In comunione con il Togo e con ogni uomo - CARITAS TARVISINA

In comunione con il Togo e con ogni uomo

“In un periodo in cui si parla ovunque di muri, è stato veramente bello sperimentare la logica del ponte, […]”

Da pochi giorni sono rientrato con Davide (operatore caritas) da una breve missione in Togo, precisamente a Niamtougou. Lì da quattro anni stiamo portando insieme alla chiesa locale un progetto di accoglienza per i bambini abbandonati, in modo particolare per coloro che vengono detti sorcier (cioè posseduti da spiriti cattivi). La progettualità è certamente importante, ma ciò che ha più valore è il cammino tra chiese sorelle, è la condivisione della stessa fede, di gioie e dolori, di paure e speranze. Sono stati giorni intensi, di relazioni profonde alla luce della Parola. In un periodo in cui si parla ovunque di muri, è stato veramente bello sperimentare la logica del ponte, la gioia di sentire che siamo una sola famiglia umana e che sotto la guida dello Spirito Santo vengono valorizzate le differenze, ma accorciate le distanze. Siamo tornati a casa con molta speranza nel cuore e con la consapevolezza che un mondo migliore è possibile, ma dipenda da ciascuno di noi.

Molti chiedono perché andare in Togo con tutte le difficoltà che ci sono anche qui ? Non è per realizzare un progetto di cooperazione, ma per vivere una fraternità che è universale, che non conosce confini. È ricordarci sempre che siamo profondamente uniti gli uni agli altri. Ed è proprio alla luce del Vangelo della Carità che è possibile leggere la nostra vita, le nostre esperienze con occhi diversi, con uno sguardo illuminato dal desiderio di bene.

Ci sono incontri nella vita che restano impressi in maniera indelebile nel cuore di chi li vive. Sono momenti che cambiano radicalmente il cammino della propria esistenza, che dischiudono orizzonti di speranza e di fiducia dove ormai sembrava le tenebre avessero la meglio. È l’ora della salvezza, della rinascita e di quest’ora particolare resta impresso nel cuore il profumo, il colore ed il sapore. È vita che riaffiora e che esplode come nuova primavera, è il deserto che fiorisce in maniera del tutto inaspettata.

Presso il cuore ferito del povero è necessario fermarsi, rimanere in ascolto, sospendere il giudizio e lasciare che l’Amore sani ogni ferita. Dinanzi alla sofferenza, alla povertà, agli scenari di morte che si levano davanti ai nostri occhi, è facile lasciarsi vincere dalla tentazione di scappare via, di rinunciare. Gesù ci ricorda che quando abbiamo lasciato entrare nel nostro cuore le fatiche e le sofferenze degli altri, cambia radicalmente il nostro punto di vista. Si guarda all’altro in modo diverso, si comincia ad assaporare la dolcezza di vedere fiorire il bene dentro e intorno a noi. Prima di tutto è importante allora rimanere, restare dentro la realtà senza paura di sporcarsi le mani e di dover faticare. Rimanere significa affermare che la vita dell’altro mi interessa (I Care di don Lorenzo Milani), che viviamo la fraternità non solo a parole, ma nella concretezza delle scelte. Significa gioire con chi gioisce e piangere con chi piange. È stare fermi solo per amore, anche quando tutto ciò che ci circonda ci stringe attorno e ci spinge alla fuga. Rimanere nella storia delle persone vuol dire togliersi i calzari dei piedi, per onorare il percorso e la dignità di ciascuno, anche se segnata da qualche difficoltà. È custodire la vita, è prendersi cura di quel “prezioso tesoro che è contenuto in fragili vasi di creta”, sapendo che è un dono per tutti. Rimanere è dare fiducia alla credibilità di ciascuno, è vivere la fedeltà all’uomo.

Questo dimorare nell’incontro con l’altro diventa stimolo importante ad abitare i luoghi dell’umano. È dare dignità, è umanizzare la sofferenza e la povertà, imparando ad abitarla nella nostra impotenza e nella nostra debolezza. È dire con Pietro “Non abbiamo né oro, né argento, ma quello che ho te lo dono: in nome di Gesù alzati e cammina”. È incoraggiare alla vita. Purtroppo, oggi, tante volte i poveri e le loro storie destano profonda attenzione solo quando fanno aumentare l’audience o si trasformano in fenomeni da baraccone. Abitare la storia dell’uomo di oggi, con le sue solitudini, le sue angosce, i suoi drammi e le sue ferite, significa scendere con coraggio nell’infermo tenebroso di molte persone offrendo una vicinanza che assicura che nessuno è mai solo e mai verrà abbandonato dal Signore. Abitare è farsi carico della storia dell’altro con la consapevolezza che l’ultima parola sulla nostra esistenza e su quella degli altri è la Resurrezione, è l’Amore. Abitare in definitiva chiede di fare spazio dentro di noi, perché il povero possa trovare sempre accoglienza e riparo nel nostro cuore. Significa non vergognarsi della propria debolezza, ma metterla nelle mani di Gesù, sotto la sua mirabile custodia.

Come Chiesa è importante che sia vissuta questa fedeltà all’uomo e alla sua storia. Abitare significa entrare con delicatezza nei gangli vitali dell’esistenza dell’uomo, per sussurrare al suo cuore che ogni realtà viene recuperata dall’Amore. Abitare i luoghi dell’uomo contemporaneo significa portare la luce della misericordia di Dio nella politica, nell’economia, nell’educazione, nella famiglia, nel lavoro e in ogni frangente umano. È fare nostra la logica della debolezza di Dio, della sua semplicità per arrivare in ogni angolo della terra a dire che la Carità resterà sempre sorgente inesauribile di vita.


Ultime notizie

Parlare di bontà oggi

“Come contrastare la cattiveria? Facendo il percorso contrario a quello descritto. Anzitutto favorendo atteggiamenti che siano l’anticamera dell’amore: trattare le persone da persone, vivere il rispetto reciproco, ascoltarsi, essere attenti a chi è più debole, ecc.” Oggi si può ancora parlare di bontà? O le polemiche sul “buonismo”, magari attribuito alla Chiesa e a qualche

Educare a formare persone nonviolente

“le nuove generazioni, mai come in questa epoca, hanno bisogno di essere educate alla vita e all’amore. Le istituzioni, tutte, a partire dalle famiglie, dovrebbero con interventi mirati cercare di prevenire il disagio esistenziale al quale sono esposti i nostri giovani. Un disagio che nasce dai profondi cambiamenti socio-culturali e dalla frammentazione che si vive

Costruire nel quotidiano la pace

“Educare alla pace significa offrire a ciascuno la possibilità di mettere a disposizione degli altri le sue capacità e risorse affinché ognuno abbia la possibilità di vivere con dignità” In questo tempo segnato dalla guerra che sembra assumere sempre più un carattere permanente nella storia degli uomini, ci sono pochi temi importanti come l’educare alla

Trasformare incroci in incontri

“Il Signore Gesù ci ricorda che è necessario mettersi in cammino, che dobbiamo tenere sempre vivo dentro il nostro cuore il desiderio di casa, di ritornare a casa” Una delle tentazioni più facili per ciascuno è quella di costruirsi delle certezze per fuggire la paura dell’ignoto e del futuro che sta davanti. Il rischio concreto