapporto nazionale Caritas sul volontariato

Presentato oggi il secondo Rapporto nazionale Caritas sul volontariato. La presentazione è avvenuta a Roma, nel contesto dell’incontro dei referenti diocesani Caritas del volontariato: un evento in linea con gli obiettivi strategici per il quinquennio 2023-2027, che prevedono “un’attenzione specifica al volontariato e all’educazione al servizio”. Caritas Italiana, sin dall’indagine sul volontariato promossa nel 2023,

Venite e Vedrete 2024: sogno di Dio

di don Bruno Baratto, coordinatore ad interim di Caritas Tarvisina “Venite e vedrete!” dice Gesù in Gv 1,39 ai primi due che desiderano sapere chi Lui sia. Ormai da nove anni Caritas Tarvisina ha ripreso questo invito per la giornata in cui apre le porte della Casa della Carità a chi voglia conoscere di prima

Il Bilancio 2023: la speranza è un cammino fatto insieme

Educazione alla pace, accoglienza, promozione umana e giustizia sociale alcuni dei capitoli del documento. “E’ urgente ritrovare l’ampio respiro di sognare e lottare per un mondo migliore. Non da soli, ma insieme, ritrovando la dimensione del «noi»”. Il racconto di un anno intenso, particolare, quello che emerge dalle pagine del Bilancio Sociale 2023 della nostra