Giornata Mondiale dei Poveri 2018 - CARITAS TARVISINA

Giornata Mondiale dei Poveri 2018

«Questo povero grida e il Signore lo ascolta» (Sal 34,7). Le parole del Salmista scelte dal Papa per l’odierna Giornata Mondiale dei Poveri diventano anche le nostre nel momento in cui siamo chiamati a incontrare le diverse condizioni di sofferenza ed emarginazione in cui vivono tanti fratelli e sorelle che siamo abituati a designare con il termine generico di “poveri”. Chi scrive quelle parole non è estraneo a questa condizione, al contrario. Egli fa esperienza diretta della povertà e, tuttavia, la trasforma in un canto di lode e di ringraziamento al Signore. Questo Salmo permette oggi anche a noi, immersi in tante forme di povertà, di comprendere chi sono i veri poveri verso cui siamo chiamati a rivolgere lo sguardo per ascoltare il loro grido e riconoscere le loro necessità.

MESSAGGIO INTEGRALE DEL PAPA PER LA GIORNATA

Programma della giornata:

12:30 Pranzo condiviso in mensa Caritas presso Casa della Carità
15:30 “Un film insieme” presso Cinema Teatro Aurora

Per informazioni e prenotazioni chiamare lo 0422 546585

 

Per scaricare i materiali ufficiali della giornata clicca QUI



eventi correlati

Fare il bene, comunicarlo bene.

Fare il bene, comunicarlo bene. A cura diu Sonia Marcon, docente in psicologia presso IUSVE. Introduce Angelo Squizzato, direttore di Telechiara. La comunicazione è un processo complesso in cui si intrecciano diverse variabili sia interne/personali che esterne/situazionali. Tra le variabili interne/personali consideriamo le caratteristiche di personalità, la capacità di gestire le proprie emozioni, la consapevolezza

Stefano Allievi: Immigrazione. Cambiare tutto.

Immigrazione. Cambiare tutto. A cura di Stefano Allievi, docente in sociologia presso l’università di Padova.   La conferenza-spettacolo è tratta dal libro di Stefano Allievi “Immigrazione. Cambiare tutto” (Laterza 2018): un testo che è l’esito di ricerche quasi trentennali sul tema, ricchissimo di dati di prima mano molto aggiornati, analizzati alla luce di un paradigma

Transitanze: spettacolo di teatro danza

Quanto spazio esiste tra il vedere e l’essere, tra immagine e realtà? Il cliché dell’immigrato è l’abito e, una parola chiama l’altra, l’abitudine. Ma spesso si tratta di un vestito scaduto, di un abito che possiamo e dobbiamo smettere, per il bene della nostra terra. Chi è lo straniero, che richiama in noi una conoscenza