Una casa per i bimbi accusati di stregoneria in Togo - CARITAS TARVISINA

Una casa per i bimbi accusati di stregoneria in Togo

“Offriamo ospitalità ai bambini in situazioni difficili che spesso sono accusati di stregoneria”

Sacerdote della diocesi di Kara, nel nord del Togo, Padre Francis Barandao è Segretario Generale dell’Organizzazione della Carità per lo Sviluppo Integrale (Ocdi-Caritas Kara) e dirige il Centro Emmanuel a Tourmolga, Niamtougou, a 440 km da Lomé. Questo centro, inaugurato il 29 novembre 2019, si propone di offrire ospitalità e sostegno ai bambini accusati di stregoneria e a quelli abbandonati per strada. Con il giornale La Croix Africa affronta il tema del trauma di questi bambini e la sfida della loro cura.

La Croix Africa: Nell’immaginario popolare, perché i bambini sono considerati stregoni?

Padre Francis Barandao: La questione della stregoneria nasce dall’immaginario popolare, basato su certi fenomeni paranormali, coincidenze che ruotano attorno alla morte che, di per sé, rimane un mistero variamente interpretato secondo le credenze e le immaginazioni di persone. Si dice, ad esempio, che i nativi di Niamtougou [regione di Kara, a nord] siano stregoni. Inoltre, secondo le credenze secolari, qui nessuno muore di morte naturale: “la morte è causata da qualcuno, un nemico”, si sente spesso. Di solito, le persone deboli come gli anziani o i bambini, vengono attaccate semplicemente perché sono nate con un difetto fisico o mentale. E quando un membro della famiglia muore, si dice che sia causa di questo o quel bambino che non ha occhi normali o ha qualche tipo di disabilità. Si ritiene che non sia un bravo bambino, che abbia una  connessione con il diavolo e possa quindi uccidere.

L.C.A. : Alcuni di questi bambini hanno sicuramente subito un trauma. Questo rende la loro presa in carico più difficile?

P.F.B. : Sì, alcuni bambini accusati di stregoneria sono stati trascinati nelle case dei “guaritori” finché non confessano di cosa sono accusati. A volte alcuni di loro accusano gli adulti e spiegano come li hanno introdotti alla stregoneria. E gli adulti accusati cercano vendetta nei confronti di questi bambini. Da qui il trauma vissuto da molti di loro. Per questo motivo ci avvaliamo di psicologi per sostenere questi giovani.

L.C.A. : Perché hai scelto di prenderti cura dei bambini accusati di stregoneria?

P.F.B. : In effetti, il Centro Emmanuel non accoglie solo bambini accusati di stregoneria, ma anche altri bambini abbandonati per strada. Per evitare la categorizzazione, li consideriamo tutti bambini in difficoltà. Come sacerdote, ho sentito il bisogno di sostenere i bambini accusati di stregoneria, vittime di una specifica vulnerabilità. Per me è una forma di pastorale accompagnare questi giovani attraverso l’ascolto, la preghiera, l’educazione, ecc. Ma va detto che questo centro è anche opera di un amico, don Davide Schiavon della Caritas italiana di Treviso, il cui sostegno è stato determinante dall’idea alla realizzazione del progetto portato avanti dall’associazione “Azione Cristiana per Bambini in Difficoltà Treviso-Tourmolga ”(Acedtt) che abbiamo creato nel 2015.

L.C.A. : Quali sono le modalità di inserimento dei bambini nel centro?

P.F.B. : Linserimento non è facile in questo caso, perché prima di tutto questi bambini sono emarginati, stigmatizzati, non solo nelle loro famiglie, nella società, ma anche nella scuola dove i loro compagni si prendono gioco di loro. Senza dimenticare la precarietà in cui sono cresciuti. C’è quindi un lavoro psicologico preventivo, ma bisogna anche contare su un cambiamento nella mentalità della società per facilitare il loro reinserimento familiare e sociale, tenendo conto delle loro scelte: scuola, formazione professionale …

fonte: https://africa.la-croix.com/

 

VUOI CONOSCERE MEGLIO IL PROGETTO “EMMANUEL” ? CLICCA QUI.

 


Ultime notizie

Ascoltiamo il Silenzio 2020

Venerdì 9 ottobre alle 20.30 in Casa della Carità, si celebrerà, con la presenza del nostro Vescovo, un momento di preghiera per i migranti morti durante il loro viaggio. Questo appuntamento porta il nome di Ascoltiamo il silenzio. Viaggi della speranza che sono diventati tragedie nella traversata del Mediterraneo, del deserto del Sahara e su molte

La meta più bella

Sono orgoglioso della mia terra, sono orgoglioso di questo rugby, sono orgoglioso di conoscere Alberto, sono orgoglioso di questa scelta, segno luminoso in questo tempo di buio.   Ogni giorno ricevo in dono la possibilità di toccare con mano il mistero dell’umano, la bellezza di situazioni di gioia e di amore insieme al dolore per

Auguri don Michele!

1° anniversario dell’ordinazione episcopale del vescovo Michele. Un anno da Vescovo e  un anno di dono per la nostra Comunità. Oggi don Michele ci ha fatto il regalo di celebrare l’Eucaristia con noi operatori Caritas, nella cappellina della Casa della Carità. Un momento importante per ricordare l’inizio del cammino del Pastore della nostra diocesi con

Iraq e Covid-19

Il covid19 ha avuto un impatto irruento anche nei territori dell’Iraq, già precedentemente colpiti da conflitti e violenze: un luogo in estrema crisi… forse addirittura un non-luogo, che si confronta però, quotidianamente, con vite umane. Mancano, di base, l’acqua e l’essenziale per l’igiene personale. Durante gli ultimi quaranta anni il popolo iracheno ha subito quattro guerre,