Renzo Guolo: religioni, fondamentalismi e terrorismi

Renzo Guolo è professore ordinario presso l’Università degli studi di Padova. Docente di sociologia della religione nel corso di laurea magistrale di Scienze filosofiche e di Sociologia dell’islam nel corso di laurea in Scienze sociologiche, del quale è presidente dall’a.a 2013/2014.

E’ membro del collegio docenti della Scuola di Dottorato in Scienze sociali e docente nel Master di Studi sull’Islam d’Europa.
Dal 1 ottobre 2015 è Prorettore dell’Ateneo, con delega alle condizioni di lavoro e studio.

Membro della sezione di Sociologia della religione dell’AIS , del Comitato scientifico di Reset Dialogue on Civilitazion, del Comitato editoriale della rivista “Storia del pensiero politico”.
E’ stato membro del comitato di direzione del Forum internazionale ed europeo di ricerche sull’immigrazione( FIERI) e dell’International Board della rivista ” Religioni e società”. Ha diretto la collana editoriale “Frontiere” . Collabora con numerose riviste di scienze politiche e sociali.

E’ editorialista del quotidiano “la Repubblica” e dei quotidiani locali del Gruppo editoriale GEDI.

 


Documenti correlati


eventi correlati

Nello Scavo: religioni, fondamentalismi e terrorismi

ATTENZIONE! Data la forte affluenza di pubblico alla prima serata di “Bilanci di Pace” con il prof. Guolo, la seconda serata, con Nello SCAVO si terrà presso il Teatro Aurora a Treviso   Nello Scavo è giornalista de “L’Avvenire”, nonché reporter internazionale e cronista giudiziario. Negli anni, ha indagato sulla criminalità organizzata e il terrorismo globale, firmando

M’illumino d’impegno

ISCRIZIONI APERTE FINO A SABATO 17 FEBBRAIO   Cari animatori e capi scout, vogliamo invitare il gruppo di ragazzi che seguite all’edizione 2018 di M’ILLUMINO D’IMPEGNO. M’ILLUMINO D’IMPEGNO è un’iniziativa rivolta a ragazzi dalla I alla V superiore, con l’obiettivo principale di far conoscere diverse realtà di volontariato presenti sul territorio ed accompagnarli verso un’idea di

Transitanze: spettacolo di teatro danza

Quanto spazio esiste tra il vedere e l’essere, tra immagine e realtà? Il cliché dell’immigrato è l’abito e, una parola chiama l’altra, l’abitudine. Ma spesso si tratta di un vestito scaduto, di un abito che possiamo e dobbiamo smettere, per il bene della nostra terra. Chi è lo straniero, che richiama in noi una conoscenza