Venite e vedrete - resoconto e documenti - CARITAS TARVISINA

Venite e vedrete – resoconto e documenti

Schermata 2016-05-13 alle 09.00.58

SFOGLIA IL BILANCIO

L’esperienza del Venite e vedrete di sabato 7 maggio ha lasciato un segno profondo ed indelebile in quanti vi hanno partecipato. Nella semplicità di alcune ore trascorse nella comunione e nella serenità, ognuno ha potuto toccare con mano la ricchezza e la bellezza dell’altro. Si è respirato un clima di famiglia e di casa. È stata veramente una esperienza di chiesa molto forte dove si è toccato con mano il cammino di chi cerca, giorno dopo giorno, di valorizzare le differenze e di accorciare le distanze. In questo Anno Santo della Misericordia credo che questa giornata sia stata veramente una semplice, ma bella pagina di vita della nostra chiesa diocesana.

È stata prima di tutto un tempo in cui far memoria di come lo Spirito Santo continua a disegnare pagine meravigliose d’amore. È stato veramente bello gustare come nel corso degli anni il Signore ha manifestato la sua misericordia infinita sul cammino delle nostre comunità e delle caritas. Dinanzi alla tentazione di fabbricare in fretta sulle sabbie mobili dei risultati immediati, il fermarsi in silenzio a contemplare come l’Amore infinito di Dio continua anche oggi a far fiorire i deserti, ci ha aperto alla speranza e alla fiducia. Poter respirare un’aria fresca di comunione, di solidarietà, di prospettive nuove ha ricolmato il cuore di tutti i presenti. La memoria della presenza viva di Dio ha donato la consapevolezza che ognuno è una terra sacra, che la vita di ogni uomo è un dono unico, che tutto è dono. È stato anche il momento per far memoria delle cose belle, buone e vere che il Signore ha donato di vivere all’interno della Casa della Carità e nel territorio della Diocesi, attraverso la concretizzazione delle opere di misericordia e il farsi prossimi verso i fratelli che sono nella difficoltà e nella prova, di quanti feriti dalla vita brancolano nel buio dell’emarginazione.

È stata anche un tempo di incontro tra tante persone riunite come in unica famiglia dall’unico Dio e dal suo infinito amore. È stata una giornata di tanti incontri, di intrecci di storie, di sguardi, di volti. Ed è stato meraviglioso cogliere come, nei diversi momenti, ognuno fosse animato dal desiderio di bene per gli altri. Ciascuno era interessato all’altro e si percepiva forte il calore di quella fiamma interiore che si chiama fraternità e che spinge a prendersi cura dell’altro, a prendersi a cuore la sua situazione. È stata una festa di famiglia dove non c’erano vicini e lontani, indigeni e stranieri, ricchi e poveri, noi e gli altri, ma solo fratelli da riconoscere ed incontrare. È stata vera festa.

È stata anche un tempo di semplicità e di condivisione. Nella semplicità c’è chi ha raccontato il cammino della caritas e chi la propria esperienza personale. Non è stata una cronaca, ma il narrare come la Vita continua a scorrere e a sorprendere. Narrare la dignità e la recuperabilità di ogni esistenza nella semplicità del proprio essere, contrassegnato da talenti e da debolezze. Nella semplicità di parole pronunciate con moderazione si è cercato di dare voce a chi spesso non l’ha, di ricordare con delicatezza e fermezza che la vita è sacra e che siamo chiamati a costruire ponti e non muri. È stata una giornata di condivisione di storie, di sentimenti, di gioie e di fatiche. Si è cercato di dire che condividere l’essenziale della vita è il primo passo per sconfiggere la globalizzazione dell’indifferenza e la logica dello spreco. È stata un grande dono di Dio, è stato un nuovo inizio.

Condividere un unico pane ed abitare un’unica casa non è solo lo slogan di una giornata, ma è il ritmo che scandisce il nostro cammino per contribuire a costruire una nuova umanità.

Venite e vedrete 2016

PRESENTAZIONE BILANCIO SOCIALE 2015

PRESENTAZIONE SETTORE MONDIALITÁ 2015

PRESENTAZIONE ACCOGLIENZA MIGRANTI 2015


Ultime notizie

Rapporto Povertà 2023 “Tutto da perdere”

Presentato il Rapporto 2023 su povertà ed esclusione sociale di Caritas Italiana È stato presentato venerdì 17 novembre a Roma, – in vista della Girnata Mondiale dei Poveri istituita da papa Francesco, che si celebra domenica 19 novembre – la ventisettesima edizione del Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia dal titolo “Tutto da

Sussidio per l’Avvento e il Natale 2023

Il sussidio per l’Avvento e il Natale che proponiamo quest’anno è a cura dell’Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana, fatto con la collaborazione del Settore per l’Apostolato Biblico dell’Ufficio Catechistico Nazionale, del Servizio per la Pastorale delle Persone con Disabilità e di Caritas Italiana. Il documento desidera essere uno strumento utile per le comunità

NATALE CON CARITAS: un dono solidale

Come è consuetudine, la Caritas diocesana coglie l’occasione del tempo dell’Avvento per offrire la possibilità di unire la scelta di un dono per i propri cari in occasione del Natale e aiutare chi davvero ne ha più bisogno.   Sostieni la CASA DELLA CARITA’ donando   un pasto caldo per una persona in Casa della

Pranzo in Vescovado

Giornata mondiale dei poveri: 80 persone a pranzo in Vescovado a Treviso, nel ricordo di don Davide Schiavon, che ha ideato l’iniziativa insieme a mons. Tomasi A pranzo a casa del Vescovo. Oggi, per un bel numero di persone seguite dalla Caritas diocesana di Treviso, c’è stato un momento speciale e semplice al tempo stesso: