Bilanci di pace e Marcia per la pace 2024 - CARITAS TARVISINA

Bilanci di pace e Marcia per la pace 2024

In occasione del Mese della Pace, si terranno in diocesi gli incontri “Bilanci di Pace” (11 e 25 gennaio) e una marcia della pace, domenica 4 febbraio.

 

Bilanci di pace

Bilanci di pace, l’iniziativa giunta al suo 15° anno, proposta dalla Diocesi di Treviso, in particolare da Caritas Tarvisina, Pastorale Sociale e del Lavoro, Centro Missionario, Ufficio Pastorale delle Migrazioni (Migrantes) e il giornale diocesano La Vita del Popolo come media partner. Vuole essere un’occasione per riflettere e confrontarsi sul perché di tanta sofferenza ed ingiustizia, un’occasione per andare alle radici della pace vera.

Sono stati pensati due incontri, presso il Seminario Vescovile di Treviso, per l’11 e il 25 gennaio. Hanno come obbiettivo mettere al centro il tema della pace come chiave di un cambiamento che riguarda tutti, cogliendo i legami intrinsechi tra povertà, ingiustizia, crisi ambientale, guerre… Il desiderio era quello di far cogliere l’importanza di camminare insieme imparando ad abitare la storia nella sua concretezza senza abdicare all’orizzonte dell’amicizia sociale, della fraternità, del bene comune.

Gli incontri:

Giovedì 11 gennaio 2024 – ore 20.30

“Nei conflitti. Come agire per la pace in un mondo sempre più conflittuale?”

Intervento di Paolo Bergamaschi, a lungo consigliere politico per la Commissione Esteri del Parlamento Europeo, oggi scrittore e commentatore per numerose riviste e siti web.

Rivedi il primo interesantissimo incontro:

 

Giovedì 25 gennaio 2024 – ore 20.30

“Conflitto israeliani-palestinesi: scenari e prospettive”

Intervento di prof. Renzo Guolo, professore ordinario di Sociologia della religione all’Università degli Studi di Padova.

Rivedi il secondo incontro:

Presso il Seminario Vescovile di Treviso, in Piazzetta Benedetto XI, 2.

Ingresso libero, non è necessaria la prenotazione dei posti.

 

Marcia per la pace

Domenica 4 febbraio la Marcia della pace, promossa dall’Ufficio diocesano di Pastorale sociale e Lavoro, Giustizia e Pace, si svolgerà da Onè di Fonte a Casoni di Mussolente. “Per una pace che si pensa, si sente e si fa” sarà il titolo che punta a mobilitare “mente, cuore e mani”, sulla scia del messaggio di papa Francesco per il 1° gennaio 2024.

Partenza da Onè di Fonte alle ore 14:30, arrivo a Casoni alle ore 18:30. Con la presenza di mons. Michele Tomasi, vescovo di Treviso.

In seguito un video riassunto del pomeriggio trascorso assieme:

 

 

 



Ultime notizie

Terra Santa ferita: solidarietà e pace. 18 febbraio Colletta nazionale

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in Cisgiordania e nel vicino Libano. Le vittime del conflitto sono oltre 28 mila (quasi 27 mila a Gaza, la metà dei quali bambini) e la

Oltre mille persone alla Marcia diocesana della pace

Una pace non astratta, quella invocata e raccontata lungo il percorso di quasi 8 chilometri: “La pace si pensa, si sente, si fa”, lo slogan che ha accompagnato il cammino, con le parole di papa Francesco e le testimonianze di alcune persone nelle diverse tappe   Non sarà una “intelligenza”, quella dei piedi, ma certamente

Terra Santa: aggiornamento febbraio 2024

Il conflitto tra Hamas e Israele, innescato il 7 ottobre dall’attacco terroristico alla popolazione israeliana, ha raggiunto ormai proporzioni immani, non solo a Gaza e in Israele, ma anche in tutti i Territori Palestinesi Occupati (Cisgiordania) e in Libano. La tensione è ormai altissima in tutta la regione, con episodi bellici e terroristici in Siria,

Senza dimora: a disposizione un ambiente del Seminario

In settimana, le persone attualmente accolte nella chiesa di Santa Maria sul Sile e altre che erano in attesa di un’accoglienza nel dormitorio della Casa della Carità gestito da Caritas Tarvisina, troveranno sistemazione per la notte in alcuni locali, con accesso indipendente dall’esterno, forniti di servizi e di quanto necessario a una dignitosa sistemazione